Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

Leggete 10 anni di oltre 1000 articoli del sito di SPS!

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 29 visitatori online

Notizie flash

Contro ogni razzismo: SPS crede nella ius soli!!!

Benvenuto in Sacile Partecipata e Sostenibile!
cantiere bloccato: Esposto al Prefetto PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Ottobre 2020 17:27

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".
Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su vari rami della nostra reta d'acqua sta destando preoccupazione anche di chi non è propriamente ambientalista sfegatato. Da settimane sulla stampa e sui social ci si chiede perchè i lavori sono fermi e quando ripartiranno, ma da parte del Sindaco e dell'ass. Ceraolo nessuna spiegazione. La questione potrebbe essere anche più grave di ciò che appare solo alla vista e perciò la via più sicura è confidare nell'Autorità del Prefetto.
Ecco di seguito il testo dell'esposto inoltrato il 06/10/2020:

scarica l'esposto in pdf >>>

ed ecco di seguito la risposta del sindaco (questa volta più veloce della luce!) del 07/10/2020:

scarica la risposta in pdf >>>

Mentre NON è ancora pervenuta la risposta alla richiesta di adeguarsi al D.Lgs.48/2020 ... il conto alla rovescia dei 180 giorni è iniziato a giugno e io certo non perdo il conto Occhiolino

Ultimo aggiornamento Domenica 11 Ottobre 2020 10:42
 
da scaricare modello richiesta applicazione DLgs48/20 PDF Stampa E-mail
Martedì 29 Settembre 2020 08:55

Facendo seguito al precedente articolo che riassume la lunga e penosa questione pubblichiamo la lettera che ognuno di voi può scaricare e inviare alla propria amministrazione.
Purtroppo, a parte il Comune di Casarsa che lo aveva fatto al tempo, ho la motivata certezza che non sia solo l'amministrazione sacilese a non essersi curata del RECEPIMENTO della norma dell'allora D.Lgs: 257/16. E non credo che la Circolare - peraltro molto chiara - del Prefetto abbia sorito alcun effetto su amministratori di scarso interesse e pure vista corta in fatto di nuovi scenari di mobilità. Ovvio che dove non ci sono infrastrutture non può espandersi alcuna nuova forma di mobilità. Pensate solo che a Sacile, città di poco al di sotto dei 20.000 abitanti, abbiamo UNA sola colonnina di ricarica al parcheggio del Palamicheletto. Una postazione che nessun turista che arriva capisce SE e COME funziona.... Diversamente da quanto hanno e stanno ampliando invece da tempo nei vari Paesi europei.

Perciò ecco la lettera modello che ogni cittadino interessato può scaricare e presentare alla propria amministrazione: clicca qui per scaricare il modello lettera >>>

Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Ottobre 2020 15:35
 
Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Settembre 2020 08:51

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E speriamo che pure stavolta non si ostinino a perseverare nel dire di no...

La storia dell'originario D.Lgs.257/16 la conoscete: per la prima volta ho fatto presente la questione ai primi di settembre del 2018. Nessuna reazione, nessuna risposta sulla stampa da parte dell'assessora all'Urbanistica.
Dopo aver come sempre pazientemente e rispettosamente atteso non alcuni giorni, non alcune settimane, non alcuni mesi, ma un generoso ANNO, al 30 gennaio 2020 abbiamo inviato l'esposto al Prefetto di PN.
Il Prefetto ha inviato sua circolare a tutte le amministrazioni del pordenonese. Ma l'amministrazione sacilese non ha dato seguito nemmeno stavolta all'invito del Prefetto (esattamente come era successo per il rimborso depurazione!).
Inizio a scrivere mail all'ufficio urbanistica chiedendo ragione di questa strenua opposizione a quello che da normativa veniva definito "recepimento" (leggi: "dovete farlo e basta"). Dopo svariate mail e telefonate finalmente a giugno mi risponde l'assessora Zanfrà affermando che la questione competeva ... "alla regione". Aggiunge che in collaborazione con i tencici dell'APE stanno valutando modifiche al regolamento edilizio. Peccato che la normativa è nazionale (o meglio di derivazione europea come tutte le normative per la tutela ambientale, depurazione compresa) e quindi non c'era proprio nulla da "valutare".
Infatti, se avete letto il sopra linkato testo del D.Lgs257/16, appariva chiaro che "i Comuni" dovevano adeguarsi. Perciò mi sono rivolta alla regione.
Anche qui, inizialmente NESSUNA RISPOSTA dall'Ufficio competente. Sottolineo Ufficio di Amministrazione Pubblica!

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Settembre 2020 08:55
 
dedicato ai "grandi"... PDF Stampa E-mail
Sabato 12 Luglio 2014 09:38

Dedicato ai "grandi" ... che poi tanto "grandi" non sono, visto che durante la bella stagione i bimbi trasportati sul seggiolino delle bici dai "grandi" son purtroppo quasi tutti SENZA CASCHETTO.
Ulteriore esempio della superficialità, anzi, sventatezza, e della totale mancanza di cultura della sicurezza (leggi: prevenzione) di coloro che anagraficamente sono considerati adulti. E che a maggior ragione dovrebbero essere responsabili e accorti quando si tratta di mettere in campo quanto possibile per tutelare salute e vita dei piccoli.

L'appello di SPS è dunque: METTIMI IL CASCHETTO!!!

Così mi abituerai anche a fare più attenzione a me quando crescerò!!!

 

 

Ricordati:  CASCOANKIO!



Chi ha testa ... la protegge Sorridente

 

Caro "grande", dedicami anche 10 minuti per spiegarmi le insidie dell'ANGOLO CIECO, te ne sarò grato anche per quando dalla bici passerò allo scooter!

Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Aprile 2017 09:32
 
Quando la fiducia è mal riposta PDF Stampa E-mail
Lunedì 03 Agosto 2020 17:04

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono strettamente legate, pareva ovvio cercare una rassicurazione che per i sacilesi non si sarebbe verificato quanto successo ai cittadini di Maniago. Pareva anche ovvio dimostrare correttezza isituzionale contattando l'assessore competente anzichè affidare la richiesta direttamente nelle mani della minoranza/opposizione. La richiesta era che l'assessore Baldo facesse proprio questo OdG e lo portasse al Consiglio Comunale di Sacile. Sempre per correttezza non è stato dato nulla alla stampa, nemmeno la notizia dell'incontro del 30 giugno con l'assessore, per lasciar tempo all'amministrazione sacilese di valutare il testo (pdf1).
Invece il Sindaco ha rifiutato la richiesta dei firmatari (pdf2) con motivazioni alquanto fragili (pdf3) cosicchè si è resa necessaria una risposta di chiarimento da parte nostra (pdf4). Allorchè non si è sentito più NULLA.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 05 Agosto 2020 08:41
 
pericolosa uscita su Pontebbana PDF Stampa E-mail
Mercoledì 15 Luglio 2020 17:07

L'incidente accaduto lunedì 13 a un ottantenne in bicicletta non è il primo in quel punto: l'uomo stava transitando con la bici sulla ciclabile quando un'auto, uscendo da via Granzotto, lo ha urtato di lato facendolo cadere. Per fortuna non ci son state conseguenze gravi.
I residenti segnalano che ogni tre mesi si verifica un incidente. I motivi sono noti:

Per prima cosa molti automobilisti escono con troppa velocità perchè lo stop è posizionato sulla ciclabile.
inoltre svoltano di frequente verso sinistra nonostante la freccia di direzione obbligatoria imponga la svolta a destra (quando non è coperta dalla vegetazione).
E a volte c'è persino chi da viale della Repubblica si infila contromano in via Granzotto nonostante i cartelli (come succede ancora oggi in via dei Masi!).

La situazione è stata già ripetutamente segnalata dai residenti, ma, come testimonia questo ennesimo incidente, resta poi sempre tutto uguale.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 15 Luglio 2020 17:27
 
caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi PDF Stampa E-mail
Lunedì 13 Luglio 2020 09:00

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni, come riportate sulla stampa locale e gli interrogativi sono i miei:

Il DG afferma che non si tratta di un licenziamento bensì del NON rinnovo del contratto a questo giovane medico perchè tanto è un libero professionista.
Beh, chissà quanti sono i giovani medici che invece di vedersi costretti a rincorrere contratti a tempo determinato un pò qua e un pò là vorrebbbero vedersi assunti dalla Sanità Pubblica con un contratto a tempo indeterminato.... Chissà quanti giovani medici, infermieri e OSS vorrebbero poter stare tranquilli per costruirsi un futuro e non avere il batticuore perchè tre giorni prima della scadenza del loro contratto a termine non sanno se verrà rinnovato. Non dimenticate che una volta tutto questo non c'era, in Ospedale trovavi il personale ospedaliero che faceva il suo lavoro fino alla pensione e basta. A questa precarietà ci hanno portato negli anni e ora, pare, che questa precarietà la devi anche conservare con il silenzio???

Il DG afferma che esprimendo pubblicamente la sua opinione il giovane medico "ha violato le direttive impartite lo scorso 11 febbraio a tutti i collaboratori con specifica disposizione di preventiva informazione alla DG rispetto alle comunicazioni esterne".
Beh, ma una Direzione Generale può permettersi di violare il principio sacrosanto della nostra Costituzione, cioè l'art. 21 che recita "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione"? Avevo sentito di questa circolare, ma ora il DG lo ammette pubblicamente. Non è gravissimo?

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Luglio 2020 21:48
 
Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero PDF Stampa E-mail
Domenica 05 Luglio 2020 15:01

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.


Sottolineo ancora una volta che mettere insieme questi pochi dati costa molta fatica (per cui purtroppo ho saltato due anni) e faccio presente ancora una volta che dovrebbe essere l'amministrazione comunale a fornire puntualmente questo resoconto alla cittadinanza con pubblicazione sul sito del Comune.

Dopo tanti anni che seguo con convinzione la questione incidenti (e lo sapete perchè verificabile in questo sito) continuo ad essere convinta che pubblicare i numeri è cosa importante.
Ed è proprio in relazione ai numeri che finalmente, tocca dire di nuovo dopo tanti anni, ho trovato una risposta ad una domanda: perchè non corrispondevano mai con le cifre che trovavo in regione e perchè quei numeri erano sempre inferiori???

Finalmente un gentile e competente funzionario regionale mi ha dato la risposta che finora nessuno mi aveva saputo dare: le cifre dell'incidentalià rilvate dall'ISTAT tengono conto solo degli incidenti CON FERITI.
Questa cosa non è da poco. i numeri non sono bruscolini. Ogni incidente senza feriti è un potenziale incidente CON feriti e ogni incidente con feriti e un potenziale incidente CON decessi.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Luglio 2020 08:12
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 94