Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

vogliamo una BICIPOLITANA da Sacile a Casarsa!!!

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 16 visitatori online

Notizie flash

Salviamo il paesaggioSpS aderisce alla campagna  "Salviamo il Paesaggio - Difendiamo i Territori."

Benvenuto in Sacile Partecipata e Sostenibile!
Casa di riposo o gronda est? Quale scenario? PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Gennaio 2022 18:29

Così nemmeno stavolta vedremo la notizia dell'avvio dell'iter per l'ampliamento della casa di riposo di Sacile, cosa che aspettiamo e ci sentiamo promettere da 20 anni. La finanziaria regionale ha infatti stanziato 9 milioni per una nuova casa di riposo a Villanova e pure 500.000 euro per corte Macramè, residenza per l'abitare possibile, sempre a PN, dove è attiva ormai anche la residenza nuova di zecca del gruppo Zaffiro.
Nemmeno a settembre con l'assestamento di bilancio avevamo visto niente: mentre 3,8 milioni erano andati a Pasiano proprio per il rifacimento e l'ampliamento della loro casa di riposo Casa Lucia, a Sacile erano stati assegnati nuovi 3,1 milioni per ... la gronda est.
Beh, che non si dica che non ci sono abbastanza fondi, si dica che dipende da cosa sceglie di chiedere alla regione un'amministrazione.

"I 50 posti letto in aggiunta agli attuali 86 della Casa di riposo garantiranno una lunga prospettiva di eccellenza della nostra struttura", aveva dichiarato nel 2012 l'allora Sindaco di Sacile , Ceraolo, oggi assessore ai lavori pubblici e mi aveva al solito attaccata quando avevo espresso i miei dubbi e segnalato che a Fontanafredda la Lega stava fortemente spingendo per una casa di riposo propria.

Ultimo aggiornamento Sabato 15 Gennaio 2022 19:58
 
Il Prefetto risolve l'attesa al freddo PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Gennaio 2022 20:43

Finalmente dopo quasi UN anno nessuno sarà più costretto ad addossarsi al muro per stare un pò al riparo in attesa di vaccinarsi. Il Prefetto ha dovuto intervenire una seconda volta perchè evidentemente si era cercato di fare orecchie da mercante, ma da oggi, martedì 4 gennaio 2022, la differenza con quanto si vedeva fino alla scorsa settimana è chiara:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E anche questa è fatta.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 05 Gennaio 2022 09:50
 
Esposto al Prefetto per situazione attesa vaccinazione PDF Stampa E-mail
Venerdì 10 Dicembre 2021 17:58

AL PREFETTO di PORDENONE

Sacile, 06/12/2021

Oggetto: Ripetuti disagi per attesa turno vaccinazione a Sacile

Ill.mo sig. Prefetto,
Con la presente la sottoscritta intende sottoporre all’attenzione della S.V. quanto segue:

Davanti ad una delle sedi deputate alla vaccinazione a Sacile, cioè quella con alcuni gradini e uno stretto accesso ubicato al lato sinistro dell’edificio in cui si trova l’entrata principale del Presidio Ospedaliero di Sacile, si creano ripetute situazioni di disagio per chi aspetta il proprio turno per l’inoculazione: non solo in giorni di freddo, ma nello specifico in caso di pioggia e di vento, le persone in attesa, in particolare gli anziani, sono costretti a sostare in fila senza alcun riparo se non quello di addossarsi al muro.

Questa situazione è stata riportata più volte sulla stampa già durante la prima campagna vaccinale, ma ad oggi nulla è cambiato.
Non solo queste condizioni possono a loro volta essere causa di pericolo per la salute proprio per la popolazione anziana, ma sicuramente la S.V. concorderà anche sul disagio provato da un anziano che ha anche problemi a sostare in piedi in condizioni climatiche avverse come riporto con foto sotto: (img)

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Dicembre 2021 18:04
 
Approdo sicuro sotto piazzetta Manin? PDF Stampa E-mail
Mercoledì 01 Dicembre 2021 17:10

Approdo sulla Livenza?
Si staglia all'orizzonte un nuovo disastro annunciato?
Su quel ramo d'acqua così stretto?
Con la sponda praticamente in verticale?
Con il parcheggio sopra in piazzetta Manin che già cede?

Prova ne sono le crepe nella pavimentazione. Crepe che dapprima son state rattoppate con inserti di pietra, poi, siccome le crepe si moltiplicavano, ci si è stufati e come spesso vediamo in molti altri posti a Sacile si è provveduto semplicemente a colare un po' di asfalto.

 

 

 

 

 

 

 

 


Abbiamo già dimenticato la sponda ceduta, le case crepate di cui una abbattuta e le attività temporaneamente chiuse sull'ansa della Livenza a Brugnera?
A Brugnera era stato infatti realizzato un intervento in via Veneto, dove la Livenza passa creando un'ansa sicuramente molto bella da ammirare, un luogo che dal 1964 veniva monitorato proprio per la sua fragilità.

Nonostante ciò hanno ben pensato di fare una bella colata di cemento con un camminamento stile Belvedere, panchine in marmo e ovviamente l'immancabile parcheggio. Peccato che il terreno non ha retto.


Ma va?!

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Gennaio 2022 20:40
 
PNRR, missione 4, servizi per la prima infanzia PDF Stampa E-mail
Martedì 30 Novembre 2021 17:21

Una buona occasione per ripensare seriamente e con una seria visione e competente programmazione per i prossimi 50 anni può venire con l'aiuto dei fondi del PNRR, missione 4, componente 1.1, relativa agli “investimenti per piani degli asili nido e scuole per l'infanzia e servizi di educazione e cura per la prima infanzia”.
Si potrebbe dunque ragionare sugli spazi per il Liceo Musicale nella sede dell'Aporti e nel raggruppamento dei bimbi della Collodi nell'edificio che già ospita l'asilo alla Vittorino da Feltre.
Una decisione certamente non facile, ma che va valutata all'interno di un discorso complessivo proprio per dare a Sacile un importante futuro scolastico. In fin dei conti i bimbi di oggi saranno gli alunni forse proprio del Musicale di domani. E con la possibilità di accedere a questi fondi si potrebbe davvero dare una compensazione di qualità alla comprensibile tristezza  per il trasferimento della Collodi. D'altra parte il senso avuto al tempo di sistemare la sezione insieme agli studenti delle superiori per facilitare il tirocinio è decaduto, la Vittorino da Feltre si trova a mezzo chilometro di distanza e potrebbe vedere ampliato anche lo spazio esterno togliendo quel triste e polveroso ghiaino grigio rimpiazzandolo con vero e fresco e sano verde. Sicuramente più ampio e soleggiato del piccolo giardinetto attuale della Collodi.
Potrebbe anche essere l'occasione per avviare una cosiddetta sezione Primavera, cioè per i bimbi troppo grandi per il nido ma troppo piccoli per l'asilo, quelli dai 2 ai 3 anni. oppure una sezione in lingua inglese. Insomma si può pensare a diverse nuove possibilità...
Per non parlare del risanamento del nostro unico asilo nido ... Ma questa è un'altra storia, anche se vecchia.

Ultimo aggiornamento Martedì 30 Novembre 2021 18:52
 
La storia finita dei Birò PDF Stampa E-mail
Lunedì 15 Novembre 2021 11:34

E così mi trovo costretta ad inserire un nuovo articolo nella sezione “per non dimenticare”, perchè a Sacile ormai è definitiva la FINE dei Birò. Una fine che avevo subito immaginato, ma che mai avrei pensato così ingloriosa. A Sacile infatti i Birò, fermi ormai da anni, verranno rottamati al costo di 1.464 Euro.
Voi subito chiederete: e negli altri Comuni?
Devo rispondervi purtroppo che pure negli altri Comuni (se ben ricordo 4 mezzi in 5 Comuni) i Birò son ben presto spariti dalla circolazione. Solo che, ad esempio, nel Comune di San Vito almeno non ci hanno rimesso con il costo della rottamazione come a Sacile. L'amministrazione di San Vito ai primi di novembre ha infatti indetto un'asta per biciclette abbandonate e vi ha compreso i Birò. L'idea ha funzionato: i quadricicli partivano da un importo base di 500 Euro l'uno e alla fine il Comune ha incassato 5.250 Euro. Certamente non una gran cifra rispetto ai soldi pubblici spesi per tutti i mezzi distribuiti nei vari Comuni che si erano lasciati irretire dall'idea dell'allora amministrazione provinciale di centro destra nel 2010: al costo di 7.300 Euro cadauno, parte pagati dalla provincia e parte dai Comuni che se li son presi. Fatevi un po' il conto.

Colpa quindi dei Birò???
Nooooo, assolutamente NO!!!
Anzi: l'idea è ottima,  … la COLPA sta nei nostri amministratori che ancora una volta pensano a facili quanto ingannevoli e miopi soluzioni e con i nostri soldi ovviamente spesi male e senza remore.
Perchè???

Perchè a) le nostre CITTÀ NON sono ADATTE a questi mezzi e b) la nostra categoria di AUTOMOBILISTI NON è ADATTA.
I Birò sono infatti un successo, ma non in Italia, dove è destinato solo il 30% .
Come mai???
a) Secondo voi, girare in Birò per Pordenone, ma pure per Sacile, non è da Kamikaze?
Inoltre, Comuni come i nostri hanno una marea di pendolari che e/o di turisti che ogni giorno arrivano con i mezzi pubblici e poi hanno bisogno di noleggiare un Birò? Hanno zone 30 e/o zone pedonali vastissime dove sono interdette le auto e quindi questi quadricicli elettrici hanno invece gran utilità?

Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Novembre 2021 13:07
 
Per la TARI si sceglie il peggiore... PDF Stampa E-mail
Mercoledì 15 Settembre 2021 19:36

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:

Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.
Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della TARI. L’Agenzia di Pordenone è la peggiore delle Regioni FVG e Veneto ed è da meravigliarsi come mai non ci siano stati controlli del suo operato.
Il sito del Comune di Sacile, come gli altri, non risponde all’Agenda Digitale, e quindi nella pagina “TARI 2021” non si capisce chi ha deciso tale simile iniziativa non certamente eccellente e vedremo il perchè.
“Registro deliberazioni di Consiglio ORIGINALE N. 8” il Consiglio Comunale il 12.03.2018 con assenti Poletto Massimo ha deliberato con una bella giustificazione : “..il Comune di Sacile, per la riscossione della tassa sui rifiuti, si è sempre avvalso del servizio pubblico della riscossione;..” la solita frase che devasta il servizio pubblico: “abbiamo sempre fatto così”.
I costi non quantificati al momento dell'affidamento, a carico del Comune di Sacile in caso di mancato recupero vedi Allegato 3 e art. 7 co 3.
Maggiore economicità di effettuare solleciti bonari in proprio ed affidare eventualmente solo i recuperi credito più complessi, per non gravare inutilmente con costi maggiori sul contribuente (i costi sono dieci volte tanto circa). Da notare che tenere i rapporti con l'Agenzia comporta comunque l'impiego di personale per porre in essere le attività, non c’è vantaggio.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 15 Settembre 2021 19:41
 
incrocio via Pordenone: una SVISTA lunga DUE anni PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Luglio 2021 10:17

Ancora una volta si è dimostrato che l'amministrazione sacilese, nello specifico caso l'ass. Ceraolo, farebbero meglio a prendere sul serio le segnalazioni di noi semplici cittadini invece di dare subito la colpa “alla burocrazia” oppure di cercar risposte non pertinenti alle domande pur di eludere quanto puntualmente chiesto.
Da anni sollecito di concludere l'iter burocratico per la messa in sicurezza dell'incrocio di via Pordenone con la Pontebbana e da due anni tento inutilmente di avere la data di invio dell'ultima integrazione prevista al progetto, già concordata informalmente tra i progettisti e FVG Strade.
Ora finalmente si scopre che di fatto tutto si è fermato alla richiesta di autorizzazione alla modifica dell'intersezione di via Pordenone inizialmente presentata in data 25/07/2019 e che poi tutto si è bloccato perché nessuno si è accorto che questa integrazione non è mai arrivata in modo formale a FVG Strade. Ovvio quindi che la burocrazia ha “i suoi tempi” ma altrettanto ovvio che l'asessore doveva vigilare e sollecitare, non rispondere superficialmente "si farà". Doveva verificare, magari anche prima di andare a scriverlo nel bollettino annuale!

Ultimo aggiornamento Domenica 28 Novembre 2021 18:05
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 98