Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

vogliamo una BICIPOLITANA da Sacile a Casarsa!!!

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 13 visitatori online

Notizie flash

Stop al Consumo di TerritorioSpS aderisce a "Stop al Consumo di Territorio", per un territorio non cementificato.

 

Benvenuto in Sacile Partecipata e Sostenibile!
Assemblea regionale sulla SANITA' 24 giugno! PDF Stampa E-mail
Venerdì 10 Giugno 2022 12:57

Facendo seguito alle quasi 18.000 firme dei cittadini del FVG raccolte nei mesi scorsi e presentate alla regione, ecco l'appello a partecipare alla grande assemblea che tirerà le somme su quanto successo ad oggi, approfondirà diverse problematiche e indicherà possibili scelte migliorative:

Con il presente la/vi invitiamo a partecipare venerdì 24 giugno 2022 ore 16.00 c/o il Centro E. Balducci a Zugliano (Ud), all’assemblea regionale dal tema “Salute Pubblica Bene Comune, un diritto non un affare”, promossa dal Coordinamento Regionale per la Sanità Pubblica FVG.
Questa Assemblea aperta si colloca nello sviluppo di una serie di iniziative di Comitati e Associazioni e realtà che hanno raccolto più di 15.000 firme per una petizione dedicata ai temi della Salute e presentata a fine aprile al Consiglio Regionale.
Rispetto al tema salute va innanzitutto manifestata gratitudine per l’impegno agli Operatori del Servizio Sanitario pubblico nelle sue articolazioni, ma anche al volontariato, il Terzo Settore impegnato con Amministratori e le Comunità Locali per l’apporto dato al sostenere la sanità pubblica di fronte a tagli, riduzioni o cancellazioni di servizi e prestazioni, carenze di personale che il Virus SARS-CoV-2 ha accentuato. Le conseguenze dirette ed indirette su cittadine e cittadini
sono state molteplici con ricadute tuttora attive.
- Tra le evidenze emerse c’è stato il depauperamento di offerta di alcuni Servizi causato soprattutto dalla carenza di adeguato personale per sostenere tale ulteriore impatto e per previsioni di copertura inadeguate protrattesi nel tempo, mentre molte aree del territorio regionale soffrono per la carenza di MMG; a ciò si è aggiunto progressivo ampliarsi, in vari settori, delle liste d’attesa lasciando considerevole spazio al dover ricorrere, in molte occasioni, a strutture private anche non convenzionate con il Servizio pubblico o al trasferimento in altra Regione.

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Giugno 2022 14:01
 
dedicato ai "grandi"... PDF Stampa E-mail
Sabato 12 Luglio 2014 09:38

Dedicato ai "grandi" ... che poi tanto "grandi" non sono, visto che durante la bella stagione i bimbi trasportati sul seggiolino delle bici dai "grandi" son purtroppo quasi tutti SENZA CASCHETTO.
Ulteriore esempio della superficialità, anzi, sventatezza, e della totale mancanza di cultura della sicurezza (leggi: prevenzione) di coloro che anagraficamente sono considerati adulti. E che a maggior ragione dovrebbero essere responsabili e accorti quando si tratta di mettere in campo quanto possibile per tutelare salute e vita dei piccoli.

L'appello di SPS è dunque: METTIMI IL CASCHETTO!!!

Così mi abituerai anche a fare più attenzione a me quando crescerò!!!

 

 

Ricordati:  CASCOANKIO!



Chi ha testa ... la protegge Sorridente

 

Caro "grande", dedicami anche 10 minuti per spiegarmi le insidie dell'ANGOLO CIECO, come pure come saper calcolare lo SPAZIO DI ARRESTO. Te ne sarò grato anche per quando dalla bici passerò allo scooter!

Ultimo aggiornamento Venerdì 17 Giugno 2022 17:33
 
come sarà l'incrocio di via Pordenone PDF Stampa E-mail
Venerdì 10 Giugno 2022 13:15

Di seguito ecco come verranno eseguiti i lavori di sistemazione dell'incrocio di Pordenone sulla Pontebbana a S.Giovanni del Tempio, lavori che aspettiamo da anni e che finalmente paiono avvicinarsi, come ci hanno assicurato all'ultima assemblea di maggio.

 

 
La storia finita del trasferimento della Collodi PDF Stampa E-mail
Domenica 29 Maggio 2022 17:51

E così è sfumata la possibilità di trasferire dalla sede dell’Aporti in un nuovo edificio scolastico la scuola dell’infanzia Collodi. Questo avrebbe permesso ai bimbi di avere una struttura adeguata ai moderni standard ambientali ed educativi e, al tempo stesso, compattare le sedi del Pujati ricavando nuove aule nell’edificio già in parte occupato.
Peccato.
Già, un gran peccato, perché bastava leggere ed interpretare con attenzione le condizioni poste dalla Direzione INAIL relativamente al finanziamento per nuovi edifici scolastici, comprese “strutture che garantiscono lo svolgimento di attività dirette all’utilizzo esteso delle dotazioni scolastiche (quali, biblioteche, palestre, auditorium, spazi comuni di condivisione, laboratori ed altro)”.
Che sia chiaro: non è “colpa della burocrazia” come da un po' di tempo ci sentiamo dire da questa amministrazione, soprattutto quando si tratta di competenza di lavori pubblici, ma è colpa di madornali sviste.
In questo specifico caso nessuno si è accorto che la soglia minima per vedere approvato il progetto doveva essere quella di 3 milioni.

Ma andiamo per ordine per capire un po' meglio.
Ecco, cari lettori di SPS, come sempre i fatti:

Nel novembre 2019 la nostra amministrazione invia in regione alla Direzione centrale infrastrutture e territorio manifestazione di interesse per accedere al finanziamento dichiarando di avere nella piena disponibilità l’area sulla quale costruire la nuova scuola dell'infanzia per un importo stimato di X Euro.

Ultimo aggiornamento Domenica 29 Maggio 2022 18:36
 
report su assemblea S.Giovannni d.T. PDF Stampa E-mail
Sabato 14 Maggio 2022 16:43

Si è svolta mercoledì 11 maggio 2022 l'assemblea tematica sui problemi della viabilità a San Giovanni del Tempio chiesta dalla cittadinanza. Presenti il Sindaco, gli assessori ai Lavori Pubblici e alla Sicurezza, il Comandante della Polizia Municipale e il Dirigente dell'Ufficio tecnico.

Davvero buona la partecipazione (nonostante la partita di calcio...). Questo dimostra che i cittadini della frazione non sono solo interessati a chiedere soluzioni personali al problema davanti alla porta di casa, bensì sono interessati alla globalità delle criticità che, in particolare causa la SS13 Pontebbana, sono numerose e spesso in correlazione tra loro.
Doveroso un ringraziamento all'amministrazione comunale del Sindaco Carlo Spagnol per aver risposto e concesso tempestivamente questa assemblea.

Questo quanto abbiamo esposto relativamente ai punti elencati nella richiesta (la visuale è DA Pordenone VERSO Sacile):

- immissione dalla Pontebbana in via San Giovanni del Tempio:
chi deve svoltare a destra si trova un imbocco estremamente stretto e non può accostare. Frena in mezzo alla carreggiata e il rischio tamponamento è frequente. Inoltre non si vede se arriva un mezzo da via S.Giovanni d.T. e, nel caso si verifica, l'auto sulla Pontebbana praticamente si blocca perchè trova improvvisamente ostruito l'accesso.
- lungo tratto privo di sufficiente illuminazione dall’incrocio di via Gorizia al semaforo, lungo il quale si susseguono i numerosi accessi alle abitazioni :
negli anni si è costruito praticamente senza interruzione ai lati della Pontebbana, ma nessuno si è preoccupato delle infrastrutture, in particolare dell'illuminazione. nelle ore notturne e nei mesi invernali è pericoloso per i residenti trovare lo stretto accesso alle proprie abitazioni con ai lati sempre il fossato. Con la piena funzionalità della struttura commerciale all'incrocio di via Gorizia l'asse abitato lungo la statale 13 dovrebbe essere illuminato con soluzione di continuità esattamente come lo è la continuità del costruito.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Maggio 2022 16:50
 
Assemblea sui pericoli della Pontebbana PDF Stampa E-mail
Sabato 30 Aprile 2022 14:44

Assemblea pubblica a San Giovanni del Tempio MERCOLEDI 11 maggio, ore 20.30 presso la scuola De Amicis.
L'amministrazione ha accettato la richiesta qui sotto riportata e incontrerà la cittadinanza per discutere delle varie problematiche legate alla mobilità. Speriamo tutti insieme di poter almeno in parte attenuare la pericolosità dei vari punti critici che anno dopo anno aumentano.
L'elenco delle problematiche potrà essere ovviamente integrato dai presenti all'incontro così come verranno portate anche delle proposte come spunto di discussione.
Ecco il testo:

Egr. sig. Sindaco,

Visto il completamento dei lavori relativi alla messa in sicurezza dell’incrocio uscita/entrata Casa degli Angeli sulla SS.13 nel tratto viale San Giovanni del Tempio e
ricordando la richiesta avanzata durante l’ultima assemblea di frazione, cioè che al tema della viabilità a San Giovanni del Tempio fosse dedicata una serata specifica,
i sottoscritti cittadini
C H I E D O N O
alla S.V. di convocare a San Giovanni del Tempio uno specifico incontro destinato a:

1) illustrare da parte dell’Amministrazione modalità e tempi dei lavori previsti per l’incrocio SS.13 – via Pordenone,

2) raccogliere le osservazioni sui vari punti critici della viabilità che la cittadinanza vorrebbe sottoporre all’attenzione dell’Amministrazione e delle parti convenute riassunti in generale come segue (iniziando da est):
- immissione dalla Pontebbana in via San Giovanni del Tempio;
- lungo tratto privo di sufficiente illuminazione dall’incrocio di via Gorizia al semaforo, lungo il quale si susseguono i numerosi accessi alle abitazioni;
- posizionamento delle auto in centro strada per svoltare a sinistra (provenendo da Sacile) dove si trova il parcheggio del Funky, nonostante segnaletica orizzontale destinata a chi da via Pordenone va verso Sacile;

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Maggio 2022 16:57
 
non siamo un Paese per bimbi... PDF Stampa E-mail
Domenica 20 Marzo 2022 17:38

Forse vedendo tutte queste dolci giovani mamme ucraine con i loro bimbi dovremmo trasalire, perchè da noi ogni anno l'età per potersi dedicare alla maternità si sposta in avanti e ogni anno i bimbi son sempre meno.
Anche questa volta Sacile contribuisce all'abbassamento del numero dei nuovi nati, come purtroppo si vede dalla statistica aggiornata al 2021 pubblicata nel menù a sinistra del sito.
Non siamo un Paese per bimbi.
Il nuovo record negativo in Italia è di nascite ormai sotto i 400mila e di una popolazione ormai sotto i 59 milioni che diminuisce per l'ottavo anno di fila. Nemmeno i bebè dei nostri cittadini immigrati riescono ormai a contribuire a ringiovanire questo Paese.
Sacile riflette nel suo piccolo questo triste trend con altri 10 bimbi in meno rispetto al 2020: nel 2021 solo 132 nuovi posti in culla. Mai così pochi. Un ricordo lontano i 226 bebè del 2006.

In compenso continua a salire la quota degli ultra 65enni: mai così alta, praticamente il 24% della popolazione sacilese.
Beh, direte voi, ce lo stan dicendo da 20 anni che il numero degli anziani è in rapida ascesa, ci saremo dunque ben preparati in fatto di sanità e assistenza, di offerta abitativa salubre e senza barriere, di mobilità che vada oltre l'uso dell'automobile, di spazi cittadini sicuri che invitano alla socializzazione, che sono tutti ambiti importanti per garantire la qualità di vita.

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Marzo 2022 14:29
 
Incidenti 2021 PDF Stampa E-mail
Domenica 13 Marzo 2022 18:21

Sono in totale 74 gli incidenti avvenuti nel 2021 nel nostro territorio comunale. 44 i feriti. Purtroppo mancano da alcuni anni i numeri della Polstrada, perchè il sistema in cui inseriscono i dati è regionale e risulta complicato estrarre i numeri di un singolo Comune.

Il totale è la somma di quanto gentilmente ogni anno mettono a disposizione Radiomobile CC di Sacile e la nostra Polizia Municipale che ringrazio. Ancora una volta il tratto più incidentato è ovviamente la Pontebbana (si veda il pdf riportato a fondo articolo).
Rispetto al 2020 il numero degli incidenti resta pressochè uguale (più 2) mentre una buona notizia è che ci sono 8 feriti in meno. Certamente bisogna fare ancora molta strada in fatto di sicurezza.
D'altra parte negli ultimi anni si è osservato un periodo di stagnazione nei livelli di sicurezza stradale a livello UE e non è stato centrato l’obiettivo di dimezzamento del numero di morti sulle strade al 2020.
La Commissione Europea ha presentato nel maggio 2018, con il pacchetto Europe on the Move, un nuovo approccio alla politica di sicurezza stradale, insieme a un Piano d’azione strategico a medio termine, basato sulla diffusione della filosofia di "Vision Zero" e conseguentemente in Italia il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha definito il nuovo Piano nazionale per la sicurezza stradale da attuare entro il 2030. Nel solo 2019 il costo sociale nazionale degli incidenti stradali è risultato pari a più di 16 miliardi di euro.

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Marzo 2022 14:12
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 98