Sacile Partecipata e Sostenibile

Comunicato del COMITATO REFERENDARIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA “2 Sì per l’Acqua Bene Comune” PDF Stampa E-mail
Lunedì 08 Agosto 2011 11:12

ig articoloIl 21 luglio è entrato in vigore il decreto del Presidente della Repubblica che sancisce l’abrogazione ufficiale delle norme sulla privatizzazione dell’acqua. Il 12 e 13 giugno circa 26 milioni di italiani di cui oltre 530.000 cittadini del Friuli Venezia Giulia, hanno votato SI all'abrogazione di queste norme indicando una chiara volontà di mantenere il bene comune acqua fuori dalle logiche del mercato e del profitto e riportarlo nelle mani del pubblico e dei cittadini.

Riteniamo che un voto popolare così partecipato e così netto nel risultato – spiega Massimo Moretuzzo, uno dei membri del Comitato “2 SI per l’Acqua bene comune” – imponga alle istituzioni nazionali, regionali e locali l’avvio di un percorso di ripubblicizzazione della gestione dell’acqua, così come sta succedendo in diversi Paesi e città d’Europa.

Chiediamo che l’esito del voto sul I quesito referendario (l’abolizione del Decreto Ronchi) determini anche nella nostra Regione, che sarà comunque costretta a mettere mano alla legge regionale sull’acqua (L.R. 13/2005) entro quest’anno, una svolta verso:

 

  1. una gestione completamente pubblica dell’acqua, che faccia uscire i privati dal servizio idrico integrato;
  2. una maggiore autonomia dei comuni, soprattutto per le zone montane, nella gestione dei servizi;
  3. un coinvolgimento diretto dei cittadini nelle scelte sul tema acqua, attraverso le modalità della democrazia partecipativa;
  4. l’avvio di politiche concrete di riduzione degli sprechi e del consumo di acqua minerale in bottiglia, a tutela dell’acqua di rubinetto, più economica e sostenibile dal punto di vista ambientale

 

Allo stesso modo chiediamo che l’applicazione di quanto previsto dal II quesito referendario (l’abolizione della remunerazione del capitale investito attraverso la tariffa), determini da parte delle AATO una immediata rivisitazione del calcolo delle tariffe, che non devono più contenere quel 7% di remunerazione del capitale investito che è stata dichiarata illegittima dal voto popolare.

Alle richieste formulate alla Regione FVG e alle AATO, si aggiunge la richiesta ai Comuni, in particolare di Udine e Trieste, di avviare immediatamente dei percorsi istituzionali che riportino la gestione dell’acqua di queste città in mano completamente pubblica.

Le nostre proposte dettagliate e le tappe per raggiungere questi obiettivi saranno presentati sabato 17 settembre a Pesariis (Ud), a conclusione della Scuola estiva della Decrescita, in una giornata dedicata interamente ai beni comuni e all’acqua. Interverrà Alberto Lucarelli, il neo assessore ai beni comuni del Comune di Napoli, che è stato anche uno dei giuristi che ha redatto i quesiti referendari sull’acqua.

Napoli è un Comune “apripista” nel contesto italiano: nella prima seduta della nuova giunta del Sindaco De Magistris è stata assunta la delibera che prevede la ripublicizzazione della società di gestione del Servizio Idrico Integrato; insieme a Lucarelli intendiamo dunque individuare un percorso fattibile di ripublicizzazione anche per la nostra Regione.

Il protagonismo dei Comuni nella prosecuzione della campagna regionale per l’acqua bene comune avrà una nuova occasione di manifestarsi l’8 agosto p.v. a Cercivento, in occasione della consegna al Comune di Cercivento della Bandiera Verde di Legambiente; tale premio, che sarà consegnato dal Presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza, – spiegano Elia Mioni di Legambiente e i rappresentanti del Comitato Aghe di Mont – è motivato dal fatto che Cercivento è il Comune italiano che ha visto la percentuale di votanti al referendum più alta di tutta l’Italia (76,32% con il 98,5% di Sì).

La mobilitazione di migliaia di cittadini e centinaia di associazioni e movimenti sociali che si è verificata nella campagna referendaria – aggiunge Don Pierluigi Di Piazza, del Centro di Accoglienza Balducci – dimostra una nuova sensibilità attorno al tema dei beni comuni e dei diritti inalienabili delle persone e delle comunità. A partire dall’acqua oggi è pertanto possibile e doveroso pensare a modalità di gestione delle risorse e dei territori che mettono al centro la sostenibilità, la democrazia, la partecipazione e i diritti di tutti, non i privilegi di pochi. Il Centro Balducci ha chiamato il Comitato referendario – continua Don Di Piazza – a collaborare nella realizzazione dei lavori del convegno annuale del Centro, in particolare nell’organizzazione della giornata del 2 ottobre quando le acque provenienti da diversi Paesi del mondo e dai diversi fiumi della nostra regione si uniranno insieme nel Lago di Cavazzo a simboleggiare l’universalità del bene comune acqua e dei movimenti che lo difendono.

Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Agosto 2011 11:17
 
Articoli correlati :

» Con il PAES di Sacile non si può dormir fuori

Già, con l'ennesimo documento rimasto nel cassetto, cioè il PAES di Sacile, cioè il Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile, davvero non si può rischiar di dormire all'aperto a Sacile.Dormire all'aperto?E chi lo vuole, direte voi, cari lettori....

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» A scuola con pericolo

Tra TRE settimane tutto il personale scolastico del Marchesini e del Pujati, sede Linguistico, sarà in piena attività e tra CINQUE settimane gli studenti si affolleranno di nuovo nelle rispettive due sedi. Ma p, al rifacimento degli...

» l'ass. Ceraolo risponde, ma ... non convince

Arriva la risposta dell'ass. ai Lavori Pubblici in riferimento alla problematica della che avrebbe dovuto precedere l'inaugurazione della Funeral House a San Giovanni del Tempio, ma non soddisfa di certo.1) Come mai tutto queste spiegazioni non sono...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Lavori perennemente rinviati: cataclismi naturali???

Unitamente alla comunicazione sul rinvio al prossimo anno (pare) dell'adeguamento antisismico alla scuola primaria Deledda di Sacile il Sindaco rassicura che "i progetti rinviati hanno copertura economica".Perplessità? Rabbia? Peste e corna? No,...

» Peripezie inutili per il rilascio del contrassegno parcheggio disabili

Innanzitutto ci tengo a precisare che la seguente esposizione dell'iter richiesto per il rilascio del contrasegno per parcheggio riservato a disabili non ha nulla a che fare con il personale dei vari uffici, bensì con il sistema.Essendomi trovata...