Sacile Partecipata e Sostenibile

Eco-Ospedali? PDF Stampa E-mail
Mercoledì 15 Dicembre 2010 08:41

img 0Sì.
Si tratta di Ospedali ristrutturati secondo criteri di sostenibilità della regione Carinzia.
Essere autosufficiente in fatto di energia, usare prodotti biologici nella preparazione dei pasti, trasformare d’estate il calore dei pannelli solari in un sistema di raffrescamento e un trituratore per i rifuti di sostanze organiche dei pazienti: questa è già una realtà negli ospedali di Klagenfurt, Villach,  Wolfsberg,  Laas e valle della Gail.
Dal 2005 si è formato il team di lavoro “Competence Center per rifiuti, rifiuti pericolosi e ambiente". Il principio è quello che un luogo di cura non può essere fonte di pericolo per la salute dei cittadini, ma al contrario, testimone autorevole di promozione della salute e di responsabilità per l’ambiente.
Sono già tutti certificati EMAS.

Il primo ad attivarsi fu l’Ospedale di Laas, dove nel 1998 si iniziò a lavorare al progetto per il recupero del calore e la sua trasformazione in sistema di raffrescamento.
L’Ospedale ha circa 200 unità di personale e ca.130 pazienti.
Il consumo totale di acqua si aggira tra i 16.000 e i 17.000 m3 l’anno. Possiede un pozzo di acqua potabile proprio.
Dopo essere stato coibentato, invece di sanare la copertura del tetto, la Direzione decise di sostituirla in toto con una copertura a pannelli solari.

Questi i dati tecnici dell’Impianto solare dell’Ospedale di LAAS:

Totale superficie collettori:                    364 m2

Contenuto serbatoio:                            4 x 3000 litri

Esposizione:                                          diretta a Sud

Totale guadagno energia solare all’anno:    ca.  260.000 kWh

Fabbisogno energetico per acqua calda e riscaldamento: ca. 1.000.000 kWh l’anno

Risparmio di combustibile (gasolio):                ca. 30.000 litri l’anno

Risparmio di CO2:                                               ca. 82.000 kg l’anno

Costi dell’impianto solare:                                €  269.000      

Interessi ammortizzati da aumento prezzi combustibile

Tempi di ammortizzazione:                                ca. 10 anni

Tempi di fruizione dell’impianto:                      da 20 a 30 anni

Dal momento che nelle giornate particolarmente calde dei mesi estivi cala sensibilmente l’uso dell’acqua calda e al tempo stesso non viene assorbito nulla dall’impianto solare ai fini del riscaldamento, per utilizzare comunque l’energia prodotta è stato installato un apparecchio di “assorbimento del freddo”. Si tratta di un apparecchio che trasforma l’energia dell’acqua calda solare in freddo. In questo modo possono essere salvaguardati i pannelli solari e al tempo stesso si può raffrescare l’intero reparto medicina. La relazione tra caldo e freddo risulta ottimale: più la temperatura del giorno è alta, più alta è la potenza di climatizzazione.
Viene recuperato anche il calore della lavanderia e dei condotti di riscaldamento.
Nel 2010 è entrato in funzione l’impianto a biomasse e nella primavera del 2011 ci sarà anche quello fotovoltaico.

Prima:

 

img 1











 

 

 

 

 

e  dopo il restyling:

img 2









 

 

 

 

 

 

Queste le 4 cisterne da 3000 litri l’una nel sottotetto:

img 3










 

 

 

 

 

Il secondo esempio è il nuovo Ospedale di Klagenfurt:
img 4

 

 

 

 

 

 

 

 

Investimento: 314 Milioni di Euro
Tempi di realizzazione: settembre 2006 al 2009
Entrata in funzione: 2010
Area: 9 ettari
Superficie utilizzata: 71.000 metri quadri

Qui è stato adottato un sistema innovativo in tema di rifiuti: Tutti i rifuti della cucina vengono trasformato in biogas che produce energia elettrica – e non dovendo più nemmeno pagare i 6.000 Euro al mese di tariffa smaltimento rifiuti.
Innovativo è anche il sistema di trattamento dei rifuti organici delle persone, quantificabili in ca.110 tonnellate l'anno: in un digestore/trituratore tutti i liquami subiscono un processo di polimerizzazione che separa il rifuto organico in liquidi e sostanze polimere . I liquidi vengono immessi nel sistema di depurazione, i polimeri recuperati vengono smaltiti nel secco.

Il 12 novembre 2011 l'Ospedale di Klagenfurt ha ricevuto il riconoscimento europeo di "Green Building Cerificate"; è il primo ospedale austriaco ad ottenerlo.

I lavori di ampliamento/ammodernamento dell'Ospedale di Villach partiranno nel 2012. Si prevede un tempo di realizzazione di 5 - 6 anni. Spesa totale 45 milioni di Euro.

Le spese?
Tutti gli interventi finora attuati sono come minimo ammortizzabili in poco tempo, afferma la Direzione Generale, e in molti casi si stanno anche già trasformando in guadagno.

Ciò dimostra quanto può essere celere e facile realizzare “buone pratiche” solo se alla base c’è una forte convinzione per il rispetto e la salvaguardia della salute dell’umanità e dell’ambiente.

Grazie alla simbiosi tra controllo sulla qualità e controllo dei fattori di rischio nel 2009 è stato possibile scoprire e correggere 108 errori. In 72 casi sono stati preventivamente riconosciuti ed evitati eventuali pericoli. Entrambi gli aspetti non sono da interpretarsi come una correzione bensì come una migliore chance per il futuro.

bella e significativa della sua mission la pagine web: www.kabeg.at

Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Gennaio 2015 20:43
 
Articoli correlati :

» Sciopero globaale per il clima 27 settembre 2019

» Zona 30: beneficio 4

Beneficio 1: minor spazio di frenata e di arrestoBeneficio 2: cono visivo allargatoBeneficio 3: senso alterno pur con restringimento carreggiata (non sensi unici!)e ora...Beneficio 4: con la riduzione della velocità è possibile GUARDARSI NEGLI...

» comunicato del cons.reg. Stefano Pustetto

Pubblichiamo di seguito molto volentieri il comunicato di Stefano Pustetto, consigliere regionale di SEL, sul declassamento degli ospedali di Maniago, Gemona, Cividale e Sacile:"Fino a qualche tempo fa essere stati eletti in un consiglio comunale,...

» la riqualificazione energetica conclude il nostro percorso

Giovedì 10 aprile SPS ha degnamente concluso il percorso sulla sostenibilità in ambito del costruito. Ancora una serata che non ha disatteso le aspettative: con un relatore che aveva dalla sua la competenza arricchita da chi ci crede veramente. Il...

» Giovedì 10 aprile 2014 ore 20.30 Sala Brugnacca - Centro ZANCA SACILE

» nessun CdA per Ambiente Servizi

In vista dell'applicazione della TARES, che graverà ulteriormente sui bilanci familiari, proponiamo ai nostri Amministratori di dare un segnale che potremmo definire almeno in parte compensatorio: dal momento che si tratta di una società per...

» Un consorzio virtuoso per il rilancio dell'edilizia senza un solo metro cubo in più

Un soggetto giuridico ad hoc che riunisca imprese edili, aziende dei vari settori ad esse collegati come serramenti, tinteggiature, carpenteria, impiantistica ecc., una banca, un'agenzia assicurativa e quant'altro. Lo scopo è quello di consorziarsi...

» Meglio mettere le mani avanti.....

Meglio mettere le mani avanti: SPS giudica sicuramente positivo che finalmente qualcosa si muova sul fronte del cosiddetto “housing sociale”, ma esprimiamo subito alcune perplessità che saremmo in futuro ben felici di vedere completamente...

» Vinta la scommessa del blocco di ghiaccio anche a Klagenfurt

L'ormai famosa iniziativa per stupire e convincere sull'assoluta urgenza della coibentazione degli edifici è stata sperimentata per la prima volta a  Winklern, nella valle della Möll, nel 1996. Da quella volta i Comuni austriaci si mettono in...

» Scuola Elementare di Sankt Leonhard, Comune di Arnoldstein: un esempio reale di ristrutturazione finalizzata al risparmio energetico e al miglioramento dell'abitabilità ....

SPS ha visitato nell'agosto 2012 la Scuola Elementare di Sankt Leonhard, Comune di Arnoldstein, che è stata ristrutturata nel 2010 con le seguenti finalità:effettuare un risanamento energetico secondo gli standard degli edifici passiviottimizzare...