Sacile Partecipata e Sostenibile

Il 50% dell’acqua giornaliera pro capite se ne va con lo sciacquone PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Marzo 2012 10:55

sciacquone a manovellaRiceviamo e molto volentieri pubblichiamo questo contributo di discussione su un argomento molto importante: come risparmiare acqua attraverso comportamenti e strumenti adeguati in ogni "situazione" della vita quotidiana!

Dai dati dell’Istat risulta che ogni italiano consuma mediamente 250 litri di acqua al giorno. Questo dato comprende però anche l’acqua impiegata dalle industrie, dai negozi, dagli uffici, dalle scuole e non coincide pertanto con la quantità d’acqua consumata in casa da ogni persona. Ogni studente della nostra classe ha rilevato i consumi della propria famiglia calcolando che per uso domestico ciascun componente consuma tra i 100 e i 150 litri al giorno. Dunque questa è grossomodo la quantità d’acqua che ogni italiano utilizza per bere, cucinare, pulire la casa, irrigare il giardino, farsi la doccia, per igiene personale e per lo scarico del wc. Proprio quest’ultimo è l’esempio lampante di come viene sprecata l’acqua che abbiamo nelle nostre case: ogni volta che si preme il pulsante dello sciacquone ne scorrono infatti circa 10 litri e considerando che quest’azione si compie mediamente dalle 5 alle 7 volte in una giornata, con un veloce calcolo si stima che il 50% dell’acqua potabile usata da una persona viene sprecata in questo modo. Spesso lo si preme addirittura per la semplice presenza nella tazza di un pezzettino di carta o di un capello.

Esistono già delle tecnologie per ridurre la quantità d'acqua dello sciacquone. Basterebbe per esempio installare uno scarico a doppio pulsante che prevede un quantitativo diverso di acqua a seconda delle esigenze personali, ma anche in questo caso ne vengono scaricati almeno cinque o sei litri. Il problema di questi dispositivi, a pulsante, è che sono del tipo “premi e fuggi”, dove l’utilizzatore non può decidere la quantità di acqua. A volte ne bastano solo uno o due litri. L’ideale sarebbe quello di utilizzare dei sistemi “start and stop”, che si possano fermare; oppure, ancor meglio, dei sistemi a “manovella” dove si deve aprire (aspettare) e chiudere, esattamente come un rubinetto, in modo che anche i più pigri vengano coinvolti.

Sta certamente ad ognuno di noi cogliere la necessità di ridurre al minimo gli sprechi di una risorsa fondamentale qual è l’acqua ed usare il meno possibile lo sciacquone, ma quanta acqua potrebbe essere risparmiata se per legge tutte le nuove installazioni di sciacquoni fossero del tipo “start and stop” o addirittura  a manovella?

Lo sciacquone a manovella è il dispositivo ideale per risparmiare veramente tanta acqua.

Perché non renderlo obbligatorio nelle nuove installazioni?

15 marzo 2012

La classe 4C socio-psico-pedagogico

dei Licei “G.A.Pujati” di Sacile PN

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Marzo 2012 11:09
 
Articoli correlati :

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» la riqualificazione energetica conclude il nostro percorso

Giovedì 10 aprile SPS ha degnamente concluso il percorso sulla sostenibilità in ambito del costruito. Ancora una serata che non ha disatteso le aspettative: con un relatore che aveva dalla sua la competenza arricchita da chi ci crede veramente. Il...

» Giovedì 10 aprile 2014 ore 20.30 Sala Brugnacca - Centro ZANCA SACILE

» Complimenti a ...

Complimenti all'Amministrazione comunale di Azzano Decimo. Infatti la scuola materna di Tiezzo per i suoi 100 bimbi sarà fornita presto di una mensa a chilometri zero, cioè esclusivamente di prodotti di aziende del territorio. Oltre che per un...

» no luce? no acqua!

Dopo tre anni l'Amministrazione forse si decide a mettere a frutto i 30.000 Euro per le casette dell'acqua, MA... si accorge che al Palamicheletto manca la luce per illuminarla!Allora, a parte gli anni trascorsi in tema di semplice casetta per...

» nessun CdA per Ambiente Servizi

In vista dell'applicazione della TARES, che graverà ulteriormente sui bilanci familiari, proponiamo ai nostri Amministratori di dare un segnale che potremmo definire almeno in parte compensatorio: dal momento che si tratta di una società per...

» Sentenza: in Italia bollette dell'acqua illegittime!

Pubblichiamo l'importante COMUNICATO STAMPA del 31 gennaio 2013 del coordinamento referendario per l'acqua pubblica:Il Consiglio di Stato: Referendum acqua non rispettati, gli italiani pagano una bolletta illegittima da luglio 2011!Lo ripetiamo...

» Reggio Emilia ripubblicizza l'acqua!

Con 27 voti favorevoli e soli 3 astenuti la mozione presentata dal Comitato Acqua Bene Comune è stata approvata in Consiglio Comunale. Il testo recava   oltre 1500 firme di cittadini. Un testo elaborato durante l'estate in un tavolo allargato (a...

» Un consorzio virtuoso per il rilancio dell'edilizia senza un solo metro cubo in più

Un soggetto giuridico ad hoc che riunisca imprese edili, aziende dei vari settori ad esse collegati come serramenti, tinteggiature, carpenteria, impiantistica ecc., una banca, un'agenzia assicurativa e quant'altro. Lo scopo è quello di consorziarsi...

» Meglio mettere le mani avanti.....

Meglio mettere le mani avanti: SPS giudica sicuramente positivo che finalmente qualcosa si muova sul fronte del cosiddetto “housing sociale”, ma esprimiamo subito alcune perplessità che saremmo in futuro ben felici di vedere completamente...