Sacile Partecipata e Sostenibile

Vinta la scommessa del blocco di ghiaccio anche a Klagenfurt PDF Stampa E-mail
Lunedì 15 Ottobre 2012 09:55

img 1L'ormai famosa iniziativa per stupire e convincere sull'assoluta urgenza della coibentazione degli edifici è stata sperimentata per la prima volta a  Winklern, nella valle della Möll, nel 1996.
Da quella volta i Comuni austriaci si mettono in fila per partecipare alle nuove edizioni che si svolgono annualmente.
Quest'anno è toccato a Klagenfurt, il capoluogo della Carinzia: il blocco di ghiaccio, posizionato il 20 febbraio 2012 è stato liberato dal suo involucro il giorno 8 ottobre e – udite udite – si era mantenuto ben il 20% della massa! Dei 2000 kg di ghiaccio ne sono rimasti ben 400.

Ardua scommessa in particolare quest'anno, con una estate quasi africana anche in montagna, dove si son sforati spesso i 35°C.
La “Pasterze”, il famoso ghiacciaio del Grossglockner, ha perso ad es. ben 9 metri di spessore.
Con la coibentazione di queste due tonnellate di ghiaccio gli amministratori aderenti alla rete di Alleanza per il Clima intendono dimostrare quanto importante sia innanzitutto ridurre il fabbisogno di energia utile al riscaldamento. Coibentare significa aprire un libretto di risparmio per il futuro dei nostri figli, si dice.

img 2

Vi avevamo già parlato dell'esperimento condotto nel Comune di Arnoldstein (v. articolo). Questa volta le 2 tonnellate di ghiaccio sono state prelevate dal lago Weissensee, trasportate fino al piazzale davanti all'Università di Klagenfurt, e coibentate con un involucro di soli 30 cm dello stesso usato per una normalissima casa. Solo al contrario: non doveva fuoriuscire il calore, bensì il freddo. Si tratta di “trattenersi” l'energia che produce l'ambiente abitato. Cioè il calore prodotto anche dagli stessi corpi delle persone e dagli oggetti (concetto importantissimo ad es. per le scuole!).

In Italia si sottovaluta, se non addirittura ignora, la vera efficacia della coibentazione. Il pressing sui cittadini per indurli ad investire su vari impianti e ricorrere a fonti energetiche alternative troppo spesso cela grossi – e non sempre puliti – affari.
L'Austria, pur ricca di biomasse, ha invece già inventato lo slogan per risparmiarle “Le biomasse ci potranno servire per altri scopi!”. Il messaggio è chiaro: pur avendo a portata di mano una risorsa energetica sicuramente più economica del petrolio e del gas, non ci si deve accontentare pensando di essere al sicuro. Ecco la lungimiranza.....

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Ottobre 2012 20:32
 
Articoli correlati :

» la riqualificazione energetica conclude il nostro percorso

Giovedì 10 aprile SPS ha degnamente concluso il percorso sulla sostenibilità in ambito del costruito. Ancora una serata che non ha disatteso le aspettative: con un relatore che aveva dalla sua la competenza arricchita da chi ci crede veramente. Il...

» Un consorzio virtuoso per il rilancio dell'edilizia senza un solo metro cubo in più

Un soggetto giuridico ad hoc che riunisca imprese edili, aziende dei vari settori ad esse collegati come serramenti, tinteggiature, carpenteria, impiantistica ecc., una banca, un'agenzia assicurativa e quant'altro. Lo scopo è quello di consorziarsi...

» SPS sta con Norbert Lantschner

Il Dott. Norbert Lantschner, ideatore e direttore di CasaClima, è stato licenziato! Senza una telefonata, senza un confronto, ma con una lettera che gli è arrivata nel giorno prima dell’udienza dal giudice del lavoro, dove si sarebbe dovuta...

» Ecco chi vede nella certificazione energetica una risorsa di sviluppo ...

Convegno per artigiani e imprese a Trieste.APE, in collaborazione con CCIAA, API, CNA e Confartigianato Trieste, organizza il convegno per artigiani ed imprese dal titolo:Efficienza energetica, un’opportunità di crescita per le impreseL'Unione...

» Il Cubo di ghiaccio e l'Inquinamento

Cari sostenitori di SPS, il titolo vi stupisce? Vi chiedete cosa ha a che fare un cubo di ghiaccio con l’abbattimento dell’inquinamento?Ve lo spieghiamo subito:Questo è un cubo di ghiaccio posizionato in mezzo a una piazza, coperto da una...

» Crisi nell'edilizia? Perché non risanare con un'occhio al risparmio energetico e l'effetto sulla qualità abitativa come si fa in Austria?

L’edilizia è ferma? Solo in Italia.Oltreconfine gode di ottima salute ... e con essa anche i . Perché dalle città ai più piccoli paesini è tutto un cantiere. Ma non per costruire torri ed eco-mostri vari.Per risanare interi quartieri di...

» Il 14 ottobre la Giunta Regionale ha approvato la VEA

Ah beh, a pochi giorni dall’imminente entrata in vigore della certificazione energetico-ambientale prevista inevitabilmente per il 31 ottobre 2011, la Giunta regionale ha approvato in via preliminare il protocollo regionale VEA (la cui gestazione,...

» Convegno a Udine APE e CasaClima

Io abito in una CasaClima e tu?SABATO  1 OTTOBRE 2011 10.00 - 13.00SALA CONVEGNI 1° piano ingresso sudUdine Fiere Torreano di Martignacco UDINEUna casa con elevata qualità energetica, benessere abitativo, sostenibilità ambientale e risparmio...

» Se mi riscaldo di meno... spengo 200 lampadine!

Con molto piacere pubblichiamo anche nel nostro sito l'articolo delle classi quarte del Liceo Socio-Psico-Pedagogico cittadino:Diminuire la temperatura in casa, anche di un solo grado, equivale a spegnere alcune centinaia di lampadine al giorno....

» Da Cancun a Sacile; la nostra relazione al clima e allo sviluppo.

Si è appena concluso con successo il vertice mondiale sul clima di Cancun. Patricia Espinosa, Ministro degli Esteri messicano è riuscita dove aveva fallito Copenhagen: a fare trovare un accordo ai più di 180 governi presenti per 12 giorni nella...