Sacile Partecipata e Sostenibile

Terzo punto programmatico irrinunciabile PDF Stampa E-mail
Venerdì 25 Ottobre 2013 17:04

Il terzo punto irrinunciabile del nostro programma per le elezioni del 2014 è:  l'avvio del Bilancio Partecipativo.
Partendo dal presupposto che il benessere di una comunità non può essere solo una responsabilità delegata all'Amministrazione, bensì un interesse e un impegno collettivo, che il Titolo V della nostra Costituzione vede i cittadini come soggetti attivi nella costruzione di un vero welfare di comunità, che il suo valore viene affermato nell'articolo 11 dello Statuto Comunale di Sacile, che da più parti, mondo economico compreso, ormai viene richiesta pressantemente una pratica di democrazia che sappia far emergere i reali bisogni e condividere le migliori soluzioni, SPS vede nel progetto partecipativo una grande possibilità per la nostra  città.
Una possibilità di sviluppo alternativo che lega insieme riscoperta del dibattito, della condivisione, di relazioni sociali, di cura dell'ambiente, di sviluppo culturale, di riqualificazione urbana.
Il senso del Bilancio Partecipativo non è focalizzato sull'aspetto tecnico del documento di Bilancio, bensì sul percorso decisionale, seppur lungo e inizialmente faticoso, e sulla rivitalizzazione dell'intelligenza collettiva. Si potrebbe dire che il processo è più importante del prodotto.
Il Bilancio Partecipativo rappresenta il luogo dove responsabilità politiche, meccanismi burocratici e gestione di risorse finanziarie vengono innanzitutto condivise e chiarite al cittadino per pervenire una decisione comune. Non si tratta però, come spesso  accade, di scegliere tra due possibilità o di avere a disposizione un determinato budget, si tratta di aprire

un ascolto e un dialogo duraturo tra amministratori e cittadini, che rende entrambi più consapevoli delle reali esigenze della città,; si tratta di approdare infine ad una co-decisione che permette una miglior allocazione delle risorse finanziarie e, soprattutto, neutralizza lo scontro a posteriori. Dove il Bilancio Partecipativo funziona non ci sono comitati.
A differenza dei presunti processi decisionali venduti come partecipativi, ma che comunque si basano su delega o si rivolgono solo ai cosiddetti “portatori di interessi”, nel BP conta ogni singolo cittadino. Ecco perchè conferisce ugual dignità, senza differenziare tra età, estrazione sociale, appartenenza a categorie o associazioni. La partecipazione si attua mediante assemblee, consulte, tavoli di progettazione. Ha andamento ciclico e ben strutturato e prevede il momento deliberativo. Il voto non è "consultivo", ma vincolante.
L'attivazione di una pratica partecipativa permette di raggiungere alti risultati di scenari sostenibili in favore del “bene comune città” e rappresenta il collante tra i nostri due punti già elencati.
Ecco perchè è il nostro terzo punto irrinunciabile.

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Ottobre 2013 20:16
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» La sede della PM di Sacile SLITTA e LIEVITA...

Quando i cittadini chiedono pochi spiccioli per questo o per quello si sentono rispondere al 90% delle volte che non ci son soldi. Ora, questa risposta oggi nel nostro Paese è purtroppo vera. Dal momento però che si tratta di denaro pubblico, di...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...