Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

In tutta la regione è iniziata la campagna elettorale del centro destra. Il centro sinistra è in ... meditazione.

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 48 visitatori online

Notizie flash

zona30-imgSpS propone le "Zone 30" a Sacile: l'unico modo per far emergere un diverso modello sostenibile per la viabilità cittadina:

CITTA' PER L'UOMO E NON PER LE AUTO, CITTA' PER I BAMBINI !!!

 

Benvenuto in Sacile Partecipata e Sostenibile!
50 posti in casa di riposo sfumati? Ma va?! PDF Stampa E-mail
Martedì 31 Maggio 2016 17:32

Apprendiamo dalla stampa locale che per l'ennesima volta avevamo dubitato giusto: ben 60 le domande in lista di attesa per un posto in casa di riposo a Sacile, ma ... il posto non c'è.
I famosi 50 posti promessi addirittura con "i soldi ci sono" (come mi era stato detto di persona) sono ora ritirati anche come annuncio. Retromarcia totale. Si scopre anche che l'ampliamento potrà "essere affrontato con risorse di privati".
Insomma una Caporetto sul fronte dell'offerta di assitenza agli anziani non autosufficienti, come pure sull'offerta abitativa per quelli autonomi in buona salute, visto che altre parole al vento sono da anni quelli sulle residenze per anziani.
Infine si scopre anche che la popolazione anziana di Sacile cresce.

Ma va?!

Allora la proposta la lancia SPS:
Alziamo bandiera bianca, annunciamo la resa incondizionata e offriamo a quella società che opera nel campo delle residenze per anziani (quella che l'amministrazione sacilese moooooooolto ben conosce dai raduni dell'allora Forza Italia) l'intero complesso dell'ex Distretto Militare per farne uno dei recuperi che a detta società tanto bene riescono? Se il pubblico non riesce nemmeno ad ampliare una casa di riposo come possiamo credere che potrà salvare i muri di un tale complesso ormai in un tale stato?

Una provocazione da parte di SPS?

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Dicembre 2016 19:20
 
la proposta di SPS per il Pujati PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Maggio 2016 17:39

L'emergenza spazi per le aule dell'ISIS "G.A.Pujati" di Sacile dovrebbe trovare soluzione nel collocamento all'interno del Centro Commerciale Serenissima oppure nell'allestimento di un prefabbricato. Questo quanto proposto ad oggi, maggio 2016.
Sicuramente la prima osservazione da fare è quella che, nel caso di entrambe le soluzioni, sia confermato il carattere TEMPORANEO, cioè di uno o massimo due anni. Non deve assolutamente tradursi, come troppo spesso accade nel nostro Paese, che una soluzione temporanea diventa tacitamente PERMANENTE negli anni perchè nessuno se ne occupa più.
Esattamente il problema che oggi ha portato a questa emergenza. Sapevamo di essere "ospiti" al Marchesini, ma, una volta sistemati là, nessuno ha più pensato al momento in cui avremmo dovuto andarcene.
Per dare dunque  certezza che il provvedimento sarà davvero limitato nel tempo c'è un solo modo: delineare contemporaneamente quale potrà essere la soluzione definitiva.
Non ci pare finora di aver sentito nulla in merito. Quindi apriamo noi la discussione:
Potrebbe prestarsi l'edificio in cui ora si trova il corso linguistico.
L'edifico ha una pianta regolare su due livelli. Potrebbe essere rialzato di un piano, MA NON poggiando direttamente su quanto esistente.
Immaginate quattro o sei colonne portanti esterne che sorreggono un nuovo piano: come una scatola sopra l'altra, ma quella sopra non pesa su quella sotto. Una bazzecola per le nuove tecniche costruttive - magari anche con elementi prefabbricati - applicate ad un edificio di dimensioni contenute.

Ultimo aggiornamento Domenica 05 Febbraio 2017 19:03
 
ancora un passo avanti in via ponte Schiavoi PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Maggio 2016 16:28

Anche Sistema Ambiente ci ha messo personalmente al corrente di quanto nel giro di poche settimane verrà fatto relativamente allo scarico segnalato da SPS. Oltre alla solerte riposta inviata alla Prefettura (che poi l'Ufficio ci ha girato), Sistema Ambiente ha voluto spiegare esaustivamente l'intervento: si provvederà ad allacciare la tubazione lato strada con quella lato interno, convogliando in questo modo il residuo proveniente dalle vasche Imhoff verso il terzo scarico, lontano dall'abitato. Resterà la funzione di raccolta delle acque meteoriche in caso di forti precipitazioni.
Contestualmente verrà avviata anche una verifica sul corretto mantenimento delle vasche Imhoff. Meteo permettendo, anche questo sarà risolto, come la pulizia dell'argine da poco effettuata e l'inserimento del tratto in questione nei prossimi interventi di pulizia degli alvei da parte del Servizio di difesa del suolo di PN.

Bene. Grazie a entrambi i soggetti responsabili dei lavori.

Peccato che proprio da parte della nostra Amministrazione non abbiamo invece saputo nulla per quanto riguarda la messa in sicurezza dello scarico, visto si trova esattamente sotto l'argine e potrebbe essere molto facile scivolare visto il lato ripido.
Che si fa?
Ci metteranno al più presto una recinzione - come intorno al terzo scarico - o aspettiamo che qualcuno cada giù?

Ricordiamo che in data 20 aprile era pervenuta anche risposta da parte dell'Ufficio del Prefetto: Scarica qui la risposta del prefetto in pdf >>>

Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Novembre 2016 14:07
 
nuovo bando per "Scuole Innovative" ... ci saremo?! PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Maggio 2016 11:14

Si legge nel sito del MIUR:
http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/focus050516

"Al via il concorso di idee per la progettazione e la realizzazione di 52 #ScuoleInnovative grazie allo stanziamento di 350 milioni di euro, previsto dalla legge ‘Buona Scuola’. Il bando è stato illustrato il 5 maggio al Ministero dell’Istruzione dal Ministro Stefania Giannini, dal Sottosegretario Davide Faraone e dalla coordinatrice della Struttura di Missione per l'Edilizia Scolastica di Palazzo Chigi Laura Galimberti.

Il bando per le #ScuoleInnovative sarà on line all’inizio della prossima settimana e si chiuderà il prossimo 30 agosto. Sarà scaricabile dal 23 maggio sul sito www.scuoleinnovative.it dove è già disponibile la mappa delle 52 aree su cui sorgeranno le nuove scuole. Per ogni area sarà possibile visualizzare una scheda tecnica della tipologia di istituto da costruire con il costo stimato delle opere. Le aree sono state individuate dalle Regioni attraverso una procedura

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Giugno 2016 18:11
 
SCUOLA: per ora Sacile continua a risultare "assente" PDF Stampa E-mail
Domenica 01 Maggio 2016 11:24

Apprendiamo che ci saranno due incontri dell'Amministrazione con i residenti di S.Odorico e di S. Giovanni del Tempio per sentirci "illustrare sito e caratteristiche" del nuovo plesso scolastico.
Certo, "ascolteremo" l'illustrazione e magari anche ne "parleremo"......
Peccato però che nella tabella dei Comuni beneficiari del provvedimento, unita in allegato al Decreto firmato in data 27 aprile 2016 da Matteo Renzi, il primo in elenco con la lettera "S" è il Comune di Saccolongo in prov. di Padova, segue quello di Saint-Cristophe in prov. di Aosta e MANCA IN APPELLO (con certezza di ordine alfabetico come in ogni buon registro scolastico!) il Comune di SACILE.
"Parleremo" quindi come si potrebbe parlare in classe con un "assente".... Occhiolino cioè la copertura finanziaria.

Ci sono invece gli sconti sul patto di stabilità per:
Caneva 80.523 Euro
Fontanafredda 168.763

Ultimo aggiornamento Martedì 03 Maggio 2016 17:54
 
risposta al problema di via ponte Schiavoi PDF Stampa E-mail
Venerdì 15 Aprile 2016 16:13

In riferimento al nostro Esposto al Prefetto di Pordenone su alcune questioni riportateci dai residenti lungo l'argine di via ponte Schiavoi, appare imminente intanto l'avvio di una parte di interventi.
In seguito al sopralluogo effettuato insieme ai tecnici del Servizio di difesa del suolo di Pordenone è arrivata anche risposta scritta. Dalla comunicazione emerge che si ritiene "piuttosto complessa" la prosecuzione dell'arginatura esistente, perchè il prolungamento riguarderebbe "aree agricole private, con conseguenti oneri di esproprio e la realizzazione di un'opera idraulica con paratoie in corrispondenza dello scarico fognario presente sul Meschio".
Si interverrà invece, in quanto progetto già finanziato, mediante pulizia dell'alveo dei fiumi Meschio e Livenza alla loro confluenza. Al tempo stesso "si provvederà a rimuovere il materiale depositatosi davanti allo scarico locale delle acque reflue". L'ufficio fa però presente che "la pulizia e la manutenzione dell'opera fognaria spetta alla soc. Sistema Ambiente" che ha ricevuto p.c. la risposta in oggetto.

Ultimo aggiornamento Sabato 30 Aprile 2016 16:48
 
il boomerang della ... sicurezza PDF Stampa E-mail
Mercoledì 13 Aprile 2016 17:59

Centro destra e, in particolare, ex Destra e Lega sacilese han puntato per la loro - ahìnoi - duplice vittoria sulla "sicurezza". Bene han fatto, han ri-vinto nonstante nella prima Amministrazione Ceraolo non abbiano risolto prorpio nulla e ancora una volta chi ha perso, anzi, è stato gabbato è ... il cittadino elettore. E' fin troppo chiaro ormai che, se fino a pochi anni fa potevano giocare sulla PERCEZIONE DI INSICUREZZA, ora si tratta ormai da tempo di fatti e misfatti ben concreti e decisamente fuori controllo.
Pensate quante diverse "sicurezze" ci siamo bevute negli anni: dalla Polizia Municipale ARMATA al POLIZIOTTO DI QUARTIERE, dalle RONDE ai PATTUGLIONI  ai VOLONTARI PER LA SICUREZZA, dalla SICUREZZA PARTECIPATA (alla quale anche il nostro Comune doveva aderire!) alle SENTINELLE DI QUARTIERE. Ora che tutto è fallito si batte la grancassa per un referendum sul diritto alla LEGITTIMA DIFESA, cioè il cittadino fai da te - con le prevedibili conseguenze che da decenni vediamo negli Stati Uniti.
Si potrebbe ridere di questo caotico mare di proposte insensate in partenza, ma passa la voglia di fronte alla montagna di soldi pubblici che avrebbero invece potuto andare alle nostre Forze dell'Ordine.

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Aprile 2016 17:38
 
ultimo pezzettino per la ciclabile Tarvisio - Gemona! PDF Stampa E-mail
Mercoledì 06 Aprile 2016 17:21

Ultimo pezzettino: ecco i pochi chilometri ancora mancanti tra Resiutta e Venzone. La bellissima ciclabile Alpe-Adria che porta fino a Grado sta per essere unita in un percorso unico almeno fino a Gemona: è infatti percorribile da Tarvisio a Resiutta - attraversando anche i tunnel storici tutti illuminati - ed è completo il pezzo da Gemona a Venzone. Manca quindi solo di attaccarsi da Resiutta a Venzone. Si sta infatti lavorando sugli ultimi chilometri mancanti, passando davanti alle stazioni di Resiutta, Moggio e Carnia.
Una ciclovia così bella da essere appena stata premiata il 31 gennaio 2015 come “Pista ciclabile dell’anno” alla fiera “Fiets en Wandelbeurs” ad Amsterdam.
Peccato una cosa sola: che ben pochi gireranno verso destra per seguire la linea Gemona - Sacile.....
A che punto siamo con la decisione sulla nostra tanto bella linea ferroviaria? Al solito, ogni tanto l'illusione di un piccolo passo avanti, ma poi tutto si tace fino al prossimo annuncio, che tale resta.
I Sindaci possono e devono assolutamente fare maggiore pressione, metterci maggiore impegno, rinvigorire di continuo la discussione. SPS ha invitato il Sindaco di Sacile ad organizzare un tavolo tra tutti coloro che già hanno, o vorrebbero, presentare studi e proposte. Perchè questo pareva chiedere la regione vincolando gli eventuali (!) investimenti. Ci sono sì alcuni Sindaci che tengono vivo il dibattito: il Comune di Pinzano ha promosso la settimana scorsa una riunione con associazioni e cittadini per iniziare a confrontarsi sulle varie possibilità. Intende anche proseguire organizzando dei veri e propri incontri formativi per la cittadinanza.

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Aprile 2016 20:07
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 84