Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

A Sacile è iniziata la campagna elettorale del centro destra. Il centro sinistra è in ... meditazione.

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 32 visitatori online

Notizie flash

Benvenuto in Sacile Partecipata e Sostenibile!
...ma guarda un pò... PDF Stampa E-mail
Venerdì 11 Dicembre 2015 15:48

Ma guarda un pò...
Il 9 dicembre 2015 l'ARPA emana un comunicato in cui scopriamo che DA AGOSTO c'è UN GUASTO al computer Nexus dell'Agenzia, dedicato alla previsione della qualità dell'aria. Si è trattato di "un guasto del tutto imprevedibile" (?!) che ha avuto come conseguenza "la temporanea perdita di tutte le informazioni contenute nella base dati e dei programmi di calcolo sviluppati dal 2009".
Immediatamente l'ARPA ha avvisato tutti gli utenti del servizio di previsioni della qualità dell'aria ed è stato predisposto un programma di ripristino della funzionalità, che procede secondo un cronoprogramma costantemente monitorato.
Meno male che "procede" visto che son passati 4 mesi e mezzo.
(E non dimenticate la centralina di Sacile fuori uso diversi MESI!)

Certo che siamo in una botte di ferro se l'otto dicembre il TG3 ha riferito che "secondo quanto comunicato dall'ARPA l'unico Comune che ha sforato i 35 giorni permessi è Porcia". Non era vero! Già in quella data Sacile aveva sforato di ben 9 giorni consecutivi. Avrebbe quindi dovuto già scattare il Piano di Azione Comunale.
Domanda: se non sanno leggere nemmeno i dati che appaiono al momento, come potremmo credere (e infatti lo avevamo detto subito, sin da quando era apparsa per la prima volta la notizia dei "dati in tempo reale") nella capacità di "previsione"?!


Ma i dubbi vengono anche su reale interesse/informazioni/conoscenze/volontà/capacità della nostra Amministrazione in fatto di inquinamento: Infatti, se è vero che l'ARPA ha provveduto ad informare tempestivamente questa estate del guasto, ha probabilmente anche aggiunto quanto ora scrive nel comunicato, e cioè che "Il guasto non impedisce agli amministratori locali di

Ultimo aggiornamento Domenica 13 Dicembre 2015 17:48
 
la nuova scuola PDF Stampa E-mail
Martedì 08 Dicembre 2015 20:46

Il 9 ottobre 2015 viene pubblicata la graduatoria dei primi 27 edifici (ad oggi sono 114) destinatari dei fondi INAIL per la costruzione di nuove scuole "immediatamente cantierabili". Le scuole saranno costruite a cura e a spesa dell’Inail, che resterà proprietaria. Il Miur pagherà all’Inail il canone di affitto affinché il Comune possa utilizzare il bene senza oneri. Nella nostra regione si tratta di: SAVOGNA, CERVIGNANO E AVIANO.

Non hanno ricevuto il finanziamento per opera dello Spirito Santo, non lo hanno ricevuto perchè han scritto una letterina a Renzi, lo han ricevuto perchè avevano tutti i requisiti!Ve li illustreremo sotto, ma prima ricostruiamo un pò come siamo giunti a Sacile oggi, con l'acqua alla gola, a ringraziare il cielo per avere almeno una prospettiva “parzialmente finanziata” (grazie alla presenza di una ”area” – anche se subito rinnegata) e sperando che davvero la cifra non resti sulla carta.
Ecco. Magari avremmo potuto anche noi trovarci in posizione migliore nella graduatoria se avessimo evitato i soliti vecchi errori della politica e dei suoi elettori.

Sì, perchè noi cittadini, che ora regolarmente come sempre facciamo la voce grossa e le minacce che sfumano nel nulla, le nostre amministrazioni le decidiamo votandole, piccolo particolare da non dimenticare.....
Poi la politica fa il resto: procrastina le cose fino a legarle con interessi privati, per cui a parole pare che la nuova scuola venga fatta entro due tre anni, ma poi serve solo ad essere legata alla ennesima zona lottizzata della ennesima Variante urbanistica; dipinge scenari meravigliosi relativi al nuovo edificio, ma non si mette strenuamente alla ricerca dei fondi richiesti, mentre si impegna a cercarli per “altro”; ci gode a disfare quanto fatto dal predecessore, soprattutto se di altro colore politico, e a promettere qualcosa di ancor più grande; insiste sull'idea di opere nuove, di consumo del territorio (legando quasi sempre il pubblico a paralleli interessi privati), ed è poco incline al recupero dell'esistente; e infine, quel che è peggio e che abbiam detto ormai tante tante volte in questo sito, non guarda oltre la punta del naso, non guarda avanti negli anni/decenni, al massimo fino a cinque annetti, quel che basta per prepararsi i prossimi voti (infatti la gran parte degli interventi viene fatto a un anno dalle elezioni!).

Ultimo aggiornamento Venerdì 03 Giugno 2016 17:25
 
Assemblea 2015 a San Giovanni del Tempio PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Dicembre 2015 20:12

Questa volta sala piena per l'assemblea del 3 dicembre 2015 della frazione di Giovanni del Tempio.
Pericolo scampato per la paventata istituzione del senso unico in via Interna. Non si farà - evviva!
Tutti i presenti contrari.
Non una sola voce concorde, non una sola mano alzata.
I cittadini hanno ben capito che i sensi unici non servono per la "sicurezza dei pedoni e dei ciclisti", spingono, al contrario, a far andare più veloci le auto e a far diventare via Interna un pezzo di pista da corsa.
Quello che San Giovanni chiede è l'istituzione del 50km/h sul tratto della Pontebbana entro il quale si trova l'accesso in via Pordenone. Quello che si RI-chiede da 6 anni (!) è l'allargamento dell'entrata dalla Pontebbana in via Pordenone (l'ex Ass. Bottecchia lo aveva promesso nel 2009!).

Non si considere chiusa invece la questione del senso unico in via dei Masi.
Non c'è residente che possa negare che le entrate contromano dalla Pontebbana - dopo ben 7 anni - continuano a tutte le ore del giorno, che i ciclisti arrivano contromano anche correndo sopra il marciapiede e che molte volte ci son problemi di svolta a destra per mezzi pesanti e/o trattori che provengono da via Interna per  andare in via dei Masi o in via Aquileia.

Ad ogni modo non si parlerà mai più di nuovi sensi unici - almeno nella parte sud di San Giovanni del Tempio!

Ci auguriamo che anche i cittadini di Sacile centro boccino unanimememte il senso unico in viale Trieste........

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Dicembre 2015 21:05
 
Una mostra al 100% a misura di bimbi PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Novembre 2015 20:52

Per celebrare il gemellaggio con Novigrad l'Amministrazione, tra le altre cose, ha previsto l'esposizione dei disegni delle bambine e dei bambini delle scuole dell'infanzia e delle primarie delle due città.
Allora facciamo una volta per tutte le cose al 100%!
Se le pareti del San Gregorio si riempiranno delle creazioni di decine e decine di piccoli artisti, allora si prendano come riferimento gli stessi anche come pubblico: si prediliga il loro punto di vista, ma in senso concreto. Si permetta loro (dei quali sappiamo bene quali grandi estimatori e critici sappiano essere!) di godere appieno delle LORO opere. Si allestisca insomma la mostra A LORO MISURA, ALL'ALTEZZA DEI LORO OCCHI!
Solitamente alle mostre i bimbi devono guardare verso l'alto ma, pur alzandosi sulle punte dei piedi, raramente riescono davvero

Ultimo aggiornamento Domenica 20 Dicembre 2015 19:25
 
Complimenti a ... al comune di Azzano Decimo PDF Stampa E-mail
Domenica 08 Novembre 2015 18:49

Avevamo colto giusto con il nostro articolo precedente: il progetto della MENSA SOLIDALE del Comune di Azzano Decimo è andato ben oltre le solite belle parole e si è rivelato molto concreto e può essere davvero considerato con il termine di "buona pratica".
Complimenti, perchè Azzano Decimo ha sbaragliato ben 500 contendenti e venerdì 6 novembre ha ricevuto il primo premio per "Vivere a spreco zero 2015"!!!
Ricordiamo che con la raccolta del cibo in perfetto stato non scodellato nelle scuole ogni giorno una decina di persone può sedersi e sfamarsi alla tavola solidale di Azzano Decimo, e, al tempo stesso, non si getta cibo.

Anche Sacile, per mano dell'ex Ass. Ariana Sabato, aveva firmato il Manifesto contro lo spreco alimentare. Firmato e basta. Piango

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Novembre 2015 21:09
 
stiamo tranquilli, a Sacile non c'è inquinamento! PDF Stampa E-mail
Domenica 08 Novembre 2015 12:19

Stiamo tranquilli. A Sacile non c'è inquinamento ..... perchè non viene misurato!
Come volevasi dimostrare: siamo in pieno inizio dei fattori che, combinati tra loro, portano allo sforamento delle polveri sottili: l'accensione degli impianti di riscaldamento (e grazie al cielo NON da parte dei privati perchè le temperature di queste settimane sono estive!!!), le belle giornate di alta pressione senza un pelo di vento, i numerosi falò per bruciare ufficialmente i resti agricoli (in verità un pò di tutto come sempre - altrimenti uno si chiede quali "resti agricoli" ci siano dietro una villetta con giardino oppure nell'angolo di un cantiere edile), e il solito traffico.
Così nei tre Comuni del conurbamento Pordenone, Cordenons e Porcia, da domani scattano i primi provvedimenti.
Nel Comune a noi vicinante, Brugnera, il 4 novembre si è arrivati ad uno sforamento di 64 mg, il giorno 5 a ben 79 (mentre per i giorni 6, 7 e 8 ovviamente

Ultimo aggiornamento Martedì 10 Novembre 2015 19:40
 
Il progetto del "Bosco antico" e il suo futuro PDF Stampa E-mail
Giovedì 29 Ottobre 2015 20:10

Complimenti per la serata di martedì, 27 ottobre, dedicata alla esposizione del progetto del WWF "Un bosco antico per il futuro di una città" su ispirazione del Comitato Bosco Urbano. Complimenti perchè la serata ha innanzitutto allargato la sfera del "pro o contro la Gronda Est" presentando l'ampio respiro e le ampie implicazioni del progetto.

Fondamentale il punto di partenza: il principio del ripristino della funzione naturale di quell'area di circa 40 ettari come naturale "cassa di espansione" con la preziosa funzione di ridurre i fenomeni di esondazione in zona sud della città.
Mettiamo su un piatto della bilancia questa possibilità futura e sull'altro piatto i costi, i disagi, l'esasperazione dei cittadini ad ogni fenomeno alluvionale. Aggiungiamo i costi sostenuti dai fondi pubblici, le risorse umane e materiali degli interventi di Protezione Civile e Vigili del Fuoco, i costi del ripristino e delle manutenzioni, i costi di realizzazione di canali scolmatori e di casse di espansione (posticce e quindi pagate a peso d'oro) e della installazione di paratie, pompe idrovore e manufatti vari.

Un secondo aspetto è la preziosità della rinaturalizzazione che si trasforma in un polmone verde a due passi da ogni cittadino. Non solo, ma apre a scenari di ripopolamento botanico e faunistico, di visite didattiche, di richiamo turistico. Non solo, ma contribuisce ad abbattere l'inquinamento di cui indubbiamente la nostra città soffre. Mettete sul primo piatto della bilancia anche questo.

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Ottobre 2015 20:46
 
Un successo il bonus per le e-bike! PDF Stampa E-mail
Giovedì 29 Ottobre 2015 18:19

Sono 1058 i cittadini del FVG che hanno usufruito del bonus per l'acquisto di un bicicletta elettrica a pedalata assistita (v. grafici sotto). La somma stanziata si sta esaurendo. Oltre ai molti benefici per la mobilità e la qualità dell'aria delle nostre città va detto che larga parte dei 300.000€ investite della Regione sono rientrati grazie all'iva.
Perciò la FIAB FVG ha deciso di chiedere alla Regione di rifinanziare il bonus per le biciclette a pedalata assistita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 29 Ottobre 2015 18:26
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 84