Sacile Partecipata e Sostenibile

Chi Siamo PDF Stampa E-mail
Mercoledì 03 Febbraio 2010 11:18

img articolo

Siamo un gruppo di cittadini di Sacile che han deciso di impegnarsi affinchè la nostra città cresca come una comunità capace di pensare, progettare e realizzare il proprio futuro e di concorrere alla realizzazione di buone pratiche di sostenibilità nel senso più ampio del termine al fine di migliorare la vivibilità del nostro territorio per tutti.

La politica dovrà essere in grado di cogliere la complessità e non il problema singolo, di saper distinguere e dare soluzioni semplici a problemi univoci e soluzioni lungimiranti e progressive a problemi complessi. Una politica che sappia essere gratuita e generosa, perché nessuna Amministrazione potrà risolvere in cinque anni problemi difficili e multiformi, come l’inquinamento, ma non dovrà sottrarsi alla possibilità di gettare le basi, affinchè chi seguirà possa continuare il cammmino.Una politica che sappia dimostrare che si può “progredire” in modo diverso: valorizzare la collettività e proteggere l’ambiente significa trovare il punto di sintesi per dare una comune percezione della preziosità dell’essere cittadini.

I nostri principi ispiratori saranno quelli della democrazia reale, della trasparenza e della partecipazione nei processi decisionali, dell’abbattimento dei costi della politica, della capacità di individuare un modello di sviluppo fondato sulla piena tutela dell’ambiente, sulla centralità del lavoro, della conoscenza e della solidarietà, sulla sicurezza frutto dell’arricchimento delle relazioni sociali, sulla promozione di stili di vita sani e sostenibili, sul costruire salubre e di minimo impatto, su soluzioni innovative ai problemi della mobilità, su servizi pubblici intesi come diritto, sull’innovazione intesa anche come recupero delle risorse dimenticate del territorio e sulla convinzione che una diversa economia è possibile senza separare le politiche ambientali dalle scelte di sviluppo economico e sociale.

Per troppo tempo abiamo utilizzato il pianeta per soddisfare i nostri bisogni, certi di disporre delle capacità intellettuali e tecnologiche per risolvere qualsiasi problema. Oggi bisogna ammettere che il progresso non è tale se distrugge la qualità della vita. Abitiamo città che soffocano nel cemento, nei rifiuti, nel traffico, nell’inquinamento (dell’aria, del suolo, idrico e acustico), che non riescono a garantire la sicurezza sulle strade e sui posti di lavoro, che sono spogliate del verde, che hanno perso i luoghi di socializzazione all’aperto. Viviamo secondo ritmi frenetici che si fondano su effimere logiche di consumo e di profitto materiale e generano relazioni sociali superficiali.

E’ urgente affermare con forza e concretezza progettuale un sistema di valori basato sull’equità sociale e la solidarietà e sull’autentico rispetto per l’ambiente, tenendo presente in ogni nostra decisione l’effetto che avrà per la vita delle future generazioni. E’ necessario essere coscienti della gravità e della complessità dei problemi, del fatto che le conseguenze non sono quasi mai immediatamente visibili, che il deterioramento è un processo tanto difficilmente percepibile quanto inesorabile.

La nostra visione è quella di una città Partecipata e Sostenibile che:

  1. appartiene ai suoi abitanti, perché è frutto delle loro scelte e cresce in base all’equilibrio tra le esigenze di tutti, proteggendo così anche i più deboli;
  2. valorizza la connessione e l’interdipendenza dei legami sociali, perché si basa sulla collaborazione tra singolo e comunità, tra cittadino e istituzioni, rafforzando il senso di responsabilità per il bene pubblico;
  3. conferisce dignità ai suoi abitanti, perché promuove un modello di vita finalizzato a migliorare la qualità di vita misurando le decisioni politiche secondo la loro ricaduta sull’ambiente e sul tessuto sociale.

Ultime elezioni: con una campagna elettorale costata 1.300 Euro, presentandoci da soli come Davide tra due Golia,  per soli 19 voti non siamo riusciti a far eleggere in Consiglio il nostro candidato Sindaco, Stefano Barazza.

cand.Sindaco 433, voti di lista 358, Casadio 53, Breda 21, Loria 20, Lot 10, Rosolen 6 Tomasella 6, Parente 5, Bosi 4, D'Orazio 4, Verardo 3, Zilli 2, Armelin 2, Pizzinato 2, Da Frè 1, Altinier, Bolzan.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 28 Maggio 2014 16:42
 
Articoli correlati :

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Esposto al Prefetto sulla passerella della Denis Zanette

AL PREFETTO di PORDENONE p.c. AL SINDACO DI SACILE Sacile, 02/07/2019Oggetto: Passerella in legno come barriera architettonicaIll.mo sig. Prefetto,Con la presente intendiamo esporre all’attenzione della S.V. quanto segue:Recentemente nel Comune...

» Una piccola svista? NO, una grande disattenzione

Una piccola svista, si potrebbe pensare, così come si presenta il piccolo ponticello sul nuovo tratto della pista ciclo-pedonale Denis Zanette. Invece NO. No, quel ponticello è segno di grande disattenzione nei confronti di qualsiasi utente,...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» Lavori perennemente rinviati: cataclismi naturali???

Unitamente alla comunicazione sul rinvio al prossimo anno (pare) dell'adeguamento antisismico alla scuola primaria Deledda di Sacile il Sindaco rassicura che "i progetti rinviati hanno copertura economica".Perplessità? Rabbia? Peste e corna? No,...

» Accoglienza: come NON la racconta la Lega

Sono più o meno una ventina i cittadini stranieri ospitati ufficialmente nel nostro Comune di 19.500 abitanti.Lasciamo però la questione d'accordo o non d'accordo sull'accoglienza di esseri umani non solo alti e biondi e vediamola solo dal punto...

» Attraversamento, dosso o rallentatore???

Il nuovo manufatto stradale realizzato in via Cartiera vecchia subito dopo la rotonda e subito prima del ponte desta una domanda: si tratta di attraversamento pedonale, di dosso o di rallentatore della velocità o di tutte le tre cose...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» e dai con la sicurezza, o meglio, con la memoria corta dei cittadini

Abbiamo letto le dichiarazioni del Presidente del Consiglio, Marco Bottecchia.Sempre uguale la Lega. Nel 2017 con la "sicurezza",Bottecchia afferma che per la sicurezza "va potenziato l'organico delle Forze dell'Ordine".Bene. Potremmo essere...