Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

Dicembre a Sacile: ressa di candidati sindaci a destra; buco nero a sinistra.

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 94 visitatori online

Notizie flash

Stop al Consumo di TerritorioSpS aderisce a "Stop al Consumo di Territorio", per un territorio non cementificato.

 

 

le tragedie che spariscono troppo in fretta PDF Stampa E-mail
Domenica 15 Gennaio 2012 18:28

Mentre ogni televisore e ogni giornale ci fa scorrere davanti agli occhi le immagini della Costa Concordia, altre tragedie quotidiane trovano lo spazio di pochi minuti. Difficile scegliere tra chi si suicida perchè oggi non sa più come tirar avanti, tra il quotidiano delitto in famiglia, tra l'efferrato delitto in una qualsiasi delle nostre città.
Noi allora vorremmo dedicare ancora una volta la nostra attenzione ai più piccoli, perchè nel giro di due giorni un bimbo di 10 anni e uno di 5 sono finiti sotto le ruote delle macchine di chi li portava a scuola. Ma ci dimentichiamo che non sono i primi. Perchè, purtroppo, sono tragedie che per SPS significa intensificare la nostra lotta per far capire che dobbiamo avere una visione globale del danno che continuiamo ad infliggerci con l'adorazione della dea Automobile. Grottesco leggere, nello stesso giorno in cui appare la notizia della sciagura, poche pagina dopo i risultati di una ricerca in cui si vede ormai che il traffico è una delle cause primarie di chi si ammala di stress, di chi è sull'orlo del burn-out.

E allora vogliamo ricordarle qui nel nostro sito, molto brevemente, perchè non ci interessa indugiare sui particolari, la lista delle irreparabili tragedie che noi "grandi" provochiamo. Tragedie che non sono dovute al "maniaco dietro ogni siepe" ma che molto più concretamente andiamo a cercarci da soli, lasciando i bimbi in macchina soltanto perchè scendiamo un attimo a comprare il pane, senza pensare che basta passi un auto che sbanda; sedendoli davanti con lo zaino già sulla schiena, non importa se con il viso quasi attaccato al cruscotto; non scendendo mai noi ad aprire loro la porta, magari anche per controllare quale altro mezzo arriva da dietro, perchè perdiamo tempo o stiamo giusto parlando al cellulare; non mettendo loro la cintura o non fissando il seggiolino perchè, tanto, dobbiamo fare poca strada e dobbiamo tirarlo giù per consegnarlo alla nonna; non inserendo la sicurezza del blocco apertura porte, ma, al contrario, lasciando che armeggino da soli alla loro cintura e che posssano da soli salire e scendere dal seggiolino; ecc. ecc.

DOPO, non si può più evitare di.

08/06/17 Muore bimba di 16 mesi dimenticata in auto dalla madre che doveva portarla al nido.

Tragedia in provincia di Firenze dove un bambino di soli sei anni è deceduto dopo essere stato travolto dalla macchina della madre che non aveva tirato il freno a mano.

Una bambina di 2 anni è morta dopo essere stata dimenticata per circa 5 ore in macchina dalla madre.

Dimenticato in auto sotto il sole, bimbo muore.  Il papa' doveva portarlo all' asilo, lui dormiva e l'uomo è andato al lavoro scordandosene.

Bimbo muore investito da un camion dei rifiuti. Luca, due anni e mezzo, aveva seguito la mamma a gettare la spazzatura.

Un bambino di tre anni è morto questa mattina dopo essere stato sbalzato fuori dall'auto del padre in un incidente. Non era stato correttamente "allacciato" nel seggiolino per auto.

Muore a 10 anni straziato dal camper guidato dalla madre che lo aveva accompagnato a scuola. Lo zainetto si era impigliato nella portiera.

Muore investito da un SUV all'ingresso della scuola materna: il bimbo di 5 anni era sceso da solo mentre la madre sistemava la sorellina più piccola. Il SUV era guidato da un papà che stava a sua volta portando a scuola sua figlia.

Uccide la figlia di soli 18 mesi mentre fa retromarcia con la sua auto in un cortile. È successo tutto in pochi minuti. La coppia stava lasciando l'abitazione per andare a pranzo fuori. L'uomo è salito in auto convinto che la piccola fosse con la madre e non si è accorto che la bimba gli era andata dietro.

Nella prima giornata davvero calda della fredda e piovosa primavera del 2013 muore nel suo seggiolino un bimbo di due anni. Il papà lo aveva dimenticato invece di portarlo all'asilo aziendale. Per otto ore il papà lavora in ufficio, finchè il nonno, che doveva andare a prendere il bimbo, non telefona per chiedere dove sia. L'urlo del padre ormai non può far tornare indietro il tempo.

Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Giugno 2017 20:01
 
Articoli correlati :

» Dire che il piano aria dei 10 comuni è comico sarebbe un complimento

Definirlo "comico" si potrebbe se non si trattasse di una tale gravità. Gli amministratori dei 10 Comuni presenti del pordenonese hanno fatto una sola cosa nuova: mettersi insieme.Primo provvedimento che andava fatto già anni fa. Primo aspetto...

» Zona 30: beneficio 5

Segue i benefici 1, 2, 3,. Il beneficio numero 5 del 30 all'ora è: strade di città davvero SENZA BARRIERE!Innanzitutto perchè la PRIMA BARRIERA per qualsiasi utente non motorizzato della strada è LA VELOCITA'. Questo lo capisce anche un bambino,...

» Verso fine mandato: le grandi scoperte

Continuano a stupire sempre più spesso le dichiarazioni dei nostri amministratori che paiono annunciare grandi scoperte e grandi idee per risolvere improvvisamente problemi che si trascinano da anni.E non basta chiedersi, come mai non prima,...

» considerazioni sul dietrofront dell'Amministrazione relativamente alla chiusura del parcheggio davanti alle scuole

Sacile, 06 maggio 2013Alla c.a.del Sindaco della Città di Sacile, Roberto CeraoloOggetto: situazione di pericolo nella zona adiacente la sede scolastica di Via EttoreoAbbiamo saputo, solo leggendo la stampa locale, che l’Amministrazione ha...

» attenzione ai falò del 2014! Arrivano sanzioni europee

Comunicato stampa del 15 aprile 2013: Roghi dell'Epifania sotto accusa da parte dell'UEIl Commissario UE all'Ambiente al Deputato Andrea Zanoni: La Commissione europea sorveglia la qualità dell'aria soprattutto in Nord Italia. Zanoni: €œLe...

» scarso risultato in Via Ettoreo...

Pubblichiamo a sostegno di questa giusta lotta:La Comunità europea ha sancito il 2013 come l’anno europeo dell’aria:  è dimostrato, condiviso e riconosciuto che, regolando la presenza di inquinanti nell’atmosfera, possiamo tutelare...

» Sostegno alle mamme dal dott.Mario Canciani

Pubblichiamo di seguito la mail del dott. Canciani, Primario di Allergo-Pneumologia dell'Ospedale di Udine, pervenuta a sostegno dell' che chiedono meno traffico davanti alle scuole:"Ho letto il verbale dell’incontro per la viabilità davanti alla...

» Verbale dell'incontro per la viabilità davanti alla scuola

Pubblichiamo il Verbale con oggetto: Incontro sulla “Situazione di pericolo nella zona adiacente la sede scolastica di Via Ettoreo” Presenti:Assessore all’Istruzione Carlo SpagnolAssessore all’Ambiente Vannia GavaDirigente dell’ASL, dott....

» Lettera delle mamme per richiesta di incontro

Pubblichiamo di seguito la lettera di un gruppo di cittadine e mamme con l'obiettivo di trovare una soluzione al problema del traffico davanti al plesso scolasticoin via Ettoreo:Sacile, 21 gennaio 2013Alla c.a. del Sindaco della Città di Sacile,...

» “NOI SICURI” … ma, SIAMO SICURI???

SPS vuol sperare che gli 11.100,00 Euro impegnati per il Progetto “NoiSicuri” siano spesi bene, cioè che tra qualche mese si vedano dei risultati misurabili relativamente ad una maggior sicurezza stradale.Ci spiace infatti dover nutrire anche...