2020/2021: ecco le condizioni di lavoro in casa di riposo Stampa
Lunedì 08 Febbraio 2021 16:39

In questi giorni di febbraio 2021 in cui l'attenzione è incentrata sulla campagna vaccinale che pare dare anche speranza di poter rivedere di persona tante/i nonne/i sono grata alla Direzione della Casa dell'Emigrante" di Sequals per l'autorizzazione a pubblicare quanto segue.
Si tratta di uno stralcio da uno dei report settimanali che, nonostante il carico di lavoro e di stress, giungevano a noi famigliari. In questo caso si tratta della descrizione di "normalissime" modalità di lavoro.
Il tono è lieve, quasi a voler rendere a noi che siam fuori più leggera la situazione, ma sono certa che tutti voi, che leggerete anche ciò che sta tra le righe, ne sarete toccati:

" Purtroppo i contagi hanno colpito anche il personale, senza contare coloro che stanno male per altri motivi. Questo ha comportato per le figure sanitarie e assistenziali una nuova organizzazione del lavoro basata su turni da 12 ore.
Perché abbiate un’idea di come si lavora in questo periodo vi raccontiamo alcuni dettagli che forse potranno richiamare scene viste in tv…ma vi assicuriamo che vissute sulla propria pelle sono altra cosa.

A proposito dei dispositivi di protezione ve li descriviamo, così anche voi partecipate a questa esperienza:
Divisa da lavoro sotto
Tuta protettiva intera (con effetto “sauna”) compreso il cappuccio
Primo guanto che resta indossato costantemente e secondo guanto che va cambiato ad ogni cosa che si fa e soprattutto ogni volta che ci si sposta da un ospite all’altro
Mascherina FPP2 con filtro più efficace di quella chirurgica (la mascherina chirurgica va bene per non contaminare gli altri, quella FPP2 va bene per non contaminarsi dall’esterno)

Maschere per gli occhi tipo quelle da mare per fare snorkel o in alternativa visiere che coprono tutto il viso tipo “saldatori”
Vi lascio solo immaginare cosa vuol dire lavorare così bardati. E’ comunque necessario per difendersi dal contagio e per difendere i nonni, per cui si fa.

Inoltre:
Appena si è acceso il focolaio abbiamo dovuto creare due squadre distinte per i reparti covid e per quelli “puliti”, con spogliatoi separati e percorsi di accesso ai reparti separati;
Ogni squadra comprende un’infermiera/e, gli oss, un addetto all’igiene e 1 figura di supporto;
Oltre che per il personale abbiamo dovuto definire i percorsi per i carelli del cibo, per le immondizie, per la biancheria: ciò che può essersi contaminato passando da una zona covid non deve incrociarsi con le cose “pulite”
C’è qualcuno che si occupa di rifornire gli spogliatoi e i reparti dei DPI necessari e degli altri materiali
Animatrice, fisioterapisti, addetti al rifacimento letti hanno dovuto modificare i propri compiti riadattandoli alla nuova situazione per poter supportare i reparti nell’alimentazione, idratazione e mobilizzazione. "

 

Ecco quanto.
Non occorre ulteriore commento.
E capite bene perchè questo articolo è stato messo nella sezione "per non dimenticare".

Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Febbraio 2021 17:12
 
Articoli correlati :

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Telecamere nella case di riposo del FVG?

Invece di buttare soldi in telecamere meglio e in nuovi posti letto di Case di riposo pubbliche. Sono ormai quasi 20 anni che da un lato a varie conferenze ci mostrano grafici che attestano l'aumento esponenziale della popolazione anziana e che...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» 50 posti in casa di riposo sfumati? Ma va?!

Apprendiamo dalla stampa locale che per l'ennesima volta : ben 60 le domande in lista di attesa per un posto in casa di riposo a Sacile, ma ... il posto non c'è. I famosi 50 posti promessi addirittura con "i soldi ci sono" (come mi era stato detto...

» 50 posti letto chewing gum?!

"I 50 posti letto in aggiunta agli attuali 86 della Casa di riposo garantiranno una lunga prospettiva di eccellenza della nostra struttura", aveva dichiarato il Sindaco di Sacile nel 2012.E quando di tale annuncio mettendolo in relazione a...

» prevedere il futuro e prepararsi con largo anticipo DOVREBBE essere ... compito della buona politica

Utile di oltre 4 milioni: più 33% rispetto al 2013 (in questi tempi di crisi) e addirittura più 73% rispetto al 2012. Primi in Italia per indice di reddittività.Immobili di proprietà per un valore di oltre 100 milioni distribuiti su tutto il...

» risposta ai rappresentanti del Nursind e dell'Ipasvi

Innanzitutto i due rappresentanti sindacali di Nursind ed Ipasvi dovrebbero ben sapere che quanto riportato dalla stampa, che me ne ha erroneamente attribuito la paternità, è una precisa citazione dalle Osservazioni presentate da ANAAO-AssoMed...

» fuori uso la risonanza magnetica

Credevamo che le dichiarazioni della Presidente Serracchiani, dell’assessore regionale alla salute, Maria Sandra Telesca, e del direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Pordenone, Paolo Bordon, sulla salvaguardia delle funzioni residue...

» Terzo Convegno Passivhaus dell'APE

La terza edizione del convegno regionale sulle case passive si terrà quest'anno a Pordenone, giovedì 3 luglio, con un ricco programma che prevede relatori nazionali ed internazionali che porteranno la propria esperienza illustrando...
SEO by Artio