Sacile Partecipata e Sostenibile

La storia finita dei finanziamenti per il PISUS PDF Stampa E-mail
Martedì 19 Marzo 2013 20:41

Sempre con gran dispiacere, perchè significa ogni volta che tutta la città ha perso, SPS ha nuovamente colto nel segno: il finanziamento è sfumato.

Alla fine dello scorso settembre 2012 l'assessore regionale alle Attività produttive Federica Seganti aveva dichiarato che le decisioni riguardanti i progetti presentati per il finanziamento PISUS sarebbero state prese entro metà ottobre.
L'acronimo “Pisus”, cioè Piano integrato di sviluppo urbanistico sostenibile, aveva acceso molte speranze anche nel nostro Comune vista l'ingente cifra di ben 18 milioni di euro stanziata dall'Unione Euopea attraverso la Regione. Fondi, badate ben, svincolati dal patto di stabilità!
I possibili interventi finanziabili si evincono in particolare dall'elenco dell'articolo 5 del Bando.
Pare però, a sentire le voci sconfortate di diverse Amministrazioni, che dall'amministrazione Tondo arrivino solo continue richieste di integrazioni, a volte

giudicate dagli Uffici addirittura “inverosimili”. Insomma un “magma di burocrazia” che sta svilendo l'entusiasmo e il lavoro che tanti avevano profuso, tanto che si stanno perdendo le speranze di vedere una risposta prima delle elezioni.
Il termine di scadenza per la presentazione delle proposte era il 25 ottobre del 2011. Sicuramente la mole di progetti arrivata in regione è molto diversificata: ci saranno progetti molto ben eseguiti e altri molto approssimativi e carenti.
Diversi erano stati gli interventi di carattere pubblico individuati dall’amministrazione comunale di Sacile relativamente ai finanziamenti del Pisus: la centralina idroelettrica per la riattivazione della produzione di energia elettrica sul salto del ramo Pietà del fiume Livenza (previsione di spesa 726 mila 168,17 euro), la centralina idroelettrica sul salto del ramo Biglia (824 mila 590,20 euro), la riattivazione della centralina idroelettrica per la produzione di energia elettrica sul salto del rio Paisa (514 mila 795,58 euro), la riqualificazione urbana del centro con l’inserimento di tutti gli assi stradali di accesso e di penetrazione nonché la sistemazione degli spazi pubblici dell’area centrale (4 milioni 275 mila euro), nonché un progetto di marketing turistico del territorio e dei locali storici (350 mila euro).

Come stanno le cose per il nostro Comune a un mese dalle elezioni regionali?

Il 28 marzo abbiamo la certezza che ormai non se ne fa più nulla. Il nostro Sindaco dichiara sulla stampa locale che "la regione è attrezzata in modo insufficiente per fronteggiare il tema dei fondi europei" e che ad oggi, con i fondi settennali che vanno in scadenza nel 2013, la regione non è stata ancora  capace di individuare i beneficiari.

Sarà magari un motivo per sfiduciare la Seganti??? Sarà magari un motivo per non sostenere più Tondo???

PS.: il 10 aprile la notizia ufficiale dalla Regione: il Comune di Sacile è in fondo alla graduatoria per i fondi (penultimo). Nella nostra provincia andranno a Pordenone e a Maniago.  Infatti il comunicato della regione recita "Trieste, 10 aprile - Dei 15 Comuni inseriti nella graduatoria (Tarvisio, Trieste, Pordenone, Gorizia, Maniago, Udine, Latisana, San Vito al Tagliamento, Cividale, Manzano, Gradisca d'Isonzo, Monfalcone, Codroipo, Sacile e Muggia) i primi quattro si divideranno i 18,85 milioni di euro messi a disposizione per la realizzazione dei Piani di Sviluppo Urbano Sostenibile (PiSUS), promossi dall'Amministrazione regionale al fine di sostenere la realizzazione di interventi volti ad aumentare l'attrattività del territorio urbano, stimolandone lo sviluppo attraverso un efficiente utilizzo delle risorse."
Beati loro.
... Ma il nostro Sindaco sulla stampa del 13 aprile dichiara che "non si sa nulla di ufficiale"...
Meno male che le notizie alla nostra città le dà SPS!

PS.2: Sulla stampa del 10 maggio l'Amministrazione annuncia che chiederà alla Regione il finanziamento "a scorrimento". Beh, restiamo sempre fiduciosi, ma avremmo sicuramente qualche capello bianco in più quando finalmente toccherà a noi... visto che siamo penultimi prima di Muggia... (v.sopra)

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Maggio 2013 17:09
 
Articoli correlati :

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...