Sacile Partecipata e Sostenibile

La storia finita della scuola in bioedilizia PDF Stampa E-mail
Domenica 06 Novembre 2011 15:37

scuola.jpgLa storia finita della scuola bioecologica a San Giovanni del Tempio

Ai primi di novembre 2011 apprendiamo ufficialmente che a partire dal prossimo anno scolastico Sacile vedrà l’unificazione di due ordini di scuola in un Istituto comprensivo di 1500 alunni.
La notizia viene data in tono sommessamente dispiaciuto ma rassegnato, come se si trattasse di un evento naturale inevitabile, e invece dovremmo ricordarci bene di ringraziare questo Governo, nello specifico i due leader, Berlusconi e Bossi, e i Ministri Tremonti, Brunetta e Gelmini.
Ma non solo.
La notizia non viene accompagnata da un preciso e concreto impegno riguardo all’edilizia scolastica e a servizi connessi.
Una delle prime decisioni di questa Amministrazione nel settembre 2009 fu quella di cancellare la previsione dei due edifici scolastici dal piano della Variante 54 perché non c’era "un solo Euro di copertura” (Sindaco Ceraolo sulla stampa del 19/12/09). Giusto – in parte – e non ci hanno fatto sicuramente bella figura gli amministratori della giunta Cappuzzo. Unico "risultato" dopo 5 anni uno spazio colorato nel piano della Variante 54. Ma, a parte la cruda realtà che oltre al disegno sulla carta non ci fosse nulla, nemmeno l’Amministrazione Ceraolo si è poi rimboccata le maniche per sudare e trovarli allora questi fondi.

E allora ricordiamo che sulle scuole si interviene solo se cadono le finestre in testa agli alunni, se ci sono invasioni di parassiti, se gli impianti sono talmente fuori norma che intervenire è più emergenza che dovere, ecc. Si tira invece avanti dove si intravede la possibilità di chiusura o dove nessuno ormai – per stanchezza – denuncia inadempienze o irregolarità.
D’altra parte sono tanti i segnali poco edificanti dell'attenzione verso i piccoli cittadini: che dire ad esempio che l’intero servizio di preparazione dei pasti per tutte le scuole si svolge ormai da anni nelle cucine (destinate inizialmente all’uso esclusivo del solo plesso) della “G.Deledda”, con la conseguenza che al pomeriggio sa fa lezione in un “tanfo da mensa” quasi insopportabile per chi entra. Ci si chiede come facciano bambini e maestre ad avere ancora appetito e riuscire a far lezione pomeridiana. E che dire dell’inquinamento acustico che si crea quando piove all’interno del plesso “G.Marconi” di San Michele, ancor più elevato quando c’è ricreazione? Poi ci dicono che il rumore aumenta l’iperattività dei bambini……. E che dire del riscaldamento a tutto gas al nido “N.Green”, dove le educatrici sono costrette a lasciare le finestre ribaltate per non cucinare i bimbi? E ancora, che dire che alla “V.da Feltre” ora non si possono più aprire le finestre perché bloccate dopo i lavori di controsoffittatura? E non osiamo pensare che ci siano pareti di aule o palestre con tracce di muffa o perdite interne di acqua.

Ecco perché vogliamo oggi raccontarvi un’altra “storia finita”, quella che aveva visto l’Amministrazione Fasan emanare nel 2004 un bando per un “concorso di progettazione per la realizzazione di una scuola elementare secondo i criteri dell’architettura bioecologica in località San Giovanni del Tempio”.
(Avendo conosciuto personalmente l’Ing. Lorenzo Vittori, Presidente dell’ANAB Veneto (Associazione Nazionale Architettura Bioecologica), che avrebbe fatto parte della giuria esaminatrice dei progetti pervenuti, ci permettiamo di pensare che le belle considerazioni preliminari siano dovute alla sua sensibilità ed esperienza.)

Doveva trattarsi di un edificio scolastico più vicino alla città, comprendente due sezioni, oltre a mensa, palestra, spazi verdi e parcheggi, per un importo previsto di 3.300.000 Euro. La scuola esistente avrebbe dovuto essere adeguata per trasferirvi la scuola materna e quest’ultima sarebbe diventata poi il secondo Nido di Sacile.
Ottima previsione.
Rimasta tale dopo 12 anni.

Il motivo era che l’edificio esistente era vecchio e con spazi ormai insufficienti. La nuova ubicazione si avvicinava alla zona Polisportivo e centro studi. La vicinanza con il Rio Paisa poteva fingere da stimolo a progettare un’area parco che stimolasse attività didattiche e sportive all’aperto. L’area, mutata da agricolo-produttiva in area per servizi e attrezzature collettive, sarebbe stata acquisita dal Comune con procedura espropriativa.
Erano previste almeno 10 aule, 3 laboratori, 1 sala insegnanti, 1 locale per custodi, 1 palestra, 1 mensa, 1 spazio pubblico per attività collettive, 1 vano cottura per piccoli nuclei o per il personale, 1 spazio Primo Soccorso, 1 magazzino.
I materiali e le tecniche costruttive dovevano essere conformi ai criteri di architettura bioecologica, con particolare riferimento all’orientamento dell’edificio, alla riduzione dei consumi energetici, l’uso di energie rinnovabili e la salubrità degli ambienti. Massima attenzione doveva inoltre essere rivolta all’acustica, all’illuminazione naturale, alle tecniche per riscaldamento e aerazione, al recupero dell’acqua piovana. (Unico neo il mancato richiamo all’assoluta assenza di barriere architettoniche, che non va mai dato per scontato!)

Così finisce la storia di quel che avrebbe potuto essere il primo edificio scolastico di qualità per i bimbi e per tutta la città di Sacile.

La "realizzazione" della nuova scuola a San Odorico sarebbe stata prevista nel piano triennale delle opere pubbliche nel 2012, cioè già passato, per 4 milioni di Euro; la "realizzazione" della nuova scuola elementare e materna di San Giovanni d. Tempio nel 2013, sempre per 4 milioni di Euro. Vero o falso? O meglio, vero o immaginato?

Ultimo aggiornamento Giovedì 03 Dicembre 2015 18:35
 
Articoli correlati :

» Quando una scuola è più di un gioiello

Quando una scuola è più di un gioiello: ecco la scuola elementare di Arnoldstein, certificata Klimaaktiv Gold.Dallo storico edificio del 1910, ristrutturato e ampliato nel 1969 e nel 1990, fino a questo splendido esempio di scuola ecologica,...

» il ritrovato vigore degli imprenditori della paura

Rinvigorita dalle elezioni regionali alle porte, che di riflesso porteranno anche a prefigurare gli scenari delle prossime elezioni comunali di Sacile, la LEGA si accinge a pascere di erba amara il suo potenziale elettorato.E così, mentre nei...

» Spunti per ... chi vuol sentire

Continuiamo a . Spunti che - ormai sappiamo - vengono tanto apprezzati dai nostri lettori quanto ignorati dai nostri amministratori. Ma sono i primi ad interessarci, la nostra speranza è sempre qualle di avere cittadini-elettori che badano ai fatti...

» La coerenza del M5S

Si sta - pare (in vista delle regionali del prox anno bisogna pur avere la veste pulita) - avvicinando il momento della decisione su chi dei due consiglieri del M5S sacilese sia quello che davvero abbia titolo per rappresentare il movimento....

» numeri di incidenti che ... non tornano

La relazione di sintesi che accompagnava nel 2015 la domanda di partecipazione al bando regionale per la realizzazione di zone a 30km/h continua a crearci perplessità.Oltre infatti a non aver ancora ricevuto risposta relativamente , che non sappiam...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» e dai con la sicurezza, o meglio, con la memoria corta dei cittadini

Abbiamo letto le dichiarazioni del Presidente del Consiglio, Marco Bottecchia.Sempre uguale la Lega. Nel 2017 con la "sicurezza",Bottecchia afferma che per la sicurezza "va potenziato l'organico delle Forze dell'Ordine".Bene. Potremmo essere...

» a quando l'applicazione dell'Ordinanza su via Bellini?

Pare proprio che l'amministrazione sacilese non abbia la dovuta fretta nel premurarsi di ottemperare alle indicazioni della Prefettura.Oltre a non aver MAI pubblicato la promessa lista degli aventi diritto al rimborso depurazione (ormai inutile...),...

» una possibilità per ampliare il linguistico del Pujati?!

L'amministrazione sacilese si attivi per verificare la possibilità di accedere al sugli edifici scolastici. Quanto infatti appena approvato vale in particolare proprio per le scuole superiori di secondo grado, quelle cioè che passano dalle...

» Incidenti 2016

SPS : I dati del 2016 ricevuti dalla Polizia Municipale, dai Carabinieri di Sacile e dalla Polizia Stradale di Pordenone sono stati assemblati (cui si aggiungono ovviamente i numeri degli incidenti non verbalizzati).SACILEdal 01/01/2015al...