Sacile Partecipata e Sostenibile

zaini, cartelle e ... leggi della fisica PDF Stampa E-mail
Venerdì 10 Novembre 2017 15:51

I grandi non capiscono mai niente da soli  e i bambini si stancano a spiegar loro tutto ogni volta. (A. De Saint-Exupery)

Care bambine e cari bambini, abbiate pazienza con "i grandi" (sia con quelli che fanno i genitori, sia con quelli che fan politica).
Ciclicamente torna alla ribalta - e altrettanto cicilicamente riscompare nel buio del dimenticatoio - il problema degli zaini troppo pesanti a scuola.

E come sempre pare che la soluzione più ovvia, più semplice e più SANA, quella cioè applicata in tutta Europa, da noi sia la più sconosciuta: la cara cartella!

Andiamo per ordine: per motivi tutti assolutamente insensati in Italia si è imposta ormai da decenni la moda degli ZAINI al posto delle CARTELLE sin dalla classe prima della scuola dell'infanzia.
Eppure la prima cosa che avrebbe dovuto venir in mente ai genitori era semplicemente la ... legge di gravità.

Bambini, fate fare questo esperimento ai vostri adulti genitori, che han già dimenticato quanto imparato a scuola: prendano un fazzoletto, lo tengano per i 4 angoli e buttino dentro un qualsiasi peso (palline, sassolini). Cosa succede?!
Non occorre essere Newton per capirlo:

mettere il materiale scolastico in uno zaino è come buttare dei sassolini in un fazzoletto tenuto per i suoi 4 angoli: i sassolini si raggruppano tutti disordinatamente sul fondo.

Ma chissà come mai tutti gli altri esseri umani - meno i nostri poveri bimbi - quando devono portare notevoli pesi tendono invece ad alzare la loro distribuzione anche sopra il livello delle spalle.
Magari gli stessi genitori se hanno come hobby quello di fare escursioni.
Perchè?!

Perchè alzandolo ... il peso si trasporta meglio. La forza sta nelle spalle, non certo nel fondo schiena Risatona

Lo sapevano bene anche le nostre portatrici carniche!
Si vede bene che la gerla è più stretta sotto e più larga sopra propio per evitare che il peso finisse in fondo! Inoltre ben salda attaccata e in alto alle spalle! ... e certo ... ma era gente "semplice", che magari non sapeva nemmeno leggere e scrivere ... eh sì, eh già.
Ma forse forse aveva quel che si chiama "senso prarico"?!
Ma 100 anni dopo pare proprio che i moderni genitori questa semplicissima e visibilissima ovvietà non la abbiano capita.
2 più 2 pare ancora una volta non far 4.

Dunque, a parte il fatto che il materiale scolastico nella CARTELLA non si ammucchia, ma si distribuisce meglio in orizzontale. A parte il fatto che perciò libri e quaderni non si rovinano. A parte il fatto che la CARTELLA, se la si appoggia per terra, resta da brava in piedi e non si rovescia come lo zaino. E a parte il fatto che, per chi va in bici, lo zaino che si sposta col peso può anche esser causa di cadute. A parte tutto ciò, che già potrebbe bastare, c'è altro:

C'è infatti una parte importante nel nostro scheletro che, per così dire, si mette a ululare ogni volta che vede avvicinarsi lo zaino di scuola: è la nostra schiena, la nostra spina dorsale, il nostro bacino.

 

Il peso nello ZAINO non solo cade verso il fondo ma anche verso l'esterno !!!

 

Succede quindi che ci si ritrova senza accorgersi a piegarsi in avanti.
Pensate quanto ci gode la schiena!!!!!!!!!!!!

Ecco infatti due coppie di immagini molto chiare (forse le capiscono anche i grandi?!) della differenza tra una corretta a sana postura grazie alla CARTELLA ben salda sopra il baricentro del corpo (meglio ancora con la cinghia in vita per i più piccini) e la postura che può nel corso degli anni scolastici portare a diversi problemini. A maggior ragione se si tratta di bimbi poco avezzi a regolare attività di gioco all'aria aperta e anche a regolare attività sportiva.

 

 

 

 

 



Le immagini hanno ottenuto l'approvazione di Newton!

Pensate che sia finita qui?
Nooo, dobbiamo anche parlare della splendida soluzione che da una decina di anni hanno scoperto e adottato sempre i soliti "grandi":
l'ideona strageniale megafantastica di trascinare gli zaini pesanti con dei ... carrellini!

A parte il fatto che ai bimbi piace camminare (se hanno la fortuna di poterlo fare) CON LE MANI LIBERE perchè han sempre un sacco di cose da fare con le loro manine. A parte il fatto che gli zaini su questi carrellini cadono una volta a destra e una volta a sinistra e arrivano a fine anno in condizioni pietose costringendo i genitori a comprarne magari uno nuovo. A parte il fatto che allora servirebbero tante mani quante sono le braccia di un polipo, perchè con una mano tieni il disegno appena fatto a scuola che non deve sgualcirsi, con una tieni la mela che non avevi finito di mangiare in mensa e che vorresti mangiare ora, con una mano tieni la giacca perchè quando esci da scuola fa caldo, con una il berretto per lo stesso motivo, con una l'ombrello, con una tieni le figurine che avevi promesso di scambiare con il compagno dell'altra classe, con una la manina dalla tua amica del cuore, con una il fazzoletto perchè devi anche pulirti il naso, ... beh devi anche tenere ... il manico del carrellino.

A parte tutto questo, anche in questo caso la schiena ulula appena vede il carrellino:
perchè?

 

 

Perchè tanto male faceva una volta tenere la cartella per il manico con un braccio, tanto male fa dover tirare il pesante carrellino su e giù per marciapiedi, buche, ghiaino e altri ostacoli della strada!

(immaginate al posto della cartella la bimba che trascina il carrellino)

Che dire.....

Newton a questo punto è leggermente sul disperato: si sta ormai chiedendo quanti abbiano studiato e capito la sua legge....

 

Ma noi vogliamo lasciarci con ancora un filino di speranza. Vogliamo credere che ci sia un santo che compia il MIRACOLO DELLA CARTELLA anche in Italia. Una cartella proprio bella bella, con la quale salvare la postura dei nostri bimbi, lasciar loro le mani libere, tener in ordine i quaderni, non comprare zaini rotti ogni due anni, una cartella che sta in piedi da sola e che è magari anche tutta bella fosforescente.

 

EVVIVA
LA CARTELLA !!!

 

 

 

 


Infine, ricordiamo ai "grandi" che i problemi alla schiena dei piccoli NON derivano solo dallo zaino, ma anche da moooolte altre BRUTTE ABITUDINI che come adulti dovremmo tener d'occhio con attenzione e correggere sul nascere.
A tal proposito, cari "grandi", dedicate un pò di tempo per leggere con attenzione questo contributo esperto della Fondazione Don Gnocchi, che si occupa nello specifico di corretta postura.
E se ormai avete comprato lo zaino (perchè per trovare una bella cartella bisogna andare oltreconfine), almeno almeno, guardate con i vostri bimbi questo simpatico video per avere intanto qualche piccolo accorgimento.

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Novembre 2017 18:56
 
Articoli correlati :

» Quando una scuola è più di un gioiello

Quando una scuola è più di un gioiello: ecco la scuola elementare di Arnoldstein, certificata Klimaaktiv Gold.Dallo storico edificio del 1910, ristrutturato e ampliato nel 1969 e nel 1990, fino a questo splendido esempio di scuola ecologica,...

» il ritrovato vigore degli imprenditori della paura

Rinvigorita dalle elezioni regionali alle porte, che di riflesso porteranno anche a prefigurare gli scenari delle prossime elezioni comunali di Sacile, la LEGA si accinge a pascere di erba amara il suo potenziale elettorato.E così, mentre nei...

» Alloggi per anziani autosufficienti a S.Odorico

Cosa fare della scuola di S.Odorico? Un bel complesso di alloggi per anziani autosufficienti.Ecco cosa SPS propone una volta (e sarà luuuuunga) che davvero davvero sarà completata in muratura e non a parole la nuova scuola di S.Odorico. Speriamo...

» nuovo bando per "Scuole Innovative" ... ci saremo?!

Si legge nel sito del MIUR: "Al via il concorso di idee per la progettazione e la realizzazione di 52 # grazie allo stanziamento di 350 milioni di euro, previsto dalla legge ‘Buona Scuola’. Il bando è stato illustrato il 5 maggio al Ministero...

» la nuova scuola

Il 9 ottobre 2015 viene pubblicata la graduatoria dei primi 27 edifici (ad oggi sono 114) destinatari dei "immediatamente cantierabili". Le scuole saranno costruite a cura e a spesa dell’Inail, che resterà proprietaria. Il Miur pagherà...

» Nuova scuola in 40 giorni! Dove?

Non certo a Sacile.Inaugurata ieri, 14 dicembre 2014, la (MO), comprensiva di palestra e, soprattutto, di un bellissimo orto-giardino didattico dove i bimbi possono cimentarsi nelle vesti di piccoli coltivatori! Dove fino ad agosto non c'era altro...

» rettifichiamo volentieri... ma parzialmente

Volentieri rettifichiamo come chiesto dall'Ass. Spagnol, parzialmente però, la segnalazione del mancato avverarsi della promessa sulla creazione di un centro dotato di tutto punto per conferenze ed eventi vari nei locali della ex Nievo. Certamente...

» considerazioni sul dietrofront dell'Amministrazione relativamente alla chiusura del parcheggio davanti alle scuole

Sacile, 06 maggio 2013Alla c.a.del Sindaco della Città di Sacile, Roberto CeraoloOggetto: situazione di pericolo nella zona adiacente la sede scolastica di Via EttoreoAbbiamo saputo, solo leggendo la stampa locale, che l’Amministrazione ha...

» Lettera delle mamme per richiesta di incontro

Pubblichiamo di seguito la lettera di un gruppo di cittadine e mamme con l'obiettivo di trovare una soluzione al problema del traffico davanti al plesso scolasticoin via Ettoreo:Sacile, 21 gennaio 2013Alla c.a. del Sindaco della Città di Sacile,...

» A Bolzano si studia sottoterra

A Bolzano nasce la prima scuola sotterranea d'Italia: Nove aule, sei laboratori, diciotto nicchie multimediali, una corte interna e un giardino: su una profondità di 17 metri e quattro piani interrati, è nata a Bolzano la prima scuola ipogea...