Sacile Partecipata e Sostenibile

Notte folle al Pronto Soccorso di Pordenone PDF Stampa E-mail
Venerdì 19 Ottobre 2012 11:33

coda imgMa perchè stupirsi del disagio indegno che ha dovuto subire chi martedì notte si è recato al Pronto Soccorso di Pordenone? Perchè continuiamo ad essere il paese che ciclicamente denuncia, si meraviglia, si indigna, ma poi nulla cambia fino al prossimo uguale o ancor peggiore evento?
Ci siamo dimenticati del grido di dolore lanciato dal Primario del PS di Pordenone, dott.Francesco Moscariello, per non parlare delle cicliche disperate richieste d'aiuto del personale impiegato nell'Emergenza (come fanno in una notte come questa ad arrivare lucidi alla mattina)? Ci siamo dimenticati dei vari ritardi nell'arrivo delle ambulanze per mezzi in riparazione o problemi al centralino? Quanti sono stati finora gli annunci di decisioni che avrebbero migliorato l'accesso al Pronto Soccorso sia come valutazione dell'urgenza sia come reale luogo fisico (compresa l'apertura di una diversa entrata)?

Nella fiducia di tutti questi miglioramenti ci siamo lasciati declassare i Pronto Soccorsi a Punti di Primo Soccorso e tra un po' non obietteremo nemmeno se ci chiuderanno questi. Perchè è ovvio che  declassando, cioè togliendo il servizio sulle 24 ore e togliendo le figure professionali indispensabili a tale apertura, con il tempo anche l'offerta nelle ore diurne si indebolisce e, con un po' di pazienza, saranno i pazienti stessi a non recarsi più in questi servizi “a metà” (come a Sacile), ma a correre sin  da subito a Pordenone. Così basterà dire che “non ci sono i numeri” e chiuderemo anche questi.

Ma la riorganizzazione dell'Emergenza non doveva  portare ad “una gestione efficiente (economicità del rapporto costo beneficio) ed efficace” unitamente alla ”equità nella risposta e qualità elevata ed il più omogenea possibile per tutti i cittadini”?

Già nel 2000 si sottolineavano le criticità per cui a parità di domanda di servizi di emergenza non sempre corrispondevano uguali condizioni di offerta alla popolazione nelle 24 ore, si constatavano carenze di sistema e necessità di un aggiornamento/rinnovo tecnologico e di un più generale accreditamento del sistema su standard europei. Cosa è cambiato in meglio?

Bene, allora diamo noi un piccolo contributo esemplificativo in cifre rispetto ad altre realtà “europee”: nella nostra vicina Carinzia un terzo degli abitanti del FVG) tutti gli Ospedali hanno il Pronto Soccorso sulle 24 ore, c'è un'Ambulanza ogni 11.000 abitanti (da noi ogni 35.000), i medici di base svolgono servizio notturno, festivo e servizio di emergenza (ogni medico ha nella sua auto un lampeggiante in modo che, se per strada, in caso di incidente il più vicino accorre sul posto e nei paesini dove c'è un solo medico questo gestisce anche una propria piccola farmacia), i Pronto Soccorso sono strutture all'avanguardia e senza carenza di personale, ci sono accessi specifici per PS di oculistica, di odontostomatologia e di pediatria, c'è una rete di oltre 100 “First Responder” (personale formato che con zainetto e defibrillatore interviene entro cinque minuti nella sua area) – un servizio previsto anche nella nostra regione ma mai decollato.

Insomma, è da tempo che ci diciamo che la popolazione anziana nei prossimi vent'anni sarà in aumento vertiginoso, ma nel 2012 siamo colti da così totale impreparazione che li facciamo attendere in piedi 7 ore (e non osiamo pensare a chi ha dovuto recarsi alla toilette...)?  Crisi cardio-circolatoria, crisi respiratoria, repentino peggioramento durante o dopo la malattia, cadute con trauma o fratture, ... chi colpiscono maggiormente? Trattandosi di anziani non è logico che sempre più si dovrà pensare alla stabilizzazione, compito del Pronto Soccorso? E noi che facciamo?
Li declassiamo, li chiudiamo e facciamo colassare l'unico che resta.
Certo, braccino corto sul Pronto Soccorso mentre stanno buttando generosamente a piene mani sul nuovo, faraonico e chissà quando funzionante (come i tempi per il nuovo Carcere!) Ospedale nel deserto.

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Ottobre 2012 09:36
 
Articoli correlati :

» imminente intasamento del PS di PN: allo studio modalità per ... girare la frittata

Apprendiamo che un gruppo di 20 esperti si sta occupando di come prevenire l'imminente formarsi della solita calca al Pronto Soccorso di Pordenone secondo la procedura di analisi denominata "lean management", che segue un modello di pensiero...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» Pronto Soccorso e mezze risposte

Davvero difficile credere che qualcuno ancora si stupisca della situazione che in queste settimane si è creata al Pronto Soccorso di Pordenone. Sovraffollamento seguito a ruota dal sovraccarico del reparto di Medicina.Partiamo dal secondo: cosa...

» nuovo dubbio sul PPI?

A SPS sorge un nuovo dubbio sul futuro dell'ex Pronto Soccorso, oggi (ma!) PUNTO di PRIMO INTERVENTO:dal momento che nella Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.70 del 2.4.2015 nel quale è scritto che "LA FUNZIONE DEI PPI...

» risposta ai rappresentanti del Nursind e dell'Ipasvi

Innanzitutto i due rappresentanti sindacali di Nursind ed Ipasvi dovrebbero ben sapere che quanto riportato dalla stampa, che me ne ha erroneamente attribuito la paternità, è una precisa citazione dalle Osservazioni presentate da ANAAO-AssoMed...

» La perseveranza dei cittadini di Gemona

Comunicato stampaEsposto dei comitati gemonesi alla procura della Corte dei conti contro la chiusura dell'unico ospedale antisismicoTRIESTE Questa mattina (martedi 28 aprile 2015) una delegazione del coordinamento dei comitati a difesa dell'ospedale...

» le soluzioni ... palliative

Quali risultati ha avuto dopo i primi mesi la famosa  “App-elimina code” al Pronto Soccorso di Pordenone??? Quella che permette di visualizzare in tempo reale le liste d’attesa di ciascuna struttura in Fvg e per "consentire così al cittadino...

» Caneva: assemblea sul futuro della Sanità

Venerdì 13 marzo si è tenuto presso l’Auditorium di Caneva un incontro pubblico (organizzato dal Comitato per l’ospedale di Sacile e con il patrocinio del Comune di Caneva) sul tema della riforma sanitaria regionale approvata il 2 ottobre...

» e come sempre "aver ragione" ha sapore AMARO

La stampa locale di oggi, 7 marzo 2015, dà per praticamente certa la perdita dei 10 posti letto di riabilitazione intensiva. Migrerà verso Pordenone.Ecco la conferma amara di quanto avevamo. Perchè, come sempre, SPS non spara giudizi sommari, ma...

» La Lega ha dimenticato di aver condannato l'Ospedale nel 1995?

Come oggi Salvini dice di non aver mai detto nulla contro i napoletani, mentre ieri cantava che "puzzano"; come oggi la Lega si pone al fianco della ultranazionalista Lè Pen, mentre ieri inneggiava alla secessione; come oggi Fontanini si batte per...