Sacile Partecipata e Sostenibile

Giovani e spazi di augestione. PDF Stampa E-mail
Venerdì 02 Aprile 2010 07:22

Pubblichiamo in questa sezione, contributi di discussione, l'interrogazione di Monia Giacomini, consigliera comunale di Pordenone, sulla questione eterna dell'impossibilità di spazi autogestiti dei giovani in quanto lo riteniamo argomento di attualità anche per la nostra città:

Al Presidente del Consiglio Comunale del Comune di Pordenone

INTERROGAZIONE

La sottoscritta Monia Giacomini, consigliera comunale di Verdi, Rifondazione Comunista e Comunisti Italiani,

PREMESSO

  1. che il Collettivo giovanile AUT di Pordenone è già da un anno che organizza manifestazioni, sit in, incontri pubblici e iniziative varie (come l'anno scorso al Parco Galvani) per portare all'attenzione dell'Amministrazione Comunale e della cittadinanza la necessità di avere a Pordenone un luogo, uno spazio aperto a tutti e soprattutto alla popolazione giovanile, gratuito e laico dove svolgere attività culturali, ricreative e sociali;
  2. che in effetti la mancanza di questi luoghi autogestiti dai giovani, induce gli stessi a frequentare assiduamente i bar di Pordenone come luoghi di aggregazione, con tutte le conseguenze dannose che ciò può provocare, in primis l'abuso di sostanze alcoliche;
  3. che sabato 27 marzo 2010 alle ore 16.00 in p.zetta Cavour a Pordenone il Collettivo Aut ha organizzato un sit-in per richiamare di nuovo l'attenzione dell'Amministrazione Comunale e della cittadinanza sui temi suesposti;
  4. che in occasione di incontri pubblici sul tema dei giovani l'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Pordenone si è più volte espresso sostenendo che “bisogna dare fiducia ai giovani, offrire loro opportunità, luoghi e momenti dove possano esprimere le loro potenzialità, andando nel senso di rendere i giovani protagonisti,
    agendo in maniera preventiva rispetto al manifestarsi della devianza";
  5. che da un colloquio informale con i giovani del collettivo, la sottoscritta ha appreso che l'Ammninistrazione Comunale ha già avuto un paio di incontri con i rappresentanti dello stesso e che ha espresso un parere positivo rispetto alle richieste dei giovani;

INTERROGA

l’ assessore competente per conoscere:

  1. nei dettagli le intenzioni dell'Amministrazione Comunale rispetto alle esigenze espresse dai giovani del Collettivo Aut che rappresentano a tutti gli effetti esigenze molto sentite dalla maggioranza della popolazione giovanile di Pordenone.

Pordenone, 29 marzo 2010

Articolo inviato da: Monia Giacomini

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Aprile 2010 08:27
 
Articoli correlati :

» PNRR, missione 4, servizi per la prima infanzia

Una buona occasione per ripensare seriamente e con una seria visione e competente programmazione per i prossimi 50 anni può venire con l'aiuto dei fondi del PNRR, missione 4, componente 1.1, relativa agli “investimenti per piani degli asili nido...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Seconda puntata

Strano che il Sindaco confonda con "scenari apocalittici" la mia dettagliata cronistoria di alcune decadi di disagi logistici dall'Istituto Magistrale all'odierno Pujati. Non c'è una sola visione che hanno portato alla frammentazione delle sedi di...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Come capire lo SPAZIO DI ARRESTO

L'austriaco ÖAMTC, cioè il corrispondente del nostro ACI, da sempre nella sua mission prevede ingenti finanziamenti (come queste apposite auto gialle) e si occupa molto di educazione stradale con delle campagne di grande effetto per bimbi e...

» La proposta progettuale di SPS per il Pujati

Manca poco allo scadere dell'anno scolastico e, come vi abbiamo detto già nella nota al nostro primo articolo sull'argomento, quello che ci avrebbe preoccupato più dello spostamento "temporaneo" di alcune classi del Pujati nella vecchia sede della...

» Zona 30: beneficio 3

Beneficio 1: minor spazio di frenata e di arrestoBeneficio 2: cono visivo allargatoTerzo - e ovviamente non ultimo beneficio del 30 all'ora - questa volta è il restringimento della carreggiata per le auto in favore dell'ampliamento della sede...

» Zona 30: beneficio 1

Il PRIMO beneficio della riduzione della velocità è il più semplice ed immediato che viene in mente a tutti: significa ridurre lo spazio di frenata.In particolare è considerevole l’effetto della velocità sui pedoni: la probabilità di morte...

» a quando degni locali per l'impegno della Caritas?

La questione della precarietà in cui si svolge il prezioso lavoro della Caritas nella nostra città non può che suscitare un misto tra sdegno e incredulità. Sdegno perchè è da quando è stata chiusa la sede di via Mazzini che le varie...

» MUTUI AGEVOLATI AL 100% GARANTITI DELLA REGIONE: NON FUNZIONA!

A luglio di quest’anno io e il mio compagno abbiamo deciso di mettere in vendita il nostro appartamento di 80 mq a Sacile per la cifra di 130.000€ (non da capogiro!!!)Le motivazioni sono state: il desiderio di avere più spazio per i nostri...

» Niente finanziamenti per progettualità giovanile a Sacile

Ancora una volta, come già successo per sport e cultura, Sacile non compare in un altro elenco di contributi regionali: Il nostro comune non è annoverato tra i 56 beneficiari del piano co-finanziato da Stato e Regione per promuovere l'impegno...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna