Sacile Partecipata e Sostenibile

3.700 generosi utenti di Sacile han regalato anni di quota di depurazione! PDF Stampa E-mail
Martedì 03 Febbraio 2015 19:17

Si è svolta domenica 1 febbraio l'assemblea per avviare la raccolta di quanti ora volessero proseguire sulla via legale del rimborso della quota di depurazione e fronte di un servizio non ricevuto. Dopo la sentenza (solo un primo passo) emessa dal Giudice di Pace di Pordenone, dott. Jervolino.
Erano presenti gli avvocati dello studio Vampa, il dott. Andrea Poletto e la dott.ssa Stefania Mutton, e il Giudice di Pace emerito, dott. Raffaele Vairo, che da libero cittadino è intervenuto più volte sulla stampa locale dano pienamente ragione alla richiesta e alla motivazioni di SPS.
Gli avvocati hanno spiegato la questione ricostruendo i vari passaggi, dalla sentenza della Corte Costituzionale alla possibilità aperta ancora oggi di "interrompere la prescrizione", purtroppo però dal 2015. Significa che si può risalire all'indietro solo fino al 2005. Ad ogni modo potrebbero essere ancora diversi anni di rimborso, visto che la voce nella bolletta sacilese è rimasta là anche dopo la sentenza della CC. Una sentenza alla quale l'Amministrazione Ceraolo, come abbiamo sempre sostenuto, DOVEVA ottemperare, essendo equivalente ad una Legge.
Concetto ripreso e riconfermato anche dal dott. Vairo, che ha anche nuovamente detto che l'Amministrazione aveva il dovere di gestire la questione e non di tacere o, peggio, opporre resistenze.

Una cosa però finora non eravamo riusciti a saperla: quale è la cifra esatta degli utenti sacilesi che NON si sono avvalsi del "servizio bottino" per uno, due o magari dieci anni?

Beh, visto che mai questo dato è stato reso pubblico dall'Amministrazione, SPS è andata come al solito alla ricerca e non è stato poi così difficile: basta andare alla relazione previsionale e programmatica del 2006 - 2008 della Giunta Cappuzzo e si trova, a pagina 30, la dettagliata esposizione dei numeri di quanti hanno fatto effettivamente richiesta del "servizio bottino".
Udite udite, a fronte "di 5.000 aventi diritto", nel 2005 il servizio è stato richiesto solo "da circa 1.300 utenti"!!!!!

 

Bene, allora lasciamo alla vostra immaginazione fare qualche conticino. Se ad es. in un solo anno non avessero usufruito 3.700 utenti e ognuno di loro avessa pagato 50,- Euro, quale cifra questi generosi sacilesi han regalato al vento??? E se poi lo moltiplicassimo per 5 o magari 10 anni???
Davvero, siamo stati una città GENEROSA che più di così non si poteva....!

Ma per chi si è pentito di esser stato generoso, per chi si è accorto di non aver visto i propri soldi investiti in una bella rete fognaria che servisse tutta la città e che evitasse anche che (sempre con i nostri soldi) dovessimo annualmente pagare all'Europa l'infrazione per la mancata depurazione, eccovi il modulo da scaricare per la richiesta di rimborso (da oggi fino al 2005).

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Febbraio 2015 18:47
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...