Sacile Partecipata e Sostenibile

Notizie
Sacile come Comune amico delle api?! PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Settembre 2022 17:15

Si è appena conclusa anche quest'anno con successo la manifestazione "I mieli di Alpe Adria", la due giorni dedicata al MIELE organizzata dalla Pro Sacile. Visto l'interesse del gran numero di visitatori è facile immaginare che diventerà appuntamento certo per il futuro.
Allora perchè non dare anche un bel segnale politico ambientale?! Tra l'altro si accompagnerebbe bene alla nostra adesione alla rete di CittàSane!

L'occasione potrebbe essere l'adesione ufficiale del nostro Comune alla RETE DEI COMUNI AMICI DELLE API:

L’iniziativa dei “Comuni amici delle api” nasce nel 2016 in Umbria, dove FELCOS Umbria, ANCI Umbria, APAU (Associazione Produttori Apistici Umbri) ed APIMED (Federazione degli Apicoltori del Mediterraneo) hanno deciso di avviare una vasta campagna di sensibilizzazione sul valore dell’Apicoltura come Bene Comune. L’invito per l’adesione agli Enti Locali ha lo scopo di promuovere una loro partecipazione attiva nella tutela dell’ambiente e nella riqualificazione dei territori, attraverso la protezione delle api e la valorizzazione dell’apicoltura.
Per il Comune che aderisce è prevista l’installazione di una targa “Comune amico delle api” all’ingresso della città. Sicuramente un bel biglietto da visita che attesta la consapevolezza di come l’apicoltura abbia tutte le caratteristiche per diventare un pilastro delle politiche locali di tutela ambientale, di valorizzazione dei territori e di sviluppo locale.

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Settembre 2022 09:12
 
Attenti voi "grandi", non siamo come voi! PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Settembre 2022 14:17

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Settembre 2022 14:22
 
Appello a voi "grandi": fate in modo che tutti ci VEDANO!!! PDF Stampa E-mail
Lunedì 12 Settembre 2022 12:56

Ancora una volta questo articolo è dedicato a voi "grandi" che però, nei confronti di noi piccoli e sicurezza stradale, a volte siete un pochino distratti, o tendete a sottovalutare, o non sempre controllate, o non ci pensate per niente, perchè pensate che tenerci per manina basti.
Perciò proviamo con qualche domanda:

1) Perché l’abbigliamento della Polizia è rifrangente?

Bravi, risposta giusta!
Per farsi vedere da lontano anche al buio o con la nebbia. E perché? Perché la strada è pericolosa.
Solo per la Polizia?
Nooo, per tutti noi, anzi, in particolare per noi piccoli!

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Settembre 2022 16:53
 
La storia finita, la storia INfinita e i prefabbricati per il Pujati PDF Stampa E-mail
Venerdì 09 Settembre 2022 08:30

Cari lettori e sostenitori, so che ormai non vi preoccupate se il titolo vi sembra strano, perchè sapete che di seguito tutto verrà spiegato E provato nei dettagli.Sorridente

Andiamo per ordine:

1) La storia finita è quella per cui dobbiamo tutti tirare un gran respiro di sollievo. Si tratta della cancellazione della previsione di piazzare in mezzo al parco Balliana Nievo un nuovo avveneristico Auditorium. Ricordiamo che il "parco" era già è stato ridimensionato dalla fetta di parcheggio asfaltato e che per esser definito "parco" non gode poi di gran cura di arredi adatti al verde e nemmeno di nuove piantumazioni. Nessuno si è premurato ad es. di ridare prato e alberi al cortile in ghiaia di fronte al Pujati, non più usato come parcheggio. E vabbè. ma almeno possiamo gioire che quel pò di verde per ora resta.
Ringraziamo la Sovrintendenza che ha bocciato l'ipotesi dell'EdR, caldeggiata dall'amministrazione sacilese, di costruire un Auditorium da 3.200.000 Euro con una superficie coperta di circa 690 m2 vicino all'edifico storico della Balliana Nievo. Erano previsti: ingresso con foyer, biglietteria/guardaroba e servizi igienici, platea da minimo 400 posti, palco sopraelevato con retropalco comprendente camerini e locale tecnico.

 

 

 

 

 

 

 

Ricordiamo che delle gravissime condizioni precarie dell'attuale Auditorium del Pujati se ne parla da decenni. Addirittura da anni è interdetto all'uso del pubblico esterno, solo studenti e personale della scuola possono usarlo. Evidentemente lo scrostamento di soffitto e pareti, i servizi malandati, il gelo che vi regna da novembre ad aprile e, soprattutto, la mancanza di sicurezza antisismica per alunni e insegnanti non importa. Ricordiamo anche che in questi decenni le varie amministrazioni comunali sono passate da annunci prima di solo rifacimento poi alla più comprensibile demolizione, persino si son buttate ciclicamente cifre di finanziamenti, ma alla fine ad oggi sono rimasti... annunci.

Bene. Questa storia di Auditorium impattante e sovradimensionato per gli usi di scuola dunque è finita bene GRAZIE alla Sovrintendenza.

Certo, avremmo sicuramente risparmiato tempo e potuto provvedere prima a continuare l'iter burocratico se questa amministrazione avesse SUBITO detto di NO e guardato alle proposta con demolizione e rifacimento nello stesso posto dell'edificio attuale con un Auditorium da 300 posti. Ma non è stato così e oggi, per di più, sulla vicenda regna di nuovo... il silenzio. Pare sia stato approvato il progetto definitivo, ma non si sa quale delle due altre soluzioni. Speriamo quella con abbattimento e ricostruzione nello stesso luogo.

Ultimo aggiornamento Giovedì 15 Settembre 2022 16:32
 
inghippo nella riscossione tributi tramite l'AdE PDF Stampa E-mail
Venerdì 12 Agosto 2022 12:57

Si pubblica volentieri di seguito la segnalazione di una cittadina sacilese:

"Ma cosa c'è di più distensivo che andare al giovedì al mercato a Sacile?
Il giro della piazza, le bancarelle, gli incontri casuali, fermarsi a bere un caffè e ascoltare cosa racconta la gente con le sue gioie, ma anche con le sue disavventure e scoprire così particolari situazioni che spesso non si leggono sui giornali, perché vita quotidiana vissuta non fa notizia.
A volte capita anche che l’ascolto sia utile per capire il disorientamento dei cittadini che ad un tratto si ritrovano imprigionati inconsapevolmente nei meandri della burocrazia: quella di cui si parla sottovoce per paura di cose peggiori o di essere presi ancor più di mira dal sistema.

Allora ecco scoprire un problema che quasi nessuno conosce, se per sfortuna non gli è capitato: nel caso sia l'Agenzia delle Entrate a riscuotere i vari tributi per conto di un altro Ente pubblico, anche se le cartelle non sono corrette o sono “impazzite”, si viene costretti a pagare perché l'eventuale ricorso BLOCCA la liquidazione di qualsiasi somma che invece sia dovuta da parte degli stessi Enti!

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Agosto 2022 13:43
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 123