Sacile Partecipata e Sostenibile

a metà gennaio solo 4 giorni senza sforamento di PM10! PDF Stampa E-mail
Sabato 17 Gennaio 2015 21:43

Come ben si vede, alla faccia di chi si ostina a dire che non influisce, ecco come i botti della notte di Capodanno hanno portato il PM10 da 38µg/m3 del 31 dicembre a 54 e 62 dei primi due giorni del nuovo anno.
Purtroppo inequivocabile senza possibilità di appello quello che è successo tra i 48µg/m3 del 5 gennaio e i 93 con cui ci siamo risvegliati il 6 gennaio dopo le decine di falò epifanici. Che non sia un caso lo ricordano – per chi si vuol attenere ai dati concreti raccolti nel sito di SPS e non a motivazioni speciose se non infondate – i valori storici di tale giornata:
a gennaio 2014 ci ha salvati la pioggia che ha impedito i falò del 5 sera,
a gennaio 2013 registriamo terribili 185µg/m3,
a gennaio 2012, nonostante il forte vento e un po' di pioggia il 5 gennaio, 70µg/m3.

Dobbiamo infine arrenderci all'evidenza: di fatto solo la pioggia ormai ci salva: a metà gennaio, su 16 giorni ne abbiamo avuti solo 4 senza sforamenti e il giorno dieci siamo arrivati a ben 107µg/m3!

Ma che importa degli effetti devastanti non solo del PM10, ma immagini, chi ha intelligenza informata e sensibile, delle cosiddette nanopolveri, cioè quelle che potrebbero oggi essere altrettanto rilevate ma che poche amministrazioni hanno il coraggio di volerne installare i rilevatori, le PM2 fino a 0,1, quelle che penetrano direttamente i nostri tessuti senza bisogno di essere inalate e anche le nostre mura.
Che importa, se tanto nascono sempre meno bambini (anche se sempre più asmatici) e dunque si può tener sempre meno conto dei loro diritti. Che importa se negli ultimi 10 anni c'è stato un aumento di 7-10 volte per i ricoveri in ospedale di bambini per reazioni allergiche gravi.

Che importa se medici impegnati nella ricerca ci dicono che meglio che curare sarebbe prevenire e che infatti le allergie si possono prevenire fin dalla vita prenatale, evitando il contatto con sostanze nocive come fumo, pesticidi, solventi, medicinali e antibiotici troppo facili e smog.
Che importa se si parla di vecchi come un ostacolo al divertimento (pensando di restare eternamente giovani) e dunque non ce ne importa se nelle giornate di picchi di smog aumentano i ricoveri per difficoltà respiratorie, ictus e infarti.
Che importa se si scoprono sempre più correlazioni tra smog e altre patologie, come ad es. le allergie alimentari, che ci dicono come l’inquinamento non sia di per sé causa di allergie e intolleranze ma possa aggravarne gli effetti e peggiorare i sintomi nei soggetti predisposti – che sono appunto in forte aumento: ogni giorno assumiamo più o meno consapevolmente almeno 100 sostanze chimiche di sintesi, attraverso il cibo, l’acqua e l’aria che respiriamo. E questa contaminazione del cibo e dell’ambiente costituiscono un fattore di rischio per diverse patologie come asma, dermatiti e possono portare a uno stato di stress con conseguente “sensibilizzazione chimica”. Gli inquinanti fanno però anche peggio, interagiscono ad esempio con i pollini ricoprendoli e rafforzandone l’effetto allergenico. Gli ossidi di azoto e l’ozono, tipici componenti dello smog da traffico, ad esempio, sono tra i principali responsabili di questa interazione tra polvere e pollini capace di scatenare gravi reazioni di allergie delle quali in Italia sono ormai affette gravemente più di 2.100.000 persone, soprattutto bambini e giovani.
Restiamo infine da anni in attesa della risposta da parte del nostro Assessore all'Ambiente, come mai il “divieto di accensione di fuochi all'aperto” è contemplato come prima misura del Piano di Azione Comunale in caso di sforamento di polveri sottili se, come l'Ass. ha spesso affermato, è giusto bruciare.

Infine l'ARPA: peggio che peggio. Altro che “dati in tempo reale”, altro che “i Sindaci potranno prendere decisioni sulle previsioni”..... Una volta, verso le 14.00, appariva il dato della giornata. Ora non è nemmeno più così: il dato della giornata appare ormai quasi sempre il giorno DOPO! Sempre che non siano fine settimana o giorni di ferie, allora non si vede ombra di valori anche dopo 3 - 4 giorni!

Ma che importa.
Per avere voti le cose si dicono giorno per giorno, oggi il contrario di ieri e diversamente da domani, il tutto e il contrario di tutto.
Così è.

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Gennaio 2015 21:59
 
Articoli correlati :

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» Sempre meglio un uovo oggi che ...

Decisamente sempre meglio un uovo oggi che una gallina domani.In seguito alla segnalazione sulla stampa locale, secondo la quale succede che alle sbarre di viale Lacchin la gente attenda sotto il sole a volte anche mezz'ora prima di poter passare,...

» Capriole, salti mortali e tripli avvitamenti della Lega sacilese

Una cosa è certa: seguendo il solco del solito vecchio modo di far politica - criticato ma poi sempre premiato dagli elettori - la Lega sacilese non disdegna nemmeno la triste strategia di mettere uno contro l'altro i cittadini dello stesso...