Sacile Partecipata e Sostenibile

a metà gennaio solo 4 giorni senza sforamento di PM10! PDF Stampa E-mail
Sabato 17 Gennaio 2015 21:43

Come ben si vede, alla faccia di chi si ostina a dire che non influisce, ecco come i botti della notte di Capodanno hanno portato il PM10 da 38µg/m3 del 31 dicembre a 54 e 62 dei primi due giorni del nuovo anno.
Purtroppo inequivocabile senza possibilità di appello quello che è successo tra i 48µg/m3 del 5 gennaio e i 93 con cui ci siamo risvegliati il 6 gennaio dopo le decine di falò epifanici. Che non sia un caso lo ricordano – per chi si vuol attenere ai dati concreti raccolti nel sito di SPS e non a motivazioni speciose se non infondate – i valori storici di tale giornata:
a gennaio 2014 ci ha salvati la pioggia che ha impedito i falò del 5 sera,
a gennaio 2013 registriamo terribili 185µg/m3,
a gennaio 2012, nonostante il forte vento e un po' di pioggia il 5 gennaio, 70µg/m3.

Dobbiamo infine arrenderci all'evidenza: di fatto solo la pioggia ormai ci salva: a metà gennaio, su 16 giorni ne abbiamo avuti solo 4 senza sforamenti e il giorno dieci siamo arrivati a ben 107µg/m3!

Ma che importa degli effetti devastanti non solo del PM10, ma immagini, chi ha intelligenza informata e sensibile, delle cosiddette nanopolveri, cioè quelle che potrebbero oggi essere altrettanto rilevate ma che poche amministrazioni hanno il coraggio di volerne installare i rilevatori, le PM2 fino a 0,1, quelle che penetrano direttamente i nostri tessuti senza bisogno di essere inalate e anche le nostre mura.
Che importa, se tanto nascono sempre meno bambini (anche se sempre più asmatici) e dunque si può tener sempre meno conto dei loro diritti. Che importa se negli ultimi 10 anni c'è stato un aumento di 7-10 volte per i ricoveri in ospedale di bambini per reazioni allergiche gravi.

Che importa se medici impegnati nella ricerca ci dicono che meglio che curare sarebbe prevenire e che infatti le allergie si possono prevenire fin dalla vita prenatale, evitando il contatto con sostanze nocive come fumo, pesticidi, solventi, medicinali e antibiotici troppo facili e smog.
Che importa se si parla di vecchi come un ostacolo al divertimento (pensando di restare eternamente giovani) e dunque non ce ne importa se nelle giornate di picchi di smog aumentano i ricoveri per difficoltà respiratorie, ictus e infarti.
Che importa se si scoprono sempre più correlazioni tra smog e altre patologie, come ad es. le allergie alimentari, che ci dicono come l’inquinamento non sia di per sé causa di allergie e intolleranze ma possa aggravarne gli effetti e peggiorare i sintomi nei soggetti predisposti – che sono appunto in forte aumento: ogni giorno assumiamo più o meno consapevolmente almeno 100 sostanze chimiche di sintesi, attraverso il cibo, l’acqua e l’aria che respiriamo. E questa contaminazione del cibo e dell’ambiente costituiscono un fattore di rischio per diverse patologie come asma, dermatiti e possono portare a uno stato di stress con conseguente “sensibilizzazione chimica”. Gli inquinanti fanno però anche peggio, interagiscono ad esempio con i pollini ricoprendoli e rafforzandone l’effetto allergenico. Gli ossidi di azoto e l’ozono, tipici componenti dello smog da traffico, ad esempio, sono tra i principali responsabili di questa interazione tra polvere e pollini capace di scatenare gravi reazioni di allergie delle quali in Italia sono ormai affette gravemente più di 2.100.000 persone, soprattutto bambini e giovani.
Restiamo infine da anni in attesa della risposta da parte del nostro Assessore all'Ambiente, come mai il “divieto di accensione di fuochi all'aperto” è contemplato come prima misura del Piano di Azione Comunale in caso di sforamento di polveri sottili se, come l'Ass. ha spesso affermato, è giusto bruciare.

Infine l'ARPA: peggio che peggio. Altro che “dati in tempo reale”, altro che “i Sindaci potranno prendere decisioni sulle previsioni”..... Una volta, verso le 14.00, appariva il dato della giornata. Ora non è nemmeno più così: il dato della giornata appare ormai quasi sempre il giorno DOPO! Sempre che non siano fine settimana o giorni di ferie, allora non si vede ombra di valori anche dopo 3 - 4 giorni!

Ma che importa.
Per avere voti le cose si dicono giorno per giorno, oggi il contrario di ieri e diversamente da domani, il tutto e il contrario di tutto.
Così è.

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Gennaio 2015 21:59
 
Articoli correlati :

» Approdo sicuro sotto piazzetta Manin?

Approdo sulla Livenza? Si staglia all'orizzonte un nuovo disastro annunciato?Su quel ramo d'acqua così stretto?Con la riva praticamente in verticale?Con il parcheggio sopra in piazzetta Manin che già cede? Prova ne sono le crepe nella...

» PNRR, missione 4, servizi per la prima infanzia

Una buona occasione per ripensare seriamente e con una seria visione e competente programmazione per i prossimi 50 anni può venire con l'aiuto dei fondi del PNRR, missione 4, componente 1.1, relativa agli “investimenti per piani degli asili nido...

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...