Sacile Partecipata e Sostenibile

Accoglienza: come NON la racconta la Lega PDF Stampa E-mail
Lunedì 30 Luglio 2018 08:43

Sono più o meno una ventina i cittadini stranieri ospitati ufficialmente nel nostro Comune di 19.500 abitanti.
Lasciamo però la questione d'accordo o non d'accordo sull'accoglienza di esseri umani non solo alti e biondi e vediamola solo dal punto di vista dei nostri Ordinamenti, perchè innanzitutto la buona politica ha la responsabilità di SPIEGARE, poi si potrà dire di essere d'accordo o no.

Sacile ha aderito infatti al progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) che di fatto aveva l'obiettivo di passare dall’approccio emergenziale al tema dei richiedenti asilo verso una modalità più ordinata, innanzitutto stabilendo degli equilibri certi tra popolazione residente e richiedenti asilo accolti. Si è pervenuti alla decisione che ogni Comune aderente allo SPRAR avrebbe accolto con una quota del 2,5 per mille abitanti (1,5 per mille nelle grandi città) e avrebbe avuto anche il dovuto sostegno finanziario.

 

2,5 per MILLE ... uhhhhhh, una quantità terrrrribile!
Infatti, chi non ha la memoria corta, ricorderà che nel maggio del 2015 la Segretaria/Assessora della Lega, oggi Onorevole, Vannia Gava, dichiarava «Se arrivano clandestini alzeremo le barricate in piazza: Sacile rischia di diventare un’altra Quinto di Treviso. La prefettura si è trasformata in agenzia immobiliare per immigrati. Basta invasione. Stop alla convenzione SPRAR dal primo gennaio 2016».

 

Ahhhhh, ma si avvicinavano le elezioni ...Quindi vale sempre la tecnica di agire da imprenditore della paura (termine usato da don Pierluigi di Piazza), di fomentare tra le persone confusione, incertezza e paure, di usare a casaccio il termine "sicurezza" (e tacere quando succedono fatti concreti) e di dare quindi risposte sempliciotte in forma di luoghi comuni che hanno facile presa e che assicurano successo elettorale a chi in verità non sa proporre soluzioni.

Di fatto tale regolamentazione era stata chiesta dall'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani - governati in gran parte anche dalla Lega, giusto?!
E non a caso dunque la circolare del 2016 firmata dall'allora ministro Alfano si intitolava "Regole per l'avvio di una ripartizione graduale e sostenibile dei richiedenti asilo e dei rifugiati sul territorio nazionale attraverso lo Sprar".
In questa circolare si stabilisce che se il Comune aderisce allo Sprar, ovvero al modello di accoglienza del Servizio di protezione richiedenti asilo e rifugiati, otterrà la progressiva diminuzione della presenza di Cas (Centri di accoglienza straordinaria) sul proprio territorio.
E voi lettori direte, ma chi lo vuole un Cas!

 

Eh, ma è proprio questo che va compreso: se infatti il Comune non intende adottare lo SPRAR allora DEVE ASPETTARSI che sia la Prefettura ad intervenire in assoluta autonomia. I Cas infatti vengono imposti dalla Prefettura competente e gestiti da un ente privato assegnatario. L'amministrazione comunale non può aprire bocca, dunque, ne su dove, ne su quanti, ne su chi gestirà il tutto.

 

Uno dei tanti esempi vittoriosi è la sceneggiata del 22 gennaio 2018, capeggiata dal leghista Tarvisiano Stefano Mazzolini, estromesso alle scorse elezioni (se ben ricordo aveva prevalso nel conteggio la Zilli) e oggi invece seduto in consiglio regionale: le varie amministrazioni di centro destra di Tarvisio non aevavno aderito al progetto SPRAR, quindi ... come spiegato sopra è intervenuta la Prefettura ed ha destinato l'ex Caserma di Finanza di Coccau a Cas.
La sceneggiata, ovvero la campagna elettorale del consigliere regionale che ha mietuto una gran cifra di preferenze, non avrebbe avuto nessuna ragion d'essere, se il Comune di Tarvisio avesse accolto la sua semplice decina di richiedenti asilo.

 

(per inciso, lo striscione l'ho fatto togliere io dai CC, quindi, se i leghisti tarvisiani cercano ancora la responsabile...)

 

Domanda, cari lettori, è valore di cattadinanza quello di essere informati e poi decidere o ci facciamo passare per elettori che preferiscono giocare e mosca cieca e si lasciano infilare così nella cabina elettorale?

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Luglio 2018 17:50
 
Articoli correlati :

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.Sottolineo ancora una volta che mettere...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, terza puntata

Eccoci finalmente alla terza puntata della risposta scritta del Sindaco di Sacile relativa al della stazione.Anche in questo caso il Coronavirus aveva bloccato la verifica di un  - chiamiamolo – dettaglio, che invece è di primaria importanza!...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, seconda puntata

Per la seconda puntata () riporto la fine della risposta del Sindaco di Sacile, perchè non ci vogliono lunghe considerazioni, rispetto a quanto verrà esposto invece nella terza puntata.Nell'ultimo capoverso si legge che "in ragione del fatto che...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, prima puntata

Come promesso, ecco la pubblicazione della risposta scritta da parte del Sindaco di Sacile, Carlo Spagnol, alla . Preciso subito che la risposta del Sindaco è arrivata pochi giorni dopo, ma prima la ricerca di una gentile mano esperta in disegno e...