Sacile Partecipata e Sostenibile

al via il bando regionale per la realizzazione delle "Zone30" PDF Stampa E-mail
Domenica 01 Marzo 2015 20:33

Sul profilo Facebook dell'Ass. regionale Santoro è apparso sabato 28 febbraio il seguente post:
"Ieri abbiamo approvato in Giunta Regionale un bando per l'erogazione di contributi ai Comuni, per la realizzazione nei centri urbani di Zone 30, dove il limite di velocità sia di 30 chilometri orari invece dei consueti 50 previsti dal codice stradale.
La strategia delle Zone 30 rientra nella politica di moderazione del traffico adottata con successo in diversi paesi europei e rappresenta uno degli interventi più efficaci per il raggiungimento della sicurezza in ambito residenziale urbano. Intendiamo sostenere i Comuni nella riorganizzazione degli spazi dedicati alla mobilità in chiave multifunzionale, con il fine ultimo di elevare la vivibilità dei centri urbani e la qualità ambientale delle aree pubbliche.
Complessivamente il bando può contare su una dotazione finanziaria di 1.120.978,00 euro."

Visto il nostro annoso impegno per informare e sensibilizzare sul tema del 30km/h sulle strade cittadine non possiamo che esserne contenti. Meglio tardi (e molto tardi...) che mai. Ora però significa che l'Amministrazione sacilese deve darsi una decisiva mossa per non farsi scappare anche questi fondi. Infatti, appena il bando esce, ci saranno solo 120 giorni per presentare il progetto - e passano in fretta! Uno scatto decisionale che ovviamente potrebbe essere più veloce della luce SE, e ripetiamo SE, fosse consolidata in primis consapevolezza che una città a 30 all'ora innesca una spirale virtuosa di benefici per tutti.

SPS in questi anni ve ne ha parlato ampiamente.......
Vedremo se Sacile potrà diventare città pilota - SPS ad ogni modo è disponibile ad ogni possibile collaborazione.

Potranno presentare proposte per accedere ai cofinanziamenti i singoli Comuni del Friuli Venezia Giulia con un numero di abitanti superiore a

10.000, o le associazioni di Comuni allo scopo costituite che complessivamente superino i 10.000 abitanti. La percentuale di cofinanziamento varia dal 50 al 70 per cento, per importi massimi da 100 a 200.000,00 euro a seconda che si tratti di Comuni capoluogo o altri Comuni.

Complessivamente il bando può contare su una dotazione finanziaria di 1.120.978,00 euro derivanti dai Fondi del IV e V Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale. Il bando è rivolto alla progettazione e realizzazione di "Zone 30" in aree residenziali urbane, con interventi di moderazione del traffico che aumentino la sicurezza stradale con particolare attenzione alle fasce vulnerabili della popolazione. Gli interventi dovranno ridurre l'incidentalità in aree urbane a rischio e migliorare la qualità della vita per i cittadini.


Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 18:50
 
Articoli correlati :

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» La sede della PM di Sacile SLITTA e LIEVITA...

Quando i cittadini chiedono pochi spiccioli per questo o per quello si sentono rispondere al 90% delle volte che non ci son soldi. Ora, questa risposta oggi nel nostro Paese è purtroppo vera. Dal momento però che si tratta di denaro pubblico, di...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...