Sacile Partecipata e Sostenibile

BUON COMPLEANNO al comitato per la salute pubblica bene comune! PDF Stampa E-mail
Martedì 25 Febbraio 2014 18:47

COMUNICATO STAMPA del 22 febbraio 2014:
Proprio in questi giorni il Comitato Salute Pubblica Bene Comune-Pordenone compie un anno.
Nato dalla volontà di alcuni cittadini di partecipare alle scelte relative al nuovo Ospedale di Pordenone in forte disapprovazione con il  progetto di costruirlo ex novo  in Comina, per il costo elevato, il ricorso al project financing ed anche per il forte impatto ambientale.
In primis il Comitato ha combattuto per ottenere diritto ad un referendum cittadino  che si esprimesse in tal proposito ed ha raggiunto il suo obbiettivo bloccando il progetto in Comina  proprio per l’adesione  della  Presidenza  del Consiglio Regionale alla petizione presentata. 
L’attività del Comitato è proseguita con l’adesione alla campagna “digiuno per l’ambiente”e con la continua ricerca di contatto con i cittadini, i lavoratori della sanità, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera sempre sui temi del progetto dell’ospedale e della riforma sanitaria regionale.

Per festeggiare nel modo migliore questa ricorrenza l’Assemblea del Comitato, riunitasi nei giorni scorsi, ha deciso di ribadire il suo impegno sulle tematiche sanitarie più vicine ai cittadini ritenendo prioritario riconsiderare l’abolizione del ticket aggiuntivo di 10 euro sulle prestazioni  perché tale tassa (applicata in FVG senza nemmeno gradazioni relative al reddito) rappresenta un serio ostacolo all’ accesso ad indagini mediche, soprattutto per quella parte di popolazione, già provata economicamente dalla crisi, che subirebbe un ulteriore grave attacco a quel  diritto alla salute che la Costituzione di fatto sancisce.
Infine, la notizia che sempre nei giorni scorsi all’inaugurazione dell’anno giudiziario della Corte dei Conti, sezione veneta, i giudici “boccino” i project financing ci conforta sulla battaglia al No Comina e ci rende “giustizia” rispetto alle accuse che avevamo ricevuto di non voler lo sviluppo della sanità pordenonese quando in realtà, con il pesante ricorso al project financing, si trattava di foraggiare qualche potente privato ammazzando di debiti la sanità pubblica e i cittadini. La relazione del procuratore Carmine Scarano parte dall’analisi  delle cinque inchieste in corso sulla realizzazione proprio dell’ospedale all’Angelo di Mestre e dalla congruità della rata che ogni anno l’Asl 12 deve restituire ai privati al costo di un laboratorio, dagli arredi acquistati senza gara alla manutenzione di alcuni macchinari. Era proprio il riferimento a quell’Ospedale che figurava al centro della relazione dell’allora Direttore dell’Azienda ospedaliera Zanelli e dell’ex Assessore Ciriani per sostenere la validità di quello strumento anche per Pordenone).«Sono emersi», sottolinea Scarano, «indubbie criticità sull’utilizzo in concreto di questo strumento». Strade, ospedali, scuole: interventi cofinanziati dai privati - ripagati in danaro e servizi dal pubblico - giustificati «dalla scarsità delle risorse pubbliche disponibili e dalla necessità di garantire maggiore tempestività nella realizzazione delle opere», sottolinea Scarano, ma che troppo spesso vedono oneri e rischi solo a carico del pubblico: «Per lo più accade che il privato si assume solo il rischio di costruzione e per il resto si tutela bene inserendo nel contratto clausole che di fatto annullano i rischi, ad esempio con penali contenute, insignificanti. L’opera finisce così per costare molto di più del previsto aggravando il debito dell’ente pubblico».
Avevamo visto giusto, ma non eravamo soli (anche se i rappresentanti istituzionali locali ci hanno attaccato o, come nel caso del Sindaco Pedrotti che non ha ancora trovato 5 minuti di tempo 9 mesi per riceverci): assieme a noi migliaia di cittadine e cittadini.
E continuiamo!
(comunicato accompagnato dalla vignetta di Pino)

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Febbraio 2014 18:56
 
Articoli correlati :

» I risultati delle "riforme" nel lungo periodo

Ecco il risultato nel lungo periodo della "riforma Serracchiani". Nel lungo periodo sottolineo. Quindi ormai nessuno può dire che eravamo "nostalgici e prevenuti" e che "negli anni si vedranno i risultati".Di solito questi titoli, che già dovevano...

» Annunciato pericolo a San Giovanni del Tempio

Si stanno ormai sistemando gli esterni della all'entrata est del Comune Sacile da dove entrano ed escono i residenti di San Giovanni del Tempio provenienti da Pordenone da quando la in via dei Masi. Dal momento ormai che il problema è ammesso da...

» Esposto su ritardo ambulanza

AL PREFETTO DI PORDENONE                                                                                                              Sacile, 29/03/18Oggetto:...

» Sanità: noi "come in Ighilterra", ma non c'è nulla di buono

Sarà stato destino? Sarà stato un caso? Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi? Chissà, sta di fatto che oggi, 14 gennaio 2014, sulla stampa locale il direttore generale della nostra AAS5, Giorgio Simon, in riferimento al provvedimento di...

» imminente intasamento del PS di PN: allo studio modalità per ... girare la frittata

Apprendiamo che un gruppo di 20 esperti si sta occupando di come prevenire l'imminente formarsi della solita calca al Pronto Soccorso di Pordenone secondo la procedura di analisi denominata "lean management", che segue un modello di pensiero...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» Pronto Soccorso e mezze risposte

Davvero difficile credere che qualcuno ancora si stupisca della situazione che in queste settimane si è creata al Pronto Soccorso di Pordenone. Sovraffollamento seguito a ruota dal sovraccarico del reparto di Medicina.Partiamo dal secondo: cosa...

» Comunicato del dott. Mario Canciani sui roghi epifanici

FUOCHI TRADIZIONALI E  SALUTE"L'inquinamento atmosferico è ormai riconosciuto come il "big killer", una delle principali cause di malattie non solo respiratorie e tumorali, ma anche cardiovascolari. Le polveri sottili e specialmente ultrasottili...

» Referendum costituzionale - I CONTENUTI DELLA RIFORMA

» Dire che il piano aria dei 10 comuni è comico sarebbe un complimento

Definirlo "comico" si potrebbe se non si trattasse di una tale gravità. Gli amministratori dei 10 Comuni presenti del pordenonese hanno fatto una sola cosa nuova: mettersi insieme.Primo provvedimento che andava fatto già anni fa. Primo aspetto...