Sacile Partecipata e Sostenibile

Caneva: assemblea sul futuro della Sanità PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Marzo 2015 19:03

Venerdì 13 marzo si è tenuto presso l’Auditorium di Caneva un incontro pubblico (organizzato dal Comitato per l’ospedale di Sacile e con il patrocinio del Comune di Caneva) sul tema della riforma sanitaria regionale approvata il 2 ottobre 2014, con riferimento particolare alle sorti dell’ospedale di Sacile, ma prendendo in considerazione anche altri aspetti e disposizioni della riforma per darne una visione generale. Sono intervenuti come relatori il dott. Pustetto, consigliere regionale e medico, il dott. Lucchini, presidente dell’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri della provincia di Pordenone, mentre l’assessore Salatin ha portato i saluti del sindaco e dell’amministrazione comunale di Caneva (che ha ospitato e dato il suo patrocinio all’iniziativa). Purtroppo l’afflusso di pubblico è stato decisamente esiguo, ma la competenza e la disponibilità dei relatori e l’interesse degli altri intervenuti hanno dato luogo comunque ad un vivace dibattito, che ha fatto emergere le molte perplessità suscitate dai provvedimenti previsti dalla legge di riforma, cercando di coglierne anche

aspetti potenzialmente positivi, sulle cui modalità di attuazione pare non esserci ora chiarezza. Molte delle constatazioni e preoccupazioni emerse erano già state evidenziate durante l’incontro tenutosi a Nave a novembre 2014 e riguardano in particolare la riduzione e il ridimensionamento di alcuni servizi, quali, per Sacile in particolare, il pronto soccorso che diventerebbe un pronto intervento, senza possibilità di effettuare tutti i primi esami diagnostici e di avere a disposizioni dei posti letto per il monitoraggio dei pazienti nelle ore successive al loro arrivo; e la ulteriore diminuzione di posti letto della medicina, per citare solo due provvedimenti. La riforma prevede in realtà che si sviluppino tutta una serie di servizi assistenziali sul territorio, che dovrebbero sopperire al ridimensionamento dei servizi ospedalieri, ma che richiedono una riorganizzazione e una riqualificazione del personale medico e infermieristico, che verrebbe così chiamato a svolgere funzioni diverse da quelle sinora espletate. La legge parla di gradualità, ma non è ben definito quali saranno i tempi e i modi e le risorse messe a disposizione per la realizzazione di questi servizi suppletivi e ciò desta il timore che si proceda a tagliare, rispondendo piuttosto ad un esigenza di riduzione di spesa, senza che vengano create prima le condizioni per mettere in atto servizi alternativi, rispondenti alle esigenze degli utenti.
Il dott. Di Nunzio, del sindacato CIMO (dei medici ospedalieri), presente alla serata, ha ribadito come la riforma appaia frutto di un progetto fatto a tavolino senza avere presente le concrete situazioni in cui operano i medici e senza tenere presente le condizioni per uno svolgimento ottimale delle loro funzioni, denunciando come i medici non siano stati interpellati a tal riguardo. Questi sono solo alcuni dei tanti aspetti discussi durante la serata.
Aspettiamo ora l’incontro previsto per il 23 marzo a Sacile con la presidente Serracchiani, su invito del PD, sperando che ci sarà spazio per un dibattito aperto con lei o con i suoi colleghi e collaboratori più direttamente coinvolti nella stesura e nell’attuazione delle legge, in cui venga data risposta alle domande dei cittadini e delle categorie dei medici.  

Alessandra Stinat per SPS e il Comitato per l'Ospedale di Sacile

Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Marzo 2015 19:09
 
Articoli correlati :

» No NEMO??? ahi ahi ahi

Sempre in tema di NON adesione: non mi pare ad oggi di aver sentito annunciare che Sacile ha aderito al e che è stato varato nel giugno del 2017 dalla regione FVG.Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e mira allo sviluppo...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» Sacile spicca per ... decessi

Quando ci dicono in una statistica che "l'Italia è ai primi posti nella classifica per ..." da molti anni ormai non ci aspettiamo nulla di buono. Pare ora che anche per Sacile sia così.Infatti nei dati disaggregati per singoli comuni della ricerca...

» Proviamo una volta tanto ad ottenere un finanziamento?!

Proviamo.Dopo aver inutilmente perorato tante cause, mai accolte da questa amministrazione, non ci scoraggiamo di certo, anzi, oggi ve ne presentiamo una nuova nella forma anche se non nel contenuto, perchè è in linea con l'impegno di SPS in tema...

» triste ritornello: il Comune di Sacile sempre ...fuori

Fuori dai primi posti entro i quali ricevere il finanziamento , fuori dai fondi PISUS, fuori dal (assegnazione solo a fine 2015, vedremo ora quanto tempo passerà per la concretizzazione!) e ora fuori dal primo finanziamento per i progetti di...

» Ciclicamente si riconferma...

Ciclicamente si riconferma: intasamento del Pronto Soccorso di Pordenone.La Dirigenza dice che si tratta di una serie di "concomitanze sfavorevoli". Ci si dovrebbe chiedere dove albergavano i Dirigenti l'anno scorso, due anni fa, tre anni fa,, ecc...

» immancabile conferma di altra perplessità di SPS

Fine della convenzione per la gestione associata del servizio di Polizia Municipale dei Comuni di Sacile e di Caneva.Ma come?!Non doveva portare al nostro Comune più copertura ed efficacia di servizio e più economicità?!Ma come?!Non eravamo stati...

» Assemblea 2015 a San Giovanni del Tempio

Questa volta sala piena per l'assemblea del 3 dicembre 2015 della frazione di Giovanni del Tempio.Pericolo scampato per la . Non si farà - evviva! Tutti i presenti contrari. Non una sola voce concorde, non una sola mano alzata.I cittadini hanno ben...

» I dati dell'ARPA "in tempo reale"

Incredibile, o forse nemmeno tanto: Da lunedì 28 settembre a lunedì 5 ottobre non appare nel sito dell'ARPA alcun dato sui valori di inquinamento da Biossido di Azoto e da particelle sospese di PM10!Più che l'inquinamento dissolto al vento si...

» risposta ai rappresentanti del Nursind e dell'Ipasvi

Innanzitutto i due rappresentanti sindacali di Nursind ed Ipasvi dovrebbero ben sapere che quanto riportato dalla stampa, che me ne ha erroneamente attribuito la paternità, è una precisa citazione dalle Osservazioni presentate da ANAAO-AssoMed...