Sacile Partecipata e Sostenibile

Capriole, salti mortali e tripli avvitamenti della Lega sacilese PDF Stampa E-mail
Lunedì 06 Agosto 2018 08:38

Una cosa è certa: seguendo il solco del solito vecchio modo di far politica - criticato ma poi sempre premiato dagli elettori - la Lega sacilese non disdegna nemmeno la triste strategia di mettere uno contro l'altro i cittadini dello stesso Comune.
D'altra parte è una cosa che la Lega sa far magistralmente: AIZZARE gli uni contro gli altri costruendo abilmente a tavolino gli argomenti di scontro dopo aver annusato da che parte tira il vento.

La miseria politica è fin troppo palese però: non essendosi distinta per grandi e coraggiose e davvero lungimiranti scelte mentre era al governo della città insieme al resto del centro-destra sacilese, ora la Lega, che si trova inaspettatamente all'opposizione e quindi DEVE attaccare sin da subito l'atra parte di centro-destra, non ha in verità argomenti che possano davvero distinguerla e che possano essere davvero portati avanti in modo propositivo per il bene futuro della città intera.
Resta quindi la polemica montata su come panna montata, ma bella acida però.
Non importa se fino a ieri, quando governava insieme al Sindaco Ceraolo, non si erano manifestate altrettanto sanguinose battaglie su argomenti che ora invece la minoranza di centro-destra denuncia.

Una bella capriola, oplà ...

Mi riferisco ora a quello che sta montando intorno al caso della nuova scuola localizzata a S.Odorico e alla preparazione di una faida tra i cittadini di quella frazione e quelli di San Giovanni del Tempio.
Non ci sto. Meglio intervenire subito confidando, almeno un pò, nella onesta e ancora lucida memoria dei cittadini sangiovannesi.

Ricordo quindi che MOLTO CHIARAMENTE all'assemblea del dicembre 2016, tenutasi proprio nella sede della "De Amicis", i cittadini PRESENTI si sono impegnati con alzata di mano unanime a mandare giù l'amaro boccone e ad un patto di non belligeranza nei confronti di questa scelta.

NON significa ovviamente quello che di solito è considerato "voto favorevole". Nessuno di noi dubita che strappare la primaria da San Giovanni del Tempio sarà come strappare un pezzo di cuore alla frazione. Ma, ben consci che la coperta è corta e che i soldi per DUE scuole nuove non ci sono non ce ne saranno (e a tutt'oggi la mancanza di fondi lo conferma) avevamo dichiarato amara RESA.

La Lega sacilese si butti pure sulle mancate promesse dell'allora Sindaco, ad es. che contava di iniziare i lavori nel 2018, che intanto, come avevamo chiesto all'assemblea, avrebbe coinvolto la comunità di S.Giovanni in un percorso partecipativo PRIMA del progetto e che, sempre come avevamo chiesto, si sarebbe ragionato insieme su cosa proporre in seguito per l'area e l'edificio.
Ecco, su questo la tanto battagliera opposizione di centro-destra può fare interrogazioni e OdG vari!!!
Peccato che probabilmente non se ne ricordava di questi aspetti, pur essendo seduta al tavolo con tutti i suoi assessori.....
Sì perchè, quando si è certi di governare, non è che si presta davvero attenzione alle richieste dei cittadini, non è che si presta attenzione a far SOLO le promesse che al 99% si pensa di poter mantenere, quindi la memoria di chi governa di solito è molto labile.

D'altra parte è labile anche quella degli elettori perchè rivotare chi non ha lesinato a distribuire importanti promesse mai mantenute non è proprio proprio garanzia che le cose poi andranno meglio. Chi non mantiene sarà rinforzato a poterlo fare con sempre più leggerezza.

E allora lustriamo un pò questa memoria sbiadita.
Ne ho tanti di esempi, ma mi limito ad alcuni:
Non dimentichiamo innanzitutto che la campagna elettorale leghista del 2009 a San Giovanni del Tempio era stata condotta, oltre che sul solito tema unidirezionale della "sicurezza", sulla promessa di eliminare il senso unico di via dei Masi. Diventano poi ass. ai lavori pubblici il Segretario Bottecchia si era presentato all'assemblea autoconvocata dalla cittadinanza, aveva presentato un disegnino all'assemblea di dicembre, e poi aveva tirato i remi in barca.
Nel 2010 Bottecchia aveva detto che si intendeva ampliare il nido di San Michele, nel 2011 che "per quanto riguarda i tempi per le centraline siamo ancora in tabella di marcia, visto che avevamo previsto la partenza della progettazione nel 2011 e l'avvio dei lavori per il il 2012" e che "E' motivo d'orgoglio dare il via ad un iter che per troppo tempo è rimasto chiuso in un cassetto e che con molta probabilità vedrà la partenza dei lavori, almeno per alcune delle 4 centraline, già nel 2012, rispettando i tempi che ci eravamo dati. Per velocizzare la realizzazione delle opere abbiamo ritenuto opportuno suddividere gli interventi".
Nel 2010 l'ex ass. Gava affermava che "sempre più la politica e l'amministrazione hanno il compito di spingere a favore di una mobilità ecosostenibile" e che "con il progetto di bike-sharing vogliamo dimostrare che siamo in linea con gli obiettivi programmatici di mobilità alternativa e sostenibile, di difesa della qualità dell'aria e della natura, nonché di promozione turistica", che le sarebbe piaciuto "sistemare le colonnine con i Kit gratuiti per le deiezioni dei cani nei principali spazi verdi e su questo sto lavorando". Poi che il problema dell'inquinamento "pur nella sua complessità, occuperà un ruolo di primaria importanza nella ricerca delle possibili soluzioni", e che, in seguito a gravi fenomeni di sversamento di gasolio nelle acque, che "verrà predisposto un apposito regolamento per la mappatura delle cisterne dismesse dopo l'allacciamento alla rete del gas. Studierò con Italgas la possibilità di risalire anche alle vecchie utenze per avere un quadro preciso della situazione" e che stava per preparare la "lettera da inviare al gestore perchè si attivi a rispondere agli utenti che hanno chiesto il rimborso della quota depurazione" - promessa unita poi a quella di una "lista" da inviare a tutti gli utenti non allacciati a fognatura. Promessa che aveva fatto poi ufficilamente pure al Prefetto (gravissimo!!!). Aveva altresì promesso subito una nuova area per gli orti sociali dopo averli totli a ridosso dello stadio e che, grazie al Ministro Maroni, avremmo avuto "presto" una "Caserma" dei Vigili dl Fuoco.

QUINDI, per favore, il centro-destra seduto oggi nelle fila della minoranza lasci in pace i cittadini delle due frazioni, faccia tutta l'opposizione che vuole MA ... su scelte e fatti dalle ultime elezioni in poi.
Per tutto il resto le due fazioni di centro destra sono altrettanto responsabili.

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Agosto 2018 13:52
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...