Sacile Partecipata e Sostenibile

CasaClima o VEA? PDF Stampa E-mail
Venerdì 19 Febbraio 2010 10:04

img articolo

Nel dicembre del 2006 la Regione presenta a San Vito la conferenza “Nuovo abitare. Sostenibilità e risparmio energetico. Il FVG per la sostenibilità”
Uno degli enunciati afferma che “Un’efficace strategia di sviluppo sostenibile richiede il superamento dell’approccio di ‘comando e controllo’ sostituendolo con la promozione di comportamenti volontari da parte di tutti gli attori sociali verso la protezione dell’ambiente”. Sono dunque, in questo momento, una cittadina che si avvale di questo principio.

Poi la relazione, passando per Agenda 21, la Carta di Aalborg ecc, approda alla presentazione del Protocollo ITACA per la valutazione della qualità energetica e ambientale degli edifici, suddiviso in una settantina di schede, 28 nella versione semplificata, la cui elaborazione era iniziata nel 2002.
Quattro anni dopo detta conferenza, nel febbraio del 2010, mi ritrovo a San Vito a seguire la presentazione della Valutazione Energetica e Ambientale e, come cittadina ancora liberamente pensante, i dubbi e gli interrogativi che immediatamente mi assalgono sono tanti, soprattutto perché in questo arco di tempo ho conosciuto CasaClime a l’Agenzia per l’Energia di Udine.
Quanto tempo e denaro è stato speso per elaborare un protocollo come ITACA che non un solo ufficio tecnico ha mai applicato? Perché dunque la nostra Amministrazione regionale, invece di prendere atto del fallimento e voltare pagina, sta riproponendo lo stesso percorso anche se semplificato? Quanta CO2 abbiamo emesso in atmosfera, quanta muffa ha continuato a proliferare all’interno di case anche nuove, quante bollette salate, quanta energia sprecata e qualità di vita persa in questi 4 anni?  Chi ha partecipato ad anni di discussione per una certificazione fallita è stato re-incaricato di elaborare ora la VEA? Un primo fallimento è già rappresentato dallo slittamento della certificazione dal 1° gennaio al 1° giugno 2010 per la mancanza di certificatori. Perché si vuole a tutti i costi creare una certificazione nuova quando abbiamo a disposizione il successo sul campo di CasaClima? Perchè il nostro territorio ha tre fasce climatiche? Beh, cosa cambia, vuol dire che ad una casa certificata CasaClima non occorre riscaldamento a Tarvisio e non occorre  condizionamento a Lignano. Perché la VEA è anche “ambientale”? Beh, se avessimo imposto da due anni CasaClima, minimo classe C, ne avremmo risparmiate di emissioni di CO2, e ne avremmo guadagnato in qualità abitativa! Perché creare ad hoc una nuova agenzia, diretta emanazione della Regione, se abbiamo già un Agenzia veramente “terza”, veramente “autonoma” come l’APE, finanziata dalla Commissione Europea? Chi ha certificato le prime case di avveduti cittadini del FVG? Chi sono i certificatori già formati? Guarda caso quelli che hanno frequentato i corsi Casaclima organizzati dall’APE, che si occupa anche egregiamente della sensibilizzazione della cittadinanza. E l’APE, guarda caso, dopo approfondito esame di varie certificazioni, chi ha scelto? CasaClima. E molti Enti Locali hanno espresso la stessa opinione.
Mi pare proprio che questa forzatura ancora una volta non sia un “superamento” bensì un “consolidamento” dell’approccio di “comando e controllo” dell’Amministrazione regionale. Il perché segue altrettante vecchie logiche e dimostra che non c’è alcuna fretta perché non c’è vero interesse per l’ambiente e il benessere dei cittadini grandi e piccoli.

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Marzo 2014 19:50
 
Articoli correlati :

» Il primo condominio autosufficiente

Ecco a voi, cari lettori, il primo condominio di nove appartamenti totalmente autosufficiente, cioè "energieautark", è stato inaugurato a giugno 2015 (!!!) a Brütten in Svizzera. Non ha alcun allacciamento alla rete elettrica, tantomeno al gas....

» le nostre segnalazioni per il PAES

Premesso che in questi anni non abbiamo messo alcun bel cappottino a nessun edificio pubblico e che l'illuminazione a LED ormai sta spopolando (e non sempre senza problemi), abbiamo comunque cercato di dare un piccolo contributo alla riduzione delle...

» I documenti si lasciano mirabilmente scrivere

"Gli  impianti  solari  fotovoltaici  possono  essere  installati  in  facciata,  su  coperture  piane  e  su  falde inclinate, (...)" recita il Regolamento comunale per il risparmio energetico e l'Edilizia sostenibile del Comune di...

» Case di luce ... e di speranza!

CASE DI LUCE è il nome del complesso condominiale di ben 61 appartamenti del progetto di rigenerazione urbana sostenibile ed architettura zero energy nel Comune di Bisceglie.Finito nell'ottobre 2016 si tratta del  complesso abitativo in canapa e...

» cosa si fa a ... Bremerhaven ... e cosa a Sacile

Cos'è questa meraviglia?La Casa del Clima di Bremerhaven è più di un museo: è un luogo di saperi e di esperienze che ruotano attorno al tema del clima, dei cambiamenti climatici e della meteorologia. Su una superfice di 11.500 m2 ci avventuriamo...

» Speriamo di farcela?!

Speriamo di farcela a partecipare al che destina 10 milioni per l'efficientamento energetico delle scuole!Speriamo non vada a finire come al solito, con Sacile che brilla per assenza alla partecipazione o per eventuale presenza, ma solo nelle...

» centralina di rilevazione inquinamento o ... frullatore?

Sarebbe troppo facile far notare l'ennesima segnalazione di SPS rivelatasi fondata.NO, quello che svilupperemo in questo articolo è la vicenda degli annunci, dello spostamento, dei tempi e del funzionamento, o meglio, del non-funzionamento (e...

» il più grande distributore elettrico

Oltre ai parcheggi muniti di colonnina di ricarica elettrica, contrassegnati in verde e posizionati in città, nei centri commerciali e nelle nuove aree industriali, è stata da poco inaugurata a Villach la più grande stazione di distribuzione di...

» Gelsenkirchen, una delle tante città solari... di fatti e non parole

Dopo avervi raccontato di , di e di , vi presentiamo Gelsenkirchen, città di ben 260.000 abitanti (di cui oltre 17.000 stranieri) nel Land tedesco Nordrhein-Westfalen. Perchè vogliamo provarvi che i grandi cambiamenti si possono fare in città di...

» la riqualificazione energetica conclude il nostro percorso

Giovedì 10 aprile SPS ha degnamente concluso il percorso sulla sostenibilità in ambito del costruito. Ancora una serata che non ha disatteso le aspettative: con un relatore che aveva dalla sua la competenza arricchita da chi ci crede veramente. Il...