Sacile Partecipata e Sostenibile

Cedimenti su vari fronti PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Novembre 2012 18:38

Si sta trasformando sempre più in una disfatta di Waterloo su tutti i fronti l’azione dell’Amministrazione sacilese: dal trasferimento della Mineraria dato per imminente dall’Ass. Scarabellotto in aprile e appena smentito dal Sindaco e ancora due settimane dopo ri-smentita la smentita, cioè la Mineraria nuovamente se ne va, dalla marcia indietro sulla modalità di progettazione della Gronda Est – e di conseguenza anche dalla “Cittadella della Salute” – per l’innegabile rivolta della natura che ha purtroppo ben chiarito quale estensione può raggiungere l’acqua del Livenza, ad oggi che ci giunge notizia che il TAR non annulla il blocco della Sovrintendenza ai lavori per la rotatoria che hanno coinvolto la pertinenza di Villa Poletti.
SPS lo aveva già auspicato, al contrario di quanto avvenuto a Lignano, ricordando che comunque si trattava di vizi di forma e non certo del merito della cosa. SPS aveva anche annunciato esposto alla Corte dei Conti, in caso di respingimento, per le spese legali (6.229 Euro) dovute esclusivamente alla cocciutaggine dell’Amministrazione per dimostrare che l’abbattimento di villa Poletti non era in relazione alla rotonda e che nemmeno un milione di firme li avrebbe fermati.
Resta ancora la questione, non solo puramente finanziaria dell’appalto dato alla ditta, con i lavori ora bloccati, ma anche della bella immagine di Sacile che per mesi verrà offerta ai cittadini e ai visitatori che passeranno per un viale così frequentato come Viale Zancanaro.
A tutto ciò aggiungiamo anche i diversi “inciampi” dell'Amministrazione sacilese nell'aggiudicazione di gare d'appalto:

Ricordiamo quella per arredi e giochi per l’asilo nido comunale, che aveva poi visto la ditta seconda classificata ricorrere al TAR del FVG e vincere. Avendo lamentato irregolarità in una serie di atti relativi all'iter procedurale, il TAR aveva infatti riscontrato che la ditta scelta dal Comune non pareva aver “ottemperato” ad alcune prescrizioni contenute nel capitolato, come ad es. un minimo di 11 strati per le parti strutturali in legno multistrato, o l’assoluta assenza di formaldeide. Come mai nessuno si era accorto di aver aggiudicato una gara a chi non aveva rispettato quanto prescritto dalla stessa Amministrazione?
E' notizia di questi giorni di novembre che anche la questione dell'appalto della mensa scolastica è finito male,  perchè il Comune “ha adottato un provvedimento di aggiudicazione che in seguito ha dovuto riconoscere illegittimo”. Così ha vinto la ditta classificatasi terza all'apertura delle buste a giugno, mentre l'Amministrazione dovrà 4.000 Euro di rimborso delle spese al TAR.
Sempre per la questione appalto mensa, in seguito al ricorso delle due ditte quindi escluse, Euroristorazione e Dussman, il Comune prevede 8.000 Euro per "resistere" in Tribunale.
E purtroppo non basta: il Comune è stato citato in Tribunale dall'impresa Polese (realizzazione canale scolmatore) per oltre 136.000 Euro e l'Amministrazione ha affidato incarico legale per resistere, una spesa di ca. 6000 Euro.
A dicembre il Comune, persa la causa con i residenti in Via Fermi, deve impegnare 4.400 Euro per le spese di lite.

L'Ass. Spagnol comunica il 09/12/12 che la Dussman dovrà rifondere al Comune 3000 Euro delle spese di lite. Bene, almeno in questo caso -

Ultimo aggiornamento Domenica 06 Gennaio 2013 16:59
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...