Sacile Partecipata e Sostenibile

centralina di rilevazione inquinamento o ... frullatore? PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Ottobre 2015 17:38

Sarebbe troppo facile far notare l'ennesima segnalazione di SPS rivelatasi fondata.
NO, quello che svilupperemo in questo articolo è la vicenda degli annunci, dello spostamento, dei tempi e del funzionamento, o meglio, del non-funzionamento (e sparizione dal sito ARPA), della nostra centralina di Sacile per il rilevamento delle sostanze inquinanti.

Da dove partiamo?
Partiamo da due anni fa, dalla comunicazione data dal MessVen del 6 ottobre 2013, in cui si annunciava che il Comune di Sacile aveva concesso un’area in via ponte Lacchin per lo spostamento della centralina su richiesta dell’Arpa. L'Arpa infatti aveva inoltrato richiesta al Comune per lo spostamento della centralina in zona idonea secondo i requisiti di legge, in quanto il posizionamento al tempo della centralina per il rilevamento dell’aria in via don Milani non rispondeva più ai nuovi dettami della normativa di riferimento.
(Veramente il via libera da parte del Comune arriva un pochettino dopo, nel giugno del 2014. Ma sarebbe il meno.)

Il 24 agosto 2014 il MessVen pubblica la notizia che "Nei giorni scorsi sono iniziati i lavori per realizzare la piazzola che ospiterà lo strumento aggiornato" e che "la lotta all’inquinamento atmosferico a Sacile riparte da una nuova centralina".
(Ci rallegrammo e ci sperammo fiduciosi.)

Che la centralina fosse mesi dopo finalmente "entrata in funzione" lo comunicava il Gazzettino del 18 ottobre 2014 con il titolo "Inquinamento, attiva la

centralina di via Lacchin".  Si continuava poi che "con l'entrata in funzione della nuova strumentazione installata nell'area adiacente il Livenza in via Ponte Lacchin, che sostituisce quella da oltre 10 anni presente nel parcheggio di via don Milani, i rilevamenti saranno più realistici."
(Non solo ci rallegrammo ma gioimmo, sempre fiduciosi.)

Oggi, OTTOBRE 2015, scopriamo che MANCA LA CORRENTE e che POSSIAMO LEGGERCI I DATI DI BRUGNERA, tanto "fa lo stesso".

A SPS crollano rallegramento, gioia e fiducia e ci sorge in compenso una domanda: Ma se fa lo stesso leggerci i dati di Brugnera che sta a dieci chilometri, perchè si è dovuto SPOSTARE la centralina da via Don Milani a via Ponte Lacchin, UN chilometro più in là???
E poi l'inquinamento di Brugnera è classificato "industriale" mentre quello di Sacile "suburbano". Farà mica "lo stesso", no?!

Una centralina di rilevamento dell'inquinamento che non funziona non è mica un frullatore del quale possiam per un pò fare a meno, giusto?! Se è stato deciso che una andava messa a Sacile, ci sarà stata una ragione, giusto?!

Lasciamo allora le dichiarazioni alla stampa dei nostri amministratori e andiamo direttamente a prenderci le informazioni nel sito dell'ARPA.

Apprendiamo che la riorganizzazione della rete delle centraline è ufficializzata come progetto, la cui attività prevede "Nell’ambito del progetto di riorganizzazione della rete di rilevamento della qualità dell’aria è previsto l’adeguamento delle stazioni di misura alle richieste del D. Lgs. 155/2010. I lavori di adeguamento coinvolgono gran parte delle stazioni di misura esistenti (ristrutturazione, spostamenti o dismissioni) e prevedono l’installazione di nuove centraline.
Le nuove installazioni previste sono:
Sacile (Pordenone): stazione di traffico suburbano. La stazione attualmente è posizionata in luogo non conforme alle norme vigenti e verrà riposizionata in un sito idoneo.”

Come vedete dalla img che vi riportiamo il "sito idoneo" doveva essere viale Zancanaro:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 






Sarebbe stato carino che qualcuno ci avesse spiegato come mai da viale Zanacanaro si è approdati a via ponte Lacchin.
Ma lasciamo perdere anche questo.
Piuttosto: Era il 2012 quando con delibera del Direttore Generale 249 del 28/12/2012 veniva approvato il progetto di adeguamento della rete di rilevamento della qualita' dell'aria e affidato l'incarico alla ditta Project Automation s.p.a. per 500.000 Euro.
Unitamente alla delibera in oggetto l'ALLEGATO A riportava il programma di massima dell'attività prevista per la riorganizzazione della rete. Si prevedeva per il "primo anno: richiesta ad ENEL per gli allacciamenti presso i siti di interesse".
SPS si chiede: se la delibera è del 2012 "il primo anno" non doveva essere il 2013??? Quindi l'ENEL ha su qualche scrivania la richiesta per l'allacciamento da ben DUE anni?!
Inoltre SPS si chiede: A nessuno competeva verificare/accertarsi che tutto fosse pronto?!

Il 15 ottobre 2014 nel sito dell'ARPA viene pubblicato il comunicato che "La centralina di via Ponte Lacchin a Sacile è attiva.”

15 OTTOBRE 2015: "è attiva" ... CERTAMENTE
(... Sacile non esiste più nemmeno come freccina verde sulla cartina dell'ARPA!)

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Ottobre 2015 19:08
 
Articoli correlati :

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» Sempre meglio un uovo oggi che ...

Decisamente sempre meglio un uovo oggi che una gallina domani.In seguito alla segnalazione sulla stampa locale, secondo la quale succede che alle sbarre di viale Lacchin la gente attenda sotto il sole a volte anche mezz'ora prima di poter passare,...

» Capriole, salti mortali e tripli avvitamenti della Lega sacilese

Una cosa è certa: seguendo il solco del solito vecchio modo di far politica - criticato ma poi sempre premiato dagli elettori - la Lega sacilese non disdegna nemmeno la triste strategia di mettere uno contro l'altro i cittadini dello stesso...