Sacile Partecipata e Sostenibile

centralina di rilevazione inquinamento o ... frullatore? PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Ottobre 2015 17:38

Sarebbe troppo facile far notare l'ennesima segnalazione di SPS rivelatasi fondata.
NO, quello che svilupperemo in questo articolo è la vicenda degli annunci, dello spostamento, dei tempi e del funzionamento, o meglio, del non-funzionamento (e sparizione dal sito ARPA), della nostra centralina di Sacile per il rilevamento delle sostanze inquinanti.

Da dove partiamo?
Partiamo da due anni fa, dalla comunicazione data dal MessVen del 6 ottobre 2013, in cui si annunciava che il Comune di Sacile aveva concesso un’area in via ponte Lacchin per lo spostamento della centralina su richiesta dell’Arpa. L'Arpa infatti aveva inoltrato richiesta al Comune per lo spostamento della centralina in zona idonea secondo i requisiti di legge, in quanto il posizionamento al tempo della centralina per il rilevamento dell’aria in via don Milani non rispondeva più ai nuovi dettami della normativa di riferimento.
(Veramente il via libera da parte del Comune arriva un pochettino dopo, nel giugno del 2014. Ma sarebbe il meno.)

Il 24 agosto 2014 il MessVen pubblica la notizia che "Nei giorni scorsi sono iniziati i lavori per realizzare la piazzola che ospiterà lo strumento aggiornato" e che "la lotta all’inquinamento atmosferico a Sacile riparte da una nuova centralina".
(Ci rallegrammo e ci sperammo fiduciosi.)

Che la centralina fosse mesi dopo finalmente "entrata in funzione" lo comunicava il Gazzettino del 18 ottobre 2014 con il titolo "Inquinamento, attiva la

centralina di via Lacchin".  Si continuava poi che "con l'entrata in funzione della nuova strumentazione installata nell'area adiacente il Livenza in via Ponte Lacchin, che sostituisce quella da oltre 10 anni presente nel parcheggio di via don Milani, i rilevamenti saranno più realistici."
(Non solo ci rallegrammo ma gioimmo, sempre fiduciosi.)

Oggi, OTTOBRE 2015, scopriamo che MANCA LA CORRENTE e che POSSIAMO LEGGERCI I DATI DI BRUGNERA, tanto "fa lo stesso".

A SPS crollano rallegramento, gioia e fiducia e ci sorge in compenso una domanda: Ma se fa lo stesso leggerci i dati di Brugnera che sta a dieci chilometri, perchè si è dovuto SPOSTARE la centralina da via Don Milani a via Ponte Lacchin, UN chilometro più in là???
E poi l'inquinamento di Brugnera è classificato "industriale" mentre quello di Sacile "suburbano". Farà mica "lo stesso", no?!

Una centralina di rilevamento dell'inquinamento che non funziona non è mica un frullatore del quale possiam per un pò fare a meno, giusto?! Se è stato deciso che una andava messa a Sacile, ci sarà stata una ragione, giusto?!

Lasciamo allora le dichiarazioni alla stampa dei nostri amministratori e andiamo direttamente a prenderci le informazioni nel sito dell'ARPA.

Apprendiamo che la riorganizzazione della rete delle centraline è ufficializzata come progetto, la cui attività prevede "Nell’ambito del progetto di riorganizzazione della rete di rilevamento della qualità dell’aria è previsto l’adeguamento delle stazioni di misura alle richieste del D. Lgs. 155/2010. I lavori di adeguamento coinvolgono gran parte delle stazioni di misura esistenti (ristrutturazione, spostamenti o dismissioni) e prevedono l’installazione di nuove centraline.
Le nuove installazioni previste sono:
Sacile (Pordenone): stazione di traffico suburbano. La stazione attualmente è posizionata in luogo non conforme alle norme vigenti e verrà riposizionata in un sito idoneo.”

Come vedete dalla img che vi riportiamo il "sito idoneo" doveva essere viale Zancanaro:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 






Sarebbe stato carino che qualcuno ci avesse spiegato come mai da viale Zanacanaro si è approdati a via ponte Lacchin.
Ma lasciamo perdere anche questo.
Piuttosto: Era il 2012 quando con delibera del Direttore Generale 249 del 28/12/2012 veniva approvato il progetto di adeguamento della rete di rilevamento della qualita' dell'aria e affidato l'incarico alla ditta Project Automation s.p.a. per 500.000 Euro.
Unitamente alla delibera in oggetto l'ALLEGATO A riportava il programma di massima dell'attività prevista per la riorganizzazione della rete. Si prevedeva per il "primo anno: richiesta ad ENEL per gli allacciamenti presso i siti di interesse".
SPS si chiede: se la delibera è del 2012 "il primo anno" non doveva essere il 2013??? Quindi l'ENEL ha su qualche scrivania la richiesta per l'allacciamento da ben DUE anni?!
Inoltre SPS si chiede: A nessuno competeva verificare/accertarsi che tutto fosse pronto?!

Il 15 ottobre 2014 nel sito dell'ARPA viene pubblicato il comunicato che "La centralina di via Ponte Lacchin a Sacile è attiva.”

15 OTTOBRE 2015: "è attiva" ... CERTAMENTE
(... Sacile non esiste più nemmeno come freccina verde sulla cartina dell'ARPA!)

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Ottobre 2015 19:08
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» Il primo condominio autosufficiente

Ecco a voi, cari lettori, il primo condominio di nove appartamenti totalmente autosufficiente, cioè "energieautark", è stato inaugurato a giugno 2015 (!!!) a Brütten in Svizzera. Non ha alcun allacciamento alla rete elettrica, tantomeno al gas....