Sacile Partecipata e Sostenibile

Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Settembre 2020 08:51

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E speriamo che pure stavolta non si ostinino a perseverare nel dire di no...

La storia dell'originario D.Lgs.257/16 la conoscete: per la prima volta ho fatto presente la questione ai primi di settembre del 2018. Nessuna reazione, nessuna risposta sulla stampa da parte dell'assessora all'Urbanistica.
Dopo aver come sempre pazientemente e rispettosamente atteso non alcuni giorni, non alcune settimane, non alcuni mesi, ma un generoso ANNO, al 30 gennaio 2020 abbiamo inviato l'esposto al Prefetto di PN.
Il Prefetto ha inviato sua circolare a tutte le amministrazioni del pordenonese. Ma l'amministrazione sacilese non ha dato seguito nemmeno stavolta all'invito del Prefetto (esattamente come era successo per il rimborso depurazione!).
Inizio a scrivere mail all'ufficio urbanistica chiedendo ragione di questa strenua opposizione a quello che da normativa veniva definito "recepimento" (leggi: "dovete farlo e basta"). Dopo svariate mail e telefonate finalmente a giugno mi risponde l'assessora Zanfrà affermando che la questione competeva ... "alla regione". Aggiunge che in collaborazione con i tencici dell'APE stanno valutando modifiche al regolamento edilizio. Peccato che la normativa è nazionale (o meglio di derivazione europea come tutte le normative per la tutela ambientale, depurazione compresa) e quindi non c'era proprio nulla da "valutare".
Infatti, se avete letto il sopra linkato testo del D.Lgs257/16, appariva chiaro che "i Comuni" dovevano adeguarsi. Perciò mi sono rivolta alla regione.
Anche qui, inizialmente NESSUNA RISPOSTA dall'Ufficio competente. Sottolineo Ufficio di Amministrazione Pubblica!

Inizio a cercare sostegno da parte del Consigliere regionale Giampaolo Bidoli, gentilissimo e puntualissimo, e scrivo al tempo stesso pure al Difensore Civico regionale, dott. Arrigo de Paoli. Entrambi si prodigano, ma a entrambi non è facile ricevere risposta.

Finalmente (credo dopo aver letteralmente fatto stalking) arriva la risposta dell'Ufficio regionale come allegato pdf in fondo all'articolo. Una risposta talmente aggrovigliata che stavolta davvero di difficile comprensione.
Ma vi traduco:
1) in pratica, nessuno vietava ai Comuni di recepire quanto da D.Lgs.257/16, bastava avessero chiesto lumi in regione! Altro che aspettare il Regolamento edilizio dalla regione, come mi ha risposto l'ass. Zanfrà, è scritto chiaramente che "la Regione FVG non ha ritenuto di provvedere in merito". Lo avrebbero detto all'assessora... se solo lo avesse chiesto.
2) Regione però ben distratta: anche questo è totalmente diciamo ... sfuggito ... all'amministrazione regionale, per cui non è stata emanata nessuna Circolare esplicativa
3) essendo ... sfuggito ... la Regione non ha poi nemmeno avviato alcuna forma di monitoraggio. Leggi: se non faccio non controllo!!!
4) in Italia non c'è problema nel ritardare l'applicazione delle norme, perchè nel frattempo vengono... superate. Infatti a giugno il D.Lgs.257/16 è stato superato dal D.Lgs.48/2020.

Non mettetevi a piangere, cari lettori, andate avanti che siamo quasi alla fine!

5) stavolta infatti basta: stavolta bisogna adeguarsi ENTRO 180 giorni dalla data di entrata in vigore del nuovo Decreto, cioè a partire dall'11 giugno 2020!
6) e stavolta, "decorso inutilmente il termine di cui al comma 1, le regioni applicano, in relazione ai titoli abilitativi edilizi difformi da quanto ivi previsto, i poteri inibitori e di annullamento stabiliti nelle rispettive leggi regionali"
7) e, sempre stavolta, i controlli invece ci saranno, perchè le regioni DEVONO avviare un monitoraggio ai fini statistici da comunicare al Ministero per lo sviluppo economico

Che dire.
Quanto tempo sprecato per possibilità di incentivare il trasporto elettrico e dare un contributo al miglioramento ambientale per ostinarsi a non voler semplicemente "recepire" poche righe di articolo già bello e pronto, nemmeno da discutere, solo da inserire nel regolamento edilizio del proprio Comune....
Ennesimo caso dove sta bene il detto: volere è potere. Peccato che per l'amministrazione sacilese il detto vale al contrario!

Allegato: risposta dell'ufficio regionale >>>

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Settembre 2020 08:55
 
Articoli correlati :

» inghippo nella riscossione tributi tramite l'AdE

Si pubblica volentieri di seguito la segnalazione di una cittadina sacilese:"Ma cosa c'è di più distensivo che andare al giovedì al mercato a Sacile?Il giro della piazza, le bancarelle, gli incontri casuali, fermarsi a bere un caffè e ascoltare...

» Risposta all'assessore alla sicurezza

Figurarsi se nn so che il Comando di Maniago è capofila di 6 Comuni associati e lo sanno tutti i cittadini che leggono il giornale perchè è sotto gli occhi di tutti. Perciò non perdo tempo a dire cose ovvie solo perchè non ho altri argomenti da...

» No corpo Polizia Municipale? Ahi ahi ... no finanziamenti!!!

Certamente gli articoli sulla stampa locale si lasciano scrivere e non possono che riportare quel che gli amministratori locali ufficialmente comunicano. Ciò non toglie che però noi cittadini sfogliamo tutte le pagine del giornale che abbiamo in...

» La storia finita del trasferimento della Collodi

E così è sfumata la possibilità di trasferire dalla sede dell’Aporti in un nuovo edificio scolastico la scuola dell’infanzia Collodi. Questo avrebbe permesso ai bimbi di avere una struttura adeguata ai moderni standard ambientali ed educativi...

» Incidenti 2021

Sono in totale 74 gli incidenti avvenuti nel 2021 nel nostro territorio comunale. 44 i feriti. Purtroppo mancano da alcuni anni i numeri della Polstrada, perchè il sistema in cui inseriscono i dati è regionale e risulta complicato estrarre i...

» Ipso facto, riforma costituzionale e giardinaggio nel giardino della Serenissima

Si pubblica con piacere il seguente articolo di Andrea GazzettaProbabilmente è solo una strana coincidenza, eppure suscita un po di sconcerto, dopo pochi giorni dall'approvazione delle modifiche alla Costituzione in materia di tutela...

» La storia finita del Liceo Musicale a Sacile

E così, con il mancato numero di iscrizioni per l'anno scolastico 2022-2023 si chiude purtroppo irrevocabilmente il capitolo per il tanto atteso Liceo Musicale nella nostra città, una città che in fatto di tradizione musicale non sta dietro a...

» Il Prefetto risolve l'attesa al freddo

Finalmente dopo quasi UN anno nessuno sarà più costretto ad addossarsi al muro per stare un pò al riparo in attesa di vaccinarsi. una seconda volta perchè evidentemente si era cercato di fare orecchie da mercante, ma da oggi, martedì 4 gennaio...

» Esposto al Prefetto per situazione attesa vaccinazione

AL PREFETTO di PORDENONESacile, 06/12/2021Oggetto: Ripetuti disagi per attesa turno vaccinazione a SacileIll.mo sig. Prefetto,Con la presente la sottoscritta intende sottoporre all’attenzione della S.V. quanto segue:Davanti ad una delle sedi...

» Approdo sicuro sotto piazzetta Manin?

Approdo sulla Livenza? Si staglia all'orizzonte un nuovo disastro annunciato?Su quel ramo d'acqua così stretto?Con la sponda praticamente in verticale?Con il parcheggio sopra in piazzetta Manin che già cede? Prova ne sono le crepe nella...