Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme Stampa
Lunedì 28 Settembre 2020 08:51

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E speriamo che pure stavolta non si ostinino a perseverare nel dire di no...

La storia dell'originario D.Lgs.257/16 la conoscete: per la prima volta ho fatto presente la questione ai primi di settembre del 2018. Nessuna reazione, nessuna risposta sulla stampa da parte dell'assessora all'Urbanistica.
Dopo aver come sempre pazientemente e rispettosamente atteso non alcuni giorni, non alcune settimane, non alcuni mesi, ma un generoso ANNO, al 30 gennaio 2020 abbiamo inviato l'esposto al Prefetto di PN.
Il Prefetto ha inviato sua circolare a tutte le amministrazioni del pordenonese. Ma l'amministrazione sacilese non ha dato seguito nemmeno stavolta all'invito del Prefetto (esattamente come era successo per il rimborso depurazione!).
Inizio a scrivere mail all'ufficio urbanistica chiedendo ragione di questa strenua opposizione a quello che da normativa veniva definito "recepimento" (leggi: "dovete farlo e basta"). Dopo svariate mail e telefonate finalmente a giugno mi risponde l'assessora Zanfrà affermando che la questione competeva ... "alla regione". Aggiunge che in collaborazione con i tencici dell'APE stanno valutando modifiche al regolamento edilizio. Peccato che la normativa è nazionale (o meglio di derivazione europea come tutte le normative per la tutela ambientale, depurazione compresa) e quindi non c'era proprio nulla da "valutare".
Infatti, se avete letto il sopra linkato testo del D.Lgs257/16, appariva chiaro che "i Comuni" dovevano adeguarsi. Perciò mi sono rivolta alla regione.
Anche qui, inizialmente NESSUNA RISPOSTA dall'Ufficio competente. Sottolineo Ufficio di Amministrazione Pubblica!

Inizio a cercare sostegno da parte del Consigliere regionale Giampaolo Bidoli, gentilissimo e puntualissimo, e scrivo al tempo stesso pure al Difensore Civico regionale, dott. Arrigo de Paoli. Entrambi si prodigano, ma a entrambi non è facile ricevere risposta.

Finalmente (credo dopo aver letteralmente fatto stalking) arriva la risposta dell'Ufficio regionale come allegato pdf in fondo all'articolo. Una risposta talmente aggrovigliata che stavolta davvero di difficile comprensione.
Ma vi traduco:
1) in pratica, nessuno vietava ai Comuni di recepire quanto da D.Lgs.257/16, bastava avessero chiesto lumi in regione! Altro che aspettare il Regolamento edilizio dalla regione, come mi ha risposto l'ass. Zanfrà, è scritto chiaramente che "la Regione FVG non ha ritenuto di provvedere in merito". Lo avrebbero detto all'assessora... se solo lo avesse chiesto.
2) Regione però ben distratta: anche questo è totalmente diciamo ... sfuggito ... all'amministrazione regionale, per cui non è stata emanata nessuna Circolare esplicativa
3) essendo ... sfuggito ... la Regione non ha poi nemmeno avviato alcuna forma di monitoraggio. Leggi: se non faccio non controllo!!!
4) in Italia non c'è problema nel ritardare l'applicazione delle norme, perchè nel frattempo vengono... superate. Infatti a giugno il D.Lgs.257/16 è stato superato dal D.Lgs.48/2020.

Non mettetevi a piangere, cari lettori, andate avanti che siamo quasi alla fine!

5) stavolta infatti basta: stavolta bisogna adeguarsi ENTRO 180 giorni dalla data di entrata in vigore del nuovo Decreto, cioè a partire dall'11 giugno 2020!
6) e stavolta, "decorso inutilmente il termine di cui al comma 1, le regioni applicano, in relazione ai titoli abilitativi edilizi difformi da quanto ivi previsto, i poteri inibitori e di annullamento stabiliti nelle rispettive leggi regionali"
7) e, sempre stavolta, i controlli invece ci saranno, perchè le regioni DEVONO avviare un monitoraggio ai fini statistici da comunicare al Ministero per lo sviluppo economico

Che dire.
Quanto tempo sprecato per possibilità di incentivare il trasporto elettrico e dare un contributo al miglioramento ambientale per ostinarsi a non voler semplicemente "recepire" poche righe di articolo già bello e pronto, nemmeno da discutere, solo da inserire nel regolamento edilizio del proprio Comune....
Ennesimo caso dove sta bene il detto: volere è potere. Peccato che per l'amministrazione sacilese il detto vale al contrario!

Allegato: risposta dell'ufficio regionale >>>

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Settembre 2020 08:55
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...
SEO by Artio