Sacile Partecipata e Sostenibile

Come ci stiamo preparando al 2050? PDF Stampa E-mail
Domenica 09 Dicembre 2012 13:19

In nessun modo, tanto.... non ci riguarda.

E allora ci si chiede a cosa serve spendere tempo e denaro per fare studi e statistiche. Solo per pagare consulenze?! La risposta affermativa parrebbe naturale visto che i risultati di queste – spesso motivatissime ed interessantissime ricerche – cadono poi nel vuoto. Si perdono, come dire, nella notte dei tempi, nessuno li trasforma in applicazione e, troppo spesso, alcuni anni dopo vengono rifatti di sana pianta perchè di quello precedente nessuno se ne ricorda più.

SPS invece se ne ricorda bene.

La questione è quella da noi da tempo sollevata: l'aumento della popolazione anziana, fenomeno per il quale ci stiamo attrezzando troppo poco e in modo troppo settoriale.
Citiamo ad es. lo studio pubblicato nel 2006 dall'ASS6, dal quale emergeva che nei prossimi decenni nella nostra Provincia, che purtroppo annovera il tasso di natalità tra i più bassi dell'Italia, ci dobbiamo aspettare una rapida crescita del numero di anziani. Aggiungendo che l'allungamento della vita andrà anche ad aumentare le patologie croniche e in genere le varie necessità tipiche della persona anziana, anche se in buona salute, il quadro è decisamente preoccupante: lo studio prevede che già nel 2030 tre persone su quattro avranno bisogno di cure e gli over 65 costituiranno due terzi della popolazione.
Dal punto di vista sanitario, e questo ce lo sentiamo dire continuamente, significa “riorganizzare l'offerta secondo nuove modalità assistenziali basate sul principio di continuità delle cure e periodi di degenza di lunga durata”.

Ma non solo di politiche sanitarie si deve trattare, secondo noi. Anche le scelte amministrative a livello comunale possono attivarsi. Oltre che a seguire attentamente il percorso delle scelte e delle ristrutturazioni compiute dal Governo regionale e  di seguito dalle Aziende Sanitarie, un Comune può attivamente farsi promotore nel diminuire i problemi alla radice.
E insistiamo ancora una volta sul tema 1) di una città più vivibile e 2) delle politiche abitative: Sacile va resa una città a misura di pedone e ciclista in modo diffuso e dobbiamo seriamente combattere il problema dell'inquinamento e dobbiamo offrire agli anziani abitazioni salubri, economicamente sostenibili e adatte alla sicurezza e facilità di movimento.

Aspettando i dati ISTAT aggiornati prendiamo intanto come riferimento quanto già sappiamo (pubblicato dettagliatamente nel nostro articolo “I numeri non sono chewing gum”), e cioè che anche nella nostra città gli over 65 rappresentano ormai il 20% della popolazione, che una gran parte vive sola e che le abitazioni sono troppo grandi, troppo datate e troppo lontane dal centro, dove si trovano negozi e servizi.
Dal 2001 al 2011 Sacile ha visto un aumento della popolazione del solo 8,5%. I trenta Comuni italiani che sono in cima alla classifica si piazzano tra il 60% e il 220% per aumento di residenti.
L'offerta abitativa va ben oltre le reali esigenze del nostro Comune (v. articolo "Fervore edilizio, case vuote e sfratti"), ma bisogna intervenire su vari aspetti:
Vanno ristrutturati gli edifici esistenti per poterli trasformare
a) in unità abitative di minor dimensione, ad es. suddividendo un appartamento di 120 m2;
b) in ambienti senza muffe e senza dispersione di energia (più caldi d'inverno e più freschi d'estate);
c) in abitazioni certificate senza barriere architettoniche;
d) in abitazioni che possano attirare gli anziani verso il centro.

A questo proposito SPS ritiene da tempo che, oltre al patrimonio edilizio obsoleto esistente, si dovrebbe avviare un dibattito ed una raccolta di idee relativamente all'ex Distretto Militare. Non importa se ad oggi non ci sono fondi, ma è importante arrivare, il giorno in cui le risorse potrebbero esserci, con in mente una soluzione pronta e condivisa. Altrimenti si verificherà il solito: a fronte della possibilità materiale ci perderemmo mesi e anni per i soliti conflitti su cosa e come realizzare.

Vogliamo offrire anche uno spunto virtuoso dal quale partire: si tratta di un bel esempio di progettazione partecipata e bioecologia (guarda caso!!!), presentato al meeting nazionale di CittàSane del 2006, che ha portato alla realizzazione nel Comune di Forlì di un complesso denominato “Casa Facile”. Si tratta di 15 unità abitative, 11 per persone anziane, 2 per disabili e 2 per giovani coppie con funzione di “famiglie di appoggio”. La filosofia insomma è quella del “condominio solidale”, dove gli anziani possono aiutare le giovani coppie ad es. a tenere qualche oretta i bambini, ad innaffiare le piante quando le famiglie sono in vacanza, a portare a passeggio il loro cane se i giovani son via molte ore per lavoro. Le famiglie giovani si impegnano ad es. a fare la spesa o a comprare medicine se l'anziano è ammalato, o ad aiutarlo in un piccolo lavoro di fatica.

Ecco, questo è un esempio di quanto SPS intende fare in un suo eventuale prossimo governo di Sacile, per una politica abitativa proiettata verso le esigenze del futuro, salubre come ambiente e poco costosa nella gestione, che fertilizza le relazioni sociali, che non consuma altro suolo e che oggi metterebbe in moto il settore dell'edilizia e i suoi correlati.

PS: Dopo averci dato per l'ennesima volta degli allarmisti, il Sindaco annuncia sia per fine 2014, sia per fine 2015, che "i residenti sono in calo", cioè che Sacile è scesa ben sotto i 20.000 abitanti.

Ultimo aggiornamento Sabato 26 Dicembre 2015 19:10
 
Articoli correlati :

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» La congestione della Pontebbana e il nuovo Masterplan della Carinzia

Siamo alle solite.Per i nostri amministratori e politici non esiste altro che moltiplicare i chilometri di asfalto per accontentare il traffico. Loro lo chiamano decongestionare, snellire, distribuire. Il problema è che bisognerebbe invece poter...

» imminente intasamento del PS di PN: allo studio modalità per ... girare la frittata

Apprendiamo che un gruppo di 20 esperti si sta occupando di come prevenire l'imminente formarsi della solita calca al Pronto Soccorso di Pordenone secondo la procedura di analisi denominata "lean management", che segue un modello di pensiero...

» Quando una scuola è più di un gioiello

Quando una scuola è più di un gioiello: ecco la scuola elementare di Arnoldstein, certificata Klimaaktiv Gold.Dallo storico edificio del 1910, ristrutturato e ampliato nel 1969 e nel 1990, fino a questo splendido esempio di scuola ecologica,...

» un centro del riuso in un centro commerciale???

perchè l'amministrazione sacilese non ha alcuna intenzione di in verità riciclabili e utilizzabili, lanciamo il nostro appello a uno dei centri commerciali in zona.Per rendere più chiaro e motivato il nostro appello, come sempre, citiamo e...

» Spunti per ... chi vuol sentire

Continuiamo a . Spunti che - ormai sappiamo - vengono tanto apprezzati dai nostri lettori quanto ignorati dai nostri amministratori. Ma sono i primi ad interessarci, la nostra speranza è sempre qualle di avere cittadini-elettori che badano ai fatti...

» 50 posti in casa di riposo sfumati? Ma va?!

Apprendiamo dalla stampa locale che per l'ennesima volta : ben 60 le domande in lista di attesa per un posto in casa di riposo a Sacile, ma ... il posto non c'è. I famosi 50 posti promessi addirittura con "i soldi ci sono" (come mi era stato detto...

» 50 posti letto chewing gum?!

"I 50 posti letto in aggiunta agli attuali 86 della Casa di riposo garantiranno una lunga prospettiva di eccellenza della nostra struttura", aveva dichiarato il Sindaco di Sacile nel 2012.E quando di tale annuncio mettendolo in relazione a...