Sacile Partecipata e Sostenibile

comunicato comitato salute pubblica bene comune PDF Stampa E-mail
Sabato 15 Marzo 2014 18:34

COMUNICATO STAMPA del COMITATO PER LA SALUTE PUBBLICA BENE COMUNE – Pordenone, 14 marzo 2014

Una delegazione del Comitato Salute Pubblica Bene Comune è stata ricevuta, nei giorni scorsi, dal Direttore Generale dell’Ass n.6, dr. Samani, e dal Direttore Sanitario dr. Simon.
Nell’incontro sono stati affrontati una serie di argomenti che hanno riguardato:
·         le prospettive della nuova organizzazione sanitaria provinciale;
·          l’ampliamento dei  servizi territoriali in previsione di un sempre minore utilizzo del tempo “ospedaliero” strettamente legato alle acuzie;
·         il rapporto tra la carenza di finanziamenti nel sistema sanitario e la conseguente riduzione cronica del personale;
·         la salvaguardia e il miglioramento della risposta qualitativa-quantitativa ai bisogni dei cittadini;
·         infine una particolare attenzione è stata posta dal Comitato riguardo al modo in cui l’Azienda intende conciliare i tagli dell’1% del bilancio del 2012 con una qualità apprezzabile dei servizi.

Il Direttore Generale dr. Samani ha precisato che, secondo la sua esperienza pregressa, non è la volumetria a definire la qualità di un ospedale, ma piuttosto le norme di sicurezza e le strutture territoriali ben organizzate in ambito socio-sanitario.
Sul Protocollo riguardante la centralità Ospedale e Territorio di tipo infermieristico, l’Azienda intende intervenire con la prevenzione e, quando il cittadino si reca al Pronto Soccorso, si deve essere in grado già a questo livello di prevedere quale dovrà essere il percorso più appropriato per non farlo stazionare nell’Ospedale inutilmente, o quali saranno le necessità collegate alla sua dimissione, in modo da organizzare in tempo l’accoglimento a domicilio. Il dott. Samani parla di “continuità” tra Ospedale e Territorio: è sua convinzione che se i servizi socio-sanitari presenti sulla vasta area pordenonese funzionassero meglio, di sicuro si ridurrebbero i ricoveri  riservati per le acuzie. Afferma che in questa provincia ci sono diffuse eccellenze ma silenziose; l’obiettivo è quello di farle emergere per valorizzarle in vista di favorire un sistema sanitario territoriale più capillare e più efficace. Il dott. Samani aggiunge che si dovrebbe ripensare anche la funzione dell’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico): tale Ufficio non deve essere solo il luogo della lamentela rispetto alle criticità ma un luogo dove il cittadino possa fare le sue proposte.

Il dott. Samani rileva essenzialmente due criticità sul territorio pordenonese: la psichiatria e la neuropsichiatria infantile. Riguardo alla prima criticità, nota che la riforma basagliana, partita brillantemente negli anni ’80, qui a Pordenone ha risentito nel tempo di diverse battute d’arresto e, a differenza dell’esperienza triestina, non ha avuto gambe per procedere in un percorso ripensato e innovativo. Riguardo alla seconda criticità sostiene che il Servizio abbia bisogno di un responsabile (o di un vertice) che possa  coordinare le realtà territoriali; inoltre, di fronte ad un tema vasto, complesso e articolato come questo, ritiene che vada riorganizzato un lavoro molto più capillare e puntuale rispetto ai minori in difficoltà. Ad esempio è inaccettabile che la lista di attesa per una visita presso il Servizio di Neuropsichiatria sia attualmente di circa sei mesi.

A proposito dei tagli di spesa richiesti, Il DG dott. Samani precisa che essi, pur comportando una certa riduzione,  tuttavia consentono di poter continuare a erogare i servizi necessari. L’obiettivo è quello di garantire il turn over infermieristico e, soprattutto,di svolgere una buona prevenzione per ridurre i ricoveri di persone nell’Ospedale.

Sono state chieste anche informazioni riguardanti il livello della progettazione della Cittadella della Salute. Il dr. Simon afferma che il progetto lo hanno ereditato; in ogni caso esso non prevede nuovi volumi, ma un recupero dell’esistente, la demolizione e la ricostruzione di una delle strutture. Precisano che il progetto è stato licenziato da qualche giorno. Nella Cittadella troveranno sede l’Ambito e alcuni servizi della ASS6; il rimanente sarà ubicato negli attuali padiglioni ospedalieri “A” e “B”, adeguatamente ristrutturati, insieme agli Uffici dell’Azienda ASS6. L’obiettivo è di concentrare tutti i servizi e gli uffici territoriali in un unico luogo.

Alla fine dell’incontro il Comitato chiede ai due direttori cosa pensano relativamente alle forme di partecipazione dei cittadini nella “gestione” dei distretti sanitari. Il dott. Simon risponde che nella sua esperienza di capo distretto ha trovato sempre utile il confronto, anche e soprattutto perché senza di questo la criticità di alcune situazioni non sarebbe mai emersa. In ogni caso, pur non avendo ancora deciso precise modalità in proposito, tuttavia i Dirigenti non escludono la possibilità di pratiche partecipative da parte dei cittadini.

 
Articoli correlati :

» Esposto su ritardo ambulanza

AL PREFETTO DI PORDENONE                                                                                                              Sacile, 29/03/18Oggetto:...

» Parcheggi ROSA ... cercasi

Nello stile di SPS, cioè pazienza tanta che tanto tutti i nodi vengono al pettine su segnalazioni che ci danno ragione, ... ecco che tocca tornare sulla Una questione che era destinata a non andare oltre il solito annuncio di questa amministrazione...

» Sanità: noi "come in Ighilterra", ma non c'è nulla di buono

Sarà stato destino? Sarà stato un caso? Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi? Chissà, sta di fatto che oggi, 14 gennaio 2014, sulla stampa locale il direttore generale della nostra AAS5, Giorgio Simon, in riferimento al provvedimento di...

» imminente intasamento del PS di PN: allo studio modalità per ... girare la frittata

Apprendiamo che un gruppo di 20 esperti si sta occupando di come prevenire l'imminente formarsi della solita calca al Pronto Soccorso di Pordenone secondo la procedura di analisi denominata "lean management", che segue un modello di pensiero...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» Pronto Soccorso e mezze risposte

Davvero difficile credere che qualcuno ancora si stupisca della situazione che in queste settimane si è creata al Pronto Soccorso di Pordenone. Sovraffollamento seguito a ruota dal sovraccarico del reparto di Medicina.Partiamo dal secondo: cosa...

» Comunicato del dott. Mario Canciani sui roghi epifanici

FUOCHI TRADIZIONALI E  SALUTE"L'inquinamento atmosferico è ormai riconosciuto come il "big killer", una delle principali cause di malattie non solo respiratorie e tumorali, ma anche cardiovascolari. Le polveri sottili e specialmente ultrasottili...

» Referendum costituzionale - I CONTENUTI DELLA RIFORMA

» nuovo dubbio sul PPI?

A SPS sorge un nuovo dubbio sul futuro dell'ex Pronto Soccorso, oggi (ma!) PUNTO di PRIMO INTERVENTO:dal momento che nella Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.70 del 2.4.2015 nel quale è scritto che "LA FUNZIONE DEI PPI...

» Dire che il piano aria dei 10 comuni è comico sarebbe un complimento

Definirlo "comico" si potrebbe se non si trattasse di una tale gravità. Gli amministratori dei 10 Comuni presenti del pordenonese hanno fatto una sola cosa nuova: mettersi insieme.Primo provvedimento che andava fatto già anni fa. Primo aspetto...