Sacile Partecipata e Sostenibile

comunicato della Rete Mobilità Nuova FVG PDF Stampa E-mail
Sabato 08 Novembre 2014 21:11

Come vedete SPS ha precorso i tempi già con il programma delle elezioni del 2009, riproposto nel 2014 come uno dei tre punti irrinunciabili per far parte della coalizione ed ampiamente esposto in numerose conferenze (anche fuori Sacile).
Ora siamo felici di vedere che questo tema si stia diffondendo e siamo convinti sostenitori di quanti abbiano capito ed abbiano onestamente a cuore la riconquista di città vivibili.
Pubblichiamo perciò di seguito il comunicato seguito all'incontro di alcuni rappresentanti di RMN-FVG avuto in regione (e ricordiamo bene che il centro sinistra aveva promesso in campagna elettorale fondi per città a 30km/h!):

"Troppi i morti sulle strade, più fondi per città slow.
Prevedere nella prossima finanziaria regionale contributi ai Comuni per la realizzazione di strumenti utili a moderare la velocità, ma anche zone con limite di 30 km/h e percorsi casa-scuola, è quanto hanno chiesto giovedì 6/11 alla IV Commissione del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia i rappresentanti di Rete Mobilità Nuova FVG, alla quale aderiscono una serie di associazioni regionali: coordinamento FIAB (Federazione italiana amici della bicicletta), Legambiente, ACP (associazione culturale pediatri), ISDE medici per l'ambiente, WWF Italia, AIFVS associazione italiana familiari e vittime della strada, UISP FVG (Unione italiana sport per tutti).

L'obiettivo è innanzittutto di diminuire drasticamente il numero di morti e di feriti sulle strade della nostra regione (nel 2012 sono stati registrati 84 morti e migliaia di feriti; Trieste, con 682 incidenti e 11 morti, è terza la città più pericolosa d'Italia dopo Napoli e Catania), ma per farlo bisogna aumentare la sicurezza, tenendo in considerazione che la maggior parte degli incidenti si verificano in aree urbane. Da qui l'importanza di sviluppare quel concetto di living street che fa andare oltre l'idea di strada come corridoio di traffico e che introduce prospettive di riqualificazione urbana in grado di mettere in sicurezza le utenze più deboli (pedoni e ciclisti, anziani e bambini).
La riduzione della velocità, fissando il limite di 30 kmh nelle zone residenziali, porta a un dimezzamento del numero di incidenti gravi e mortali. Se a ciò si aggiungono altri accorgimenti come dissuasori, plateau, chicane, restringimenti delle carreggiate, rotatorie, tutti debitamente segnalati, ecco che la sicurezza nelle zone particolarmente sensibili, come quelle in prossimità di scuole e asili, viene portata a livelli molto più alti, anche perché la velocità del traffico si riduce drasticamente.
Limitare morti e feriti significa anche produrre significativi risparmi sul versante sanitario: l'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che la spesa sanitaria in Friuli Venezia Giulia legata agli incidenti stradali sia di 25,5 milioni di euro; dal punto di vista ambientale viene ridotto l'inquinamento; per quel che riguarda la qualità della vita si creano migliori condizioni per la mobilità pedonale e ciclabile. E dal punto di vista sanitario, mettendo in sicurezza le aree scolastiche e i percorsi casa-scuola si favorisce la mobilità dei bambini, un modo per combattere l'obesità infantile, che è un grave problema sanitario dei nostri tempi.
Questi obiettivi - è stato sottolineato in conclusione - sono previsti sia dal Piano nazionale che dal Piano regionale della sicurezza stradale: ora spetta all'Amministrazione regionale fare la sua parte cercando gli strumenti più idonei per rendere possibili queste cose."

Ultimo aggiornamento Giovedì 13 Novembre 2014 18:13
 
Articoli correlati :

» report su assemblea S.Giovannni d.T.

Si è svolta mercoledì 11 maggio 2022 chiesta dalla cittadinanza. Presenti il Sindaco, gli assessori ai Lavori Pubblici e alla Sicurezza, il Comandante della Polizia Municipale e il Dirigente dell'Ufficio tecnico.Davvero buona la partecipazione...

» Approdo sicuro sotto piazzetta Manin?

Approdo sulla Livenza? Si staglia all'orizzonte un nuovo disastro annunciato?Su quel ramo d'acqua così stretto?Con la sponda praticamente in verticale?Con il parcheggio sopra in piazzetta Manin che già cede? Prova ne sono le crepe nella...

» La storia finita dei Birò

E così mi trovo costretta ad inserire un nuovo articolo nella sezione “per non dimenticare”, perchè a Sacile ormai è definitiva la FINE dei Birò. Una , ma che mai avrei pensato così ingloriosa. A Sacile infatti i Birò, fermi ormai da anni,...

» incrocio via Pordenone: una SVISTA lunga DUE anni

Ancora una volta si è dimostrato che l'amministrazione sacilese, nello specifico caso l'ass. Ceraolo, farebbero meglio a prendere sul serio le segnalazioni di noi semplici cittadini invece di dare subito la colpa “alla burocrazia” oppure di...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Tanti cantieri e tante perplessità

Sono tanti i cantieri attualmente avviati a Sacile e altrettanto numerose sono le perplessità dei cittadini:Senza ovviamente entrare in merito al dibattito tra amministrazione Spagnol e Lega, dove probabilmente la verità sta in mezzo, una cosa...

» da scaricare modello richiesta applicazione DLgs48/20

Facendo seguito che riassume la lunga e penosa questione pubblichiamo la lettera che ognuno di voi può scaricare e inviare alla propria amministrazione.Purtroppo, a parte il Comune di Casarsa che lo aveva fatto al tempo, ho la motivata certezza che...

» Sacile e l'offensiva della mobilità elettrica!!!

Gennaio 2020: dopo mesi di articoli su tutta la stampa locale e nazionale su una situazione di inquinamento ormai gravissima da Torino a Roma, vediamo . Vediamo quale potente offensiva l'amministrazione sacilese sta opponendo ad un'aria dove nei...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» No NEMO??? ahi ahi ahi

Sempre in tema di NON adesione: non mi pare ad oggi di aver sentito annunciare che Sacile ha aderito al e che è stato varato nel giugno del 2017 dalla regione FVG.Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e mira allo sviluppo...