Sacile Partecipata e Sostenibile

comunicato stampa del comitato per la salute pubblica bene comune sul definitivo addio all'Ospedale in Comina PDF Stampa E-mail
Domenica 24 Novembre 2013 16:21

Con la pubblicazione della delibera n. 2072 approvata la scorsa settimana dalla Giunta Regionale sull'Ospedale di Pordenone, abbiamo appreso finalmente, da un atto ufficiale (nero su bianco e non solo con un annuncio in conferenza stampa a metà settembre) che il sito rimane quello in via Montereale dove realizzare "un nuovo ospedale di rilevanza strategica regionale anche con parziale riqualificazione dell'esistente".
La Giunta inoltre, "dopo aver preso atto dell'interruzione del procedimento per l'approvazione del progetto preliminare e della relativa gara" (come proposto dall'Accordo di programma voluto dalla Giunta Tondo ma decaduto per la non firma del Comune di Pn), decide che la realizzazione di quest'opera avverrà con il ricorso all'appalto diretto sostenuto solo da quanto stanziato a bilancio.
Oggi, come Comitato promotore, possiamo finalmente così avvisare i quasi 2300 cittadini pordenonesi che il Referendum consultivo NON si farà più, non è più necessario!

Il Sindaco di Pn non ha ancora deciso la data della consultazione nè ha deciso, dopo mesi di sollecito, se incontrarci o meno: non serve più!
Con questa delibera regionale, di fatto non ci sono più i presupposti della consultazione perchè la Regione non propone più la variante della Comina! E' lufficializzazione di un grande risultato a cui abbiamo lavorato per mesi assieme a migliaia di cittadini, fin da febbraio quando da soli ci siamo battuti contro la maggior parte delle Amministrazioni pubbliche e gli interessi di grandi categorie economiche e di oligarchie locali.

Certo, non sono ancora chiari molti aspetti procedurali su cui, come cittadini, vorremmo poter intervenire e fare osservazioni ma anche proposte affinchè questa grande opera pubblica non sia, come spesso accade, presentata come fatto compiuto, ma diventi frutto di un confronto dove i suoi beneficiari possano condividere, con amministratori e professionisti, le linee fondamentali.
In questo senso ci piacerebbe capire di quali "servizi" sarà dotato l'Ospedale di Pn,  come questa struttura dialoghi con quelle simili esistenti e che non dovranno chiudere o abdicare alle loro funzioni di base (Sacile, Maniago, Spilimbergo, S.Vito), di quali momenti riabilitativi sarà riempito e di come potrà svolgere funzioni di prevenzione o possa dialogare con la medicina territoriale; vorremmo capire  di quanta nuova area edificabile avrà bisogno, a partire da una più ampia possibile riqualificazione dell'esistente per funzioni ospedaliere e/o sanitarie in senso lato e magari soddisfare esigenze altre (del quartiere, di sede di associazioni, dei vari servizi anche amministrativi delle attuali due Aziende Sanitarie abbattendo costi di locazione....).

In questo senso anche dopo l'assemblea dello scorso 7 novembre, il Comitato continua il suo percorso di raccolta di opinioni dei cittadini (a fine mese nuovo incontro pubblico aperto a quante/i hanno firmato la richiesta del Referendum e la Petizione), di studio dei vari aspetti (sanitari, progettuali-urbanistici, amministrativi) e conseguente elaborazione di proposte da sottoporre a Regione, Comune, Azienda Sanitaria Ospedaliera a cui è stata affidata la progettazione.

COMITATO SALUTE PUBBLICA BENE COMUNE

Ultimo aggiornamento Domenica 24 Novembre 2013 16:24
 
Articoli correlati :

» Sospeso report mensile inquinamento a Sacile

Carissimi lettori e sostenitori, in particolare quelli sempre molto attenti alle gravi problematiche dell'inquinamento. Purtroppo per ora non so SE e QUANDO si potrà ripubblicare puntualmente mese per mese il pdf che vi mostrava ogni nel modo più...

» Nessuna risposta dopo un mese per S.Giovanni d.T.

Purtroppo siamo alle solite. Finché si tratta di generiche promesse tutto è facile, ma quando si chiedono informazioni precise la risposta è fin troppo spesso il silenzio nella speranza che i cittadini si dimentichino.La promessa di sistemazione...

» La storia finita del Liceo Musicale a Sacile

E così, con il mancato numero di iscrizioni per l'anno scolastico 2022-2023 si chiude purtroppo irrevocabilmente il capitolo per il tanto atteso Liceo Musicale nella nostra città, una città che in fatto di tradizione musicale non sta dietro a...

» Il risveglio tardivo della Lega pordenonese

Un pò nella tradizione della facilità con cui si possono, il 23 gennaio leggiamo sulla stampa che Sindaci e amministratori della Lega del Friuli occidentale hanno incontrato il Presidente della regione, Fedriga, per “sancire il filo diretto tra...

» incrocio via Pordenone: una SVISTA lunga DUE anni

Ancora una volta si è dimostrato che l'amministrazione sacilese, nello specifico caso l'ass. Ceraolo, farebbero meglio a prendere sul serio le segnalazioni di noi semplici cittadini invece di dare subito la colpa “alla burocrazia” oppure di...

» Tanti cantieri e tante perplessità

Sono tanti i cantieri attualmente avviati a Sacile e altrettanto numerose sono le perplessità dei cittadini:Senza ovviamente entrare in merito al dibattito tra amministrazione Spagnol e Lega, dove probabilmente la verità sta in mezzo, una cosa...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» I risultati delle "riforme" nel lungo periodo

Ecco il risultato nel lungo periodo della "riforma Serracchiani". Nel lungo periodo sottolineo. Quindi ormai nessuno può dire che eravamo "nostalgici e prevenuti" e che "negli anni si vedranno i risultati".Di solito questi titoli, che già dovevano...

» Annunciato pericolo a San Giovanni del Tempio

Si stanno ormai sistemando gli esterni della all'entrata est del Comune Sacile da dove entrano ed escono i residenti di San Giovanni del Tempio provenienti da Pordenone da quando la in via dei Masi. Dal momento ormai che il problema è ammesso da...

» Telecamere nella case di riposo del FVG?

Invece di buttare soldi in telecamere meglio e in nuovi posti letto di Case di riposo pubbliche. Sono ormai quasi 20 anni che da un lato a varie conferenze ci mostrano grafici che attestano l'aumento esponenziale della popolazione anziana e che...