Sacile Partecipata e Sostenibile

comunicato stampa del comitato per la salute pubblica bene comune PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Agosto 2013 22:27

Ognuno è libero di presentar idee e proposte raccogliendo  firme a proprio sostegno, anche chi come Michelangelo Agrusti solo qualche mese fa sbeffeggiava le iniziative del “Comitato per la salute pubblica bene comune” dicendo che <<tutti a Pordenone sono capaci di fare petizioni…si sa che i cittadini escono di casa con una penna in tasca pronti a firmare qualsiasi cosa>>

Ma bisognerebbe non eccedere in bugie arrivando a far credere che così “il vecchio sito (l’attuale sede di via Montereale) può esser recuperato per ospitare la cosiddetta Cittadella della salute, risparmiando denaro e abbattendo edifici inutilmente per recuperare aree verdi". Questo nel punto 9 dell'appello dei "Koministi" (assocciazione "temporanea" d'impresa tra categorie industriali ed esponenti del cdx provinciale).

Ricordiamo, innanzitutto, che per la “Cittadella della salute” c’è già un Accordo di programma tra Regione e Comune con stanziamenti programmati e progetto per l’area finale di via Montereale.

Ma (cosa gravissima), nel manifesto di tale nuova raccolta firme “casualmente” ci si dimentica (???) di dire quanto costerebbe tale trasferimento: solo

nella prima delle tre fasi della progettazione considerata dalla precedente Giunta Tondo/Ciriani si indicavano necessari 274 milioni più quelli per le opere della viabilità, delle primi sottoservizi ed il costo dei progetti già pagati, per un totale di circa 300 milioni di euro. E sappiamo come il passaggio alle altre fasi della progettazione (definitivo ed esecutivo) avrebbe comportato un consistente aumento dei costi a cui vanno aggiunti quelli dell’acquisizione di un area che è ancora tutta privata con numerosi proprietari alcuni dei quali si sono già rivolti ad un noto avvocato. Insomma non siamo molti distanti dai 500 milioni ipotizzati giorni fa in alcuni servizi giornalistici.

500 milioni contro i meno di 200 per un progetto di ampliamento e ristrutturazione di un “nuovo” ospedale all’interno del sito di quello attuale.

Insomma quasi 300 milioni in più per il trasferimento come fanno a diventare  un risparmio di denaro per la collettività? 

Che il Presidente  degli Industriali (non dovrebbe essere “super partes” quest’associazione?), Michelangelo  Agrusti, non sappia fare i conti?

In realtà li sa fare anche adesso molto bene:  si riferisce “semplicemente” al tanto denaro che guadagnerebbe la “finanza di progetto”, la finanziaria nazionale o internazionale, che realizzerebbe tale cementificazione di 20 ettari di area agricola, facendosela pagare per decenni due o tre volte il costo iniziale dai pordenonesi.

Ma bisogna avere il coraggio di dirlo e sostenerlo pubblicamente: noi siamo pronti al confronto! Non così Pedrotti e Ciriani che non hanno risposto alla nostra proposta di indire un Consiglio comunale e provinciale, congiunto o separati, con l’invito alla Regione, per presentare e discutere  i quadri economici delle due proposte. 

COMITATO PER LA SALUTE PUBBLICA BENE COMUNE - Pordenone







 

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Agosto 2013 20:03
 
Articoli correlati :

» Annunciato pericolo a San Giovanni del Tempio

Si stanno ormai sistemando gli esterni della all'entrata est del Comune Sacile da dove entrano ed escono i residenti di San Giovanni del Tempio provenienti da Pordenone da quando la in via dei Masi. Dal momento ormai che il problema è ammesso da...

» Esposto su ritardo ambulanza

AL PREFETTO DI PORDENONE                                                                                                              Sacile, 29/03/18Oggetto:...

» Parcheggi ROSA ... cercasi

Nello stile di SPS, cioè pazienza tanta che tanto tutti i nodi vengono al pettine su segnalazioni che ci danno ragione, ... ecco che tocca tornare sulla Una questione che era destinata a non andare oltre il solito annuncio di questa amministrazione...

» Sanità: noi "come in Ighilterra", ma non c'è nulla di buono

Sarà stato destino? Sarà stato un caso? Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi? Chissà, sta di fatto che oggi, 14 gennaio 2014, sulla stampa locale il direttore generale della nostra AAS5, Giorgio Simon, in riferimento al provvedimento di...

» imminente intasamento del PS di PN: allo studio modalità per ... girare la frittata

Apprendiamo che un gruppo di 20 esperti si sta occupando di come prevenire l'imminente formarsi della solita calca al Pronto Soccorso di Pordenone secondo la procedura di analisi denominata "lean management", che segue un modello di pensiero...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» Pronto Soccorso e mezze risposte

Davvero difficile credere che qualcuno ancora si stupisca della situazione che in queste settimane si è creata al Pronto Soccorso di Pordenone. Sovraffollamento seguito a ruota dal sovraccarico del reparto di Medicina.Partiamo dal secondo: cosa...

» Referendum costituzionale - I CONTENUTI DELLA RIFORMA

» nuovo dubbio sul PPI?

A SPS sorge un nuovo dubbio sul futuro dell'ex Pronto Soccorso, oggi (ma!) PUNTO di PRIMO INTERVENTO:dal momento che nella Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.70 del 2.4.2015 nel quale è scritto che "LA FUNZIONE DEI PPI...

» Dire che il piano aria dei 10 comuni è comico sarebbe un complimento

Definirlo "comico" si potrebbe se non si trattasse di una tale gravità. Gli amministratori dei 10 Comuni presenti del pordenonese hanno fatto una sola cosa nuova: mettersi insieme.Primo provvedimento che andava fatto già anni fa. Primo aspetto...