Sacile Partecipata e Sostenibile

e perderemo anche la riabilitazione PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Dicembre 2013 17:42

SPS si associa alla preoccupazione, o forse meglio ormai dire chiaramente rabbia, dei sacilesi. Certo abbiam cercato invano, insieme all'ARS, di tenere alta l'attenzione in questi anni, seguendo sempre le segnalazioni dei cittadini su vari disservizi, ma pensavamo che i vari problemi appartenessero al solito problema del funzionamento sempre più affaticato di un sistema sanitario che arranca come può e si salva solo per la dedizione delle maggior parte degli operatori.
Quello che ora pare essere l'inevitabile scenario non lascia molta scelta di interpretazione: basta leggere nel decreto 359 quando si dice chiaramente “La struttura di riabilitazione intensiva è di norma collocata presso un presidio ospedaliero plurispecialistico, ove siano già presenti funzioni di ricovero e cura ad alta intensità diagnostica ed assistenziale, o monospecialistico di riabilitazione”.
Quel servizio avviato a Sacile il 26 settembre 2011. Solo due anni e tre mesi fa.
E basta leggere di seguito che a tal fine sono considerati “a norma” San Vito e Spilimbergo, mentre per Sacile la sentenza è “non a norma (è ipotizzabile la allocazione al terzo piano del padiglione B a Pordenone)”. Come dire, OK alla riabilitazione, ma dove c'è alle spalle un Ospedale vero, con i suoi reparti e il suo Pronto Soccorso.

Allora siamo noi di SPS ad essere “ospedalocentrici” o lo dice il vertice della Dirigenza Tecnica?
Le speranze son davvero poche. Forse le avremmo avute, bisogna dirlo, solo se fosse ancora Sindaca Gina Fasan. Perchè per quanto riguarda le ultime due amministrazioni l'impressione è stata più quella che nessuno doveva dar fastidio al manovratore di turno in regione, prima centro-sinistra, poi centro-destra. Diversamente sulla stampa negli anni le decise prese di posizione dei Sindaci di San Vito e di Spilimbergo, molto più presenti in prima linea a difendere gli Ospedali di nome e di fatto delle loro comunità.

Ma vediamo un pò cosa ci veniva detto sulla stampa locale tra il 25 settembre e il 31 dicembre del 2011:

"Dopo tagli e voci di chiusure, domani l'Ospedale vivrà un momento di rilancio: l'avvio del reparto di degenza di riabilitazione."
"Se il progetto si dimostrearà efficace, c'è da parte dell'Azienda Ospedali riuniti la precisa volontà di ampliarlo con l'integrazione di altre attività e arrivare all'attivazione dei 15 posti letto destinati dalla Regione, così da farne il centro provinciale di riabilitazione."
"Sanità, Sacile nel 2011 è stata modello vincente."
"La Medicina di Sacile ha aumentato nel 2011 il numero dei ricoveri."
"Attualmente sono 8 i posto letto occupati dai pazienti in degenza riabilitativa intensiva, che a regime diventeranno 15, così come previsto dal Piano regionale della riabilitazione."
"Per il futuro la strategia aziendale prevede la fusione della Cardiologia preventiva di Pordenone con quella riabilitativa di Sacile in un'unica struttura Preventivo-Riabilitativa che afferirà al costituendo Dipartimento di Cardiologia. Superfluo sottolineare l'importanza di questa tipologia di offerta che avrà sede a Sacile."

Detto.
MA
fatto altro però - dai vertici - a fine 2013.

D'altra parte han avuto gioco facile: purtroppo in questi anni NESSUN documento ufficiale in Regione documenta la reale esistenza del "Modello Sacile".

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Dicembre 2013 20:36
 
Articoli correlati :

» Sospeso report mensile inquinamento a Sacile

Carissimi lettori e sostenitori, in particolare quelli sempre molto attenti alle gravi problematiche dell'inquinamento. Purtroppo per ora non so SE e QUANDO si potrà ripubblicare puntualmente mese per mese il pdf che vi mostrava ogni nel modo più...

» Primo comunicato stampa elezioni 2022

Alleanza Verdi Sinistra e Sacile Partecipata e Sostenibile: a Sacile è tempo di voltare pagina.Le recenti elezioni politiche hanno restituito anche a la presenza importante della sinistra ecologista e dei diritti, nel più ampio schieramento...

» Nessuna risposta dopo un mese per S.Giovanni d.T.

Purtroppo siamo alle solite. Finché si tratta di generiche promesse tutto è facile, ma quando si chiedono informazioni precise la risposta è fin troppo spesso il silenzio nella speranza che i cittadini si dimentichino.La promessa di sistemazione...

» La storia finita, la storia INfinita e i prefabbricati per il Pujati

Cari lettori e sostenitori, so che ormai non vi preoccupate se il titolo vi sembra strano, perchè sapete che di seguito tutto verrà spiegato E provato nei dettagli.Andiamo per ordine:1) La storia finita è quella per cui dobbiamo tutti tirare un...

» inghippo nella riscossione tributi tramite l'AdE

Si pubblica volentieri di seguito la segnalazione di una cittadina sacilese:"Ma cosa c'è di più distensivo che andare al giovedì al mercato a Sacile?Il giro della piazza, le bancarelle, gli incontri casuali, fermarsi a bere un caffè e ascoltare...

» Risposta all'assessore alla sicurezza

Figurarsi se nn so che il Comando di Maniago è capofila di 6 Comuni associati e lo sanno tutti i cittadini che leggono il giornale perchè è sotto gli occhi di tutti. Perciò non perdo tempo a dire cose ovvie solo perchè non ho altri argomenti da...

» No corpo Polizia Municipale? Ahi ahi ... no finanziamenti!!!

Certamente gli articoli sulla stampa locale si lasciano scrivere e non possono che riportare quel che gli amministratori locali ufficialmente comunicano. Ciò non toglie che però noi cittadini sfogliamo tutte le pagine del giornale che abbiamo in...

» La storia finita del trasferimento della Collodi

E così è sfumata la possibilità di trasferire dalla sede dell’Aporti in un nuovo edificio scolastico la scuola dell’infanzia Collodi. Questo avrebbe permesso ai bimbi di avere una struttura adeguata ai moderni standard ambientali ed educativi...

» Incidenti 2021

Sono in totale 74 gli incidenti avvenuti nel 2021 nel nostro territorio comunale. 44 i feriti. Purtroppo mancano da alcuni anni i numeri della Polstrada, perchè il sistema in cui inseriscono i dati è regionale e risulta complicato estrarre i...

» Ipso facto, riforma costituzionale e giardinaggio nel giardino della Serenissima

Si pubblica con piacere il seguente articolo di Andrea GazzettaProbabilmente è solo una strana coincidenza, eppure suscita un po di sconcerto, dopo pochi giorni dall'approvazione delle modifiche alla Costituzione in materia di tutela...