Sacile Partecipata e Sostenibile

Edilizia scolastica ... alcune questioni in sospeso. PDF Stampa E-mail
Domenica 03 Giugno 2012 07:38

scuola imgIn seguito al terremoto dell’Emilia, percepito distintamente anche nel nostro territorio, alcune riflessioni sono d’obbligo. Partiamo dal presupposto fiducioso che in FVG gli edifici pubblici siano a norma, ma ci chiediamo, dove sta come al solito il confine tra il rispetto della norma e quell’attenzione in più che non è mai troppa e può spesso fare una grande differenza? Le nostre scuole in questi anni sono state sottoposte a regolari manutenzioni e messe a norma, ma quante volte il “dovuto” potrebbe essere arricchito dal valore aggiunto di una “riqualificazione”? Pensiamo ai molti edifici che sicuramente hanno la loro uscita di sicurezza, ma che potevano essere dotati in ogni aula di una porta, non solo a pianterreno ma anche al primo piano verso una passerella esterna che scorra lungo la facciata.

Le scale ci sono, ma sono ampie abbastanza? Le porte a spinta verso l’esterno ci sono, ma non finiscono magari contro una balaustra troppo stretta? E le porte delle classi stesse si aprono facilmente?

Insomma, ci sarebbe sicuramente la possibilità di andare ben oltre la “norma di legge”. Naturalmente si dirà subito che mancano i fondi, ma quando c’erano si son spesi altrove. Oggi un grande intervento riqualificante dal punto di vista della sicurezza, del risparmio energetico e della salubrità ambientale darebbero impulso all’economia e le spese verrebbero ammortizzate in pochi anni.

Diciamocelo chiaramente: le scuole sono grigie, tristi, ravvivate all’interno dal lavoro delle maestre, ma per il resto… Quante scuole hanno avuto la palestra dopo l’introduzione dell’educazione motoria? I programmi sono cambiati ma quante scuole sono state dotate di aule speciali, per l’educazione artistica, musicale, multimediale, ecc.? Quanto si è dovuto aspettare per avere spazi mensa decorosi? E come non si è potuto negli anni sostituire quel grigio e polveroso ghiaino dei cortili con un salubre verde?

A Sacile si parla da anni a due cifre di scuole nuove, si spendono soldi per le progettazioni che restano nel cassetto e si passano 5 anni di amministrazione a decidere dove collocare una scuola nuova. Poi tutto resta lì.

E intanto a nessuno importa che al plesso della G.Deledda ci sia un odore di mensa che toglie il respiro quando si entra, che alla Marconi ci sia un’acustica da mal di testa e che ai bimbi della De Amicis sia stata realizzata la mensa esterna senza nello stesso momento collegarla con una semplice pensilina all'edificio scolastico.

La qualità dei luoghi dedicati ai nostri bimbi rispecchia la sensibilità di noi adulti.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Giugno 2012 08:46
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...