Sacile Partecipata e Sostenibile

Sacile: esondazione continua ... siamo al fianco delle famiglie che passeranno il Natale con l'acqua in casa! Basta con il consumo indiscriminato di territorio, la sostenibilità ambientale dell'urbanistica è l'unica garanzia per salvaguardarci. PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Dicembre 2010 18:06

 

img-articoloAltro che evento eccezionale, non sono passati nemmeno due mesi e Sacile è di nuovo sotto acqua.

E dal momento che ora nessuno potrà più dire che si tratta di un caso la decisione da prendere è una sola: congelare tutte le previsioni urbanistiche!

La gravità è evidente tanto più che sempre più spesso la natura sta mettendo in discussione anche studi accurati e recenti come la Valutazione Ambientale Strategica del 2008, uno dei documenti allegati alla Variante 54, dove si afferma che  “i giorni di pioggia registrano un massimo nel periodo maggio - giugno ed un minimo nella stagione secca invernale (dicembre - febbraio)” !!! E probabilmente si può ritenere ampiamente datato, dopo soli 15 anni, l’ultimo studio geologico generale comunale sulla  valutazione del fenomeno esondativo nel territorio comunale fatto nel 1995.

La VAS spiega molto bene che il Livenza ha la caratteristica di scorrere entro una pianura con una pendenza molto bassa, per cui ha un andamento “meandriforme”. Questa meandrizzazione è legata alla velocità dell’acqua, a fenomeni di sedimentazione e di erosione, a spostamenti  laterali dell’alveo che determinano migrazioni e spostamenti delle anse.

E’ chiaro che questo significa riconoscere che i corsi d’acqua sono per loro natura dinamici. Finchè si trattava del Giardino della Serenissima, limitato all edificazione del nostro bellissimo centro storico, attorniato da una grande distesa di campi, ovviamente nessun problema. Ma quel che è stata l’autostrada dell’urbanistica degli ultimi 50 anni la nostra città lo sta pagando ora. E comunque nessun politico (Destra e Sinistra sempre uniti) pare ancora voler scendere da questa autostrada.

Eppure si dice nella VAS che “il corso d'acqua ha generalmente perso la sua naturalità, la bassura è stata colmata riducendo la possibilità del corso d'acqua di continuare la sua evoluzione (migrazione dei meandri), obbligandolo ad un percorso forzato”.  Come testimoniano le carte del catasto austriaco sono spariti due importanti meandri, uno llocalizzato nell'area attualmente occupata dall'ospedale, l’altro nella zona del cimitero di Sant'Odorico, mentre “nel tratto in cui il Livenza attraversa il centro urbano di Sacile, la depressione non esiste quasi più, alterata dallo sviluppo della città”.

Non a caso dove la naturalità dei corsi d'acqua è salvaguardata si è mantenuta una buona densità del reticolo con frequenti ramificazioni dei corsi d'acqua principali e secondari che permettono il deflusso naturale, mentre dove lo sviluppo della rete idrografica (in particolare sulla destra Livenza) è decisamente meno denso e si è proceduto a frequenti rettifiche e tombature dei corsi d'acqua, sintomo evidente dell'impronta dell'urbanizzazione, le acque esondano.

Se a ciò aggiungiamo che il Livenza viene definito come “impluvio idraulico” per il suo forte richiamo dell'acquifero circostante e che gran parte della falda ha la caratteristica di essere limo-argillosa sabbiosa, e quindi meno permeabile di un fondo ghiaioso, si capisce bene che se diffcilmente può penetrare in giù l’acqua sale verso l’alto.

La situazione è grave. Punto e basta. Stop al consumo di territorio a Sacile!!!

Ultimo aggiornamento Domenica 05 Gennaio 2014 18:32
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...