Sacile Partecipata e Sostenibile

Gelsenkirchen, una delle tante città solari... di fatti e non parole PDF Stampa E-mail
Giovedì 18 Dicembre 2014 22:21

Dopo avervi raccontato di Werfenweng, di St. Veit e di Feldheim, vi presentiamo Gelsenkirchen, città di ben 260.000 abitanti (di cui oltre 17.000 stranieri) nel Land tedesco Nordrhein-Westfalen.
Perchè vogliamo provarvi che i grandi cambiamenti si possono fare in città di qualsiasi dimensioni.
Perchè sono la volontà politica e le idee dei cittadini che contano.

Ecco dunque la "città solare" di Gelsenkirchen.

Ed ecco la storia, o meglio, la storia di come ci sono luoghi dove le parole non volano al vento, ma si trasformano in FATTI:
A Gelsenkirchen, grossa città della zona della Ruhr, altamente inquinata e imperniata sull'estrazione e lavorazione del carbone, il cambiamento inizia nel 1989, quando la fiera internazionale dell'edilizia si svolge all'insegna della sostenibilità ('89!) e si chiude con l'impegno (preso una volta sola...!) di dedicare i 10 anni seguenti ad un cambio di paradigma nei futuri interventi strutturali sulla città che deve coinvolgere tutti (!).
Tra le prime decisioni si prende quella di dar vita ad un centro di ricerca. Così sarà. Il parco scientifico verrà inaugurato 6 anni dopo. La sua realizzazione è costata 44 milioni di Euro e la città di Gelsenkirchen detiene ancora oggi il 51% del capitale.

Un anno dopo, nel 1996, vi si trova l'insediamento di diverse imprese del settore dell'energia, la maggior parte orientate al fotovoltaico. A dimostrazione della scelta viene inaugurato il più grande tetto solare al mondo, con un investimento di 3 milioni di Euro e una potenza di 210 kWp.
Nel 1997 la città aderisce a Agenda 21, nello specifico al programma “energia e salvaguardia del clima” e nel 1998 viene avviato un progetto di riconversione, formazione ed aggiornamento per disoccupati. Al tempo stesso gli amministratori, il Consiglio Pastorale evangelico, imprenditori, artigiani, professionisti e la cittadinanza tutta avviano un percorso di progettazione partecipata, chiamato “Tavolo Solare”.
Nel 1999 inizia la sua produzione la Shell Solar Deutschland GmbH (oggi, Scheuten Solar Cells GmbH), una delle più avanzate imprese di cellule fotovoltaiche del mondo. Nello stesso anno vengono consegnate le prime abitazioni del primo complesso residenziale solare della zona della Ruhr.
(Come vedete, sono passati 10 anni dall'impegno preso nel 1989 e già le parole si son tradotte in buone pratiche!)
Tre anni dopo, nel 2002, sono pronte le prime case dell'allora più grande quartiere completamente ristrutturato: il complesso residenziale popolare Lindenhof, che ottiene anche il primo premio al concorso nazionale “energia solare in casa”.
Nel 2004 viene inaugurato il grande centro “RuhrEnergy” per accogliere visitatori da tutto il mondo e scambiarsi know-how in tema di energia sostenibile. Nello stesso anno sul tetto di una scuola media viene installato il primo impianto solare con azionisti un gruppo di cittadini.
Nel 2006 viene coperto il tetto della stazione centrale con un impianto da 10,5 kWp. Imprese, associazioni e cittadini finanziano un progetto solare in Sudafrica.
Il 2008 vede la copertura di 10.000 metri quadri con 1.764 pannelli solari per una potenza di 362 kWp di uno degli edifici del centro logistico; due mesi dopo si inaugura forse la più strana centrale elettrica solare: 335 kWp sopra quelli che una volta erano i magazzini di carbone, mantenuti come testimonianza di archeologia industriale; viene pubblicato il primo “catasto solare”, consultabile da tutta la cittadinanza, cui seguirà un anno dopo il primo “atlante solare”.
Nel 2008 nasce il più grande complesso residenziale solare della Germania, che conta su una potenza di 794 kWp.
Nel 2010 si inaugura il più grande impianto fotovoltaico con 1 Mwp. Ma si pongono anche le basi per i primi due impianti a energia eolica che oggi producono 12 Gwh di energia l'anno e forniscono energia a circa 3.500 nuclei famigliari.
Nel luglio del 2011 viene sottoscritto con tutti i produttori di energia cui fa riferimento la città l'impegno a ridurre del 25% le emissioni di CO2 entro il 2020. Incentivando anche l'uso della mobilità elettrica: non solo con mezzi pubblici moderni, ma anche con la possibilità di avere "auto di condominio", leggi car-sharing, ad es. per persone anziane che prendono la macchina poche volte.

Cari lettori, capite bene, che la politica deve tracciare la via giusta non quando l'acqua ormai è alla gola, ma quando i problemi sono appena appena intuibili, quando i mezzi finanziari ci sono ancora, quando l'intelligenza collettiva della popolazione non è stremata da apatia, disillusione e astio nei confronti della politica.


Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Dicembre 2014 12:06
 
Articoli correlati :

» come un granello di sabbia diventa una guerra

Il semplice prolungamento di un sottopassaggio.Il paradosso dell'ennesima brutta pagina politica di Sacile: per un intervento che non sarebbe costato un solo Euro all'Amministrazione precedente, quella del Sindaco Ceraolo, oggi assessore ai lavori...

» le nostre segnalazioni per il PAES

Premesso che in questi anni non abbiamo messo alcun bel cappottino a nessun edificio pubblico e che l'illuminazione a LED ormai sta spopolando (e non sempre senza problemi), abbiamo comunque cercato di dare un piccolo contributo alla riduzione delle...

» I documenti si lasciano mirabilmente scrivere

"Gli  impianti  solari  fotovoltaici  possono  essere  installati  in  facciata,  su  coperture  piane  e  su  falde inclinate, (...)" recita il Regolamento comunale per il risparmio energetico e l'Edilizia sostenibile del Comune di...

» Case di luce ... e di speranza!

CASE DI LUCE è il nome del complesso condominiale di ben 61 appartamenti del progetto di rigenerazione urbana sostenibile ed architettura zero energy nel Comune di Bisceglie.Finito nell'ottobre 2016 si tratta del  complesso abitativo in canapa e...

» cosa si fa a ... Bremerhaven ... e cosa a Sacile

Cos'è questa meraviglia?La Casa del Clima di Bremerhaven è più di un museo: è un luogo di saperi e di esperienze che ruotano attorno al tema del clima, dei cambiamenti climatici e della meteorologia. Su una superfice di 11.500 m2 ci avventuriamo...

» Solare? Sì, grazie!

In aggiunta ai , ecco i maggiori parchi solari della Germania realizzati su aree dismesse (spesso ex poligoni o aeroporti militari):Complesso solare di Senftenberg  Produzione: 166 MWp Inaugurato: 24 settembre 2011     Aeroporto di...

» Speriamo di farcela?!

Speriamo di farcela a partecipare al che destina 10 milioni per l'efficientamento energetico delle scuole!Speriamo non vada a finire come al solito, con Sacile che brilla per assenza alla partecipazione o per eventuale presenza, ma solo nelle...

» centralina di rilevazione inquinamento o ... frullatore?

Sarebbe troppo facile far notare l'ennesima segnalazione di SPS rivelatasi fondata.NO, quello che svilupperemo in questo articolo è la vicenda degli annunci, dello spostamento, dei tempi e del funzionamento, o meglio, del non-funzionamento (e...

» il più grande distributore elettrico

Oltre ai parcheggi muniti di colonnina di ricarica elettrica, contrassegnati in verde e posizionati in città, nei centri commerciali e nelle nuove aree industriali, è stata da poco inaugurata a Villach la più grande stazione di distribuzione di...

» Zona 30: beneficio 5

Segue i benefici 1, 2, 3,. Il beneficio numero 5 del 30 all'ora è: strade di città davvero SENZA BARRIERE!Innanzitutto perchè la PRIMA BARRIERA per qualsiasi utente non motorizzato della strada è LA VELOCITA'. Questo lo capisce anche un bambino,...