Sacile Partecipata e Sostenibile

Ha senso tra qualche anno che la nostra Amministrazione sia ancora "pubblica"? PDF Stampa E-mail
Domenica 16 Dicembre 2012 12:09

Mah, visto che ci troviamo dinnanzi all'ennesimo annuncio di cedere patrimonio pubblico ai privati, dopo aver ceduto quasi tutti i servizi, si potrebbe direttamente pensare di prepararci a farci amministrare tra qualche anno da un bravo Manager assistito da un bravo Ragioniere e fine!
Abbiamo ceduto negli anni praticamente tutto a soggetti esterni, cooperative, società private o pubbliche o miste (ovviamente anche se interamente pubbliche con il loro ben pagato CdA) che di conseguenza ci costano anche tempo e danaro dedicati a bandi di gara, appalti e magari conseguenti spese legali.
Il tutto, come ci han fatto credere quando questa nefasta spirale è iniziata, per rendere più economico, efficiente ed efficace il sistema pubblico.

Il RISULTATO lo vede anche un bambino.

Ora SPS giudica gravissima quella che speriamo non vada oltre una mera dichiarazione di intento, cioè disfarci di Palazzo Ettoreo, della Farmacia Comunale, dell'ex Distretto Militare e di chissà cos'altro fra breve.

Da imputarsi ad un evidente fallimento politico-amministrativo datato negli anni, magari quando i fondi c'erano, eccome, ma si son buttati in altro (come l'enormità costata per la pomposa Via Cavour, con pietra d'Istria, basamento di marmo dei lampioni, con palle e colonnine lungo il marciapiede, presto sparite,con ciotolato ad oggi pieno di cicche e nero di smog: oggi così palesemente degradata! come il "giardino all'Italiana" dell'Ortazza e il parcheggio in porfido e Pietra d'Istria presto deteriorata di Foro Boario, come la pavimentazione della piazza di Sacile o di piazza del Duomo, dopo poco da rifare di sana pianta, ecc).
Non aver saputo in tempi non difficili premunirsi per il futuro, non aver saputo ricorrere subito all'utilizzo di fondi europei (che mettono l'Italia e il FVG molto indietro rispetto all'uso che ne fanno i paesi nostri diretti confinanti, compresa la Carinzia).
Ora il Sindaco dice che la regione ha badato poco a Sacile. Ma deve spiegarcene lui la ragione, visto che appena vinte le elezioni aveva dichiarato che sarebbe arrivata "una pioggia di denaro dalla regione".

Da parte nostra abbiamo tenuto conto in questi anni delle elargizioni regionali che non vedevano in elenco la nostra città (articolo "L'Amministrazione deve insegnare dove e come reperire contributi") e in effetti ce ne siamo persi parecchi.

Un Comune deve possedere un patrimonio "materiale". Altri Stati europei non ci hanno mai rinunciato. E significa controllare meglio la bolletta dei rifiuti, asfaltare più rapidamente una strada, mantenere bene il verde pubblico, dare ambienti sicuri alle scuole provvedendo immediatamente alla manutenzione, riparare subito una tubatura, installare le luminarie natalizie, ecc. e soprattutto, contare su un gran numero di posti di lavoro (v. nostro articolo "Neve...! E siamo alle solite")

NO dunque alla perdita di altro patrimonio storico, artistico, naturalistico o legato ai servizi al cittadino di Sacile!

Ultimo aggiornamento Sabato 29 Dicembre 2012 18:05
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...