Sacile Partecipata e Sostenibile

i dubbi ... sulla futura efficacia PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Agosto 2015 09:25

Confermando la premessa del precedente articolo passiamo al secondo punto:
2) Gli interventi sulla viabilità ci fanno persistere nel forte dubbio sulla reale visione organica di questa amministrazione in fatto di sicurezza stradale e di qualità e vivibilità per tutti i cittadini non al volante.
Si può sicuramente promuovere la realizzazione del marciapiede che dall'incrocio con via Balliana porta al ponte Lacchin, così come il percorso che costeggia la rotonda (che resta pericolosa!) di S.Odorico a va verso via Bertolissi, nonchè gli attraversamenti pedonali rialzati, NON condividiamo certo - come ormai tante volte detto e motivato - la scelta dei sensi unici e ci dichiariamo fortemente preoccupati per quanto segue:

a) non è stata applicata al tempo stesso la moderazione della velocità su ampia scala
b) la realizzazione di quelli che chiamiamo da sempre "spizzichi" di pista ciclabile (di tutti i generi, da quelli sul marciapiede, a quelli delimitati solo da striscia gialla, a quelli delimitati da cordoli, altri da paletti, da occhi di gatto, e altro ancora) induce ad una fuorviante parvenza di sicurezza ed è in realtà pericolosa. In particolare, circolare per un tratto sul marciapiede induca a proseguire anche dove non esiste alcuna corsia di ciclabile: anche in questo caso le lamentele sui ciclisti che a PN corrono sui marciapiedi non destinati a ciclabile dovrebbero insegnare. Ma no.

Per chi non ricorda l'auto che ha saltato la siepe e ha abbattuto la panchina in viale Trieste all'incrocio con via Marconi, o non ricorda il camion che ha saltato il cordolo a si è infilato nella recinzione di un giardino di via Ronche, o non ricorda il camion che ha saltato il cordolo della ciclabile sulla Pontebbana e divelto la ringhiera all'angolo del ristorantino "Le Tentazioni", portiamo come nuovo esempio l'abbattimento della colonnina che era stata appena piazzata per sicurezza dell'attraversamento pedonale di fronte alla chiesa di San Liberale:


Ecco dunque provato in tutti questi casi (e purtroppo ce ne aspettiamo altri) che SENZA APPLICARE AL TEMPO STESSO LA MODERAZIONE DELLA VELOCITA' NON ESISTE SICUREZZA.

 

 

 

 

 

 

 

c) Il terzo aspetto per cui non condividiamo gran parte degli interventi effettuati è la loro "ipoteca sul futuro": si tratta infatti di un generosissimo investimento in ... vernice!
Dopo che da anni ci sentiamo dire da tutte le amministrazioni che "non ci son soldi per rifare la segnaletica orizzontale" con questo intervento ci mettiamo un cappio al collo perchè dopo pochi mesi la vernice sarà sbiadita e dovremmo regolarmente manutentare il tutto. Anche questo lo dimostra già uno dei passaggi pedonali realizzati per primi (comunque meno di un anno fa), come quello di fronte alla stazioncina di San Liberale:

 

Ecco dunque che, come abbiam sempre detto, partendo da un progetto organico e di lungo respiro per la città, unitamente al reperimento di fondi europei (e ci sono) o, meglio ancora, dei fondi messi a disposizione dal bando regionale per il 30km/h (che come al solito SPS ha segnalato in anteprima), si sarebbero realizzati interventi DURATURI anche in fatto di "colorazione" e di "arredamento stradale" di attraversamenti, corsie, incroci, parcheggi, ecc. (vedi i nostri articoli sui "benefici" del 30 all'ora).

 

 

 

Se a questo sommiamo l'inspiegabile intervento del senso unico e della ciclabile che porta sul retro del centro studi, una ciclabile che nasce a metà via Gramsci a muore dietro la curva in via Amalteo, che per chi esce da via della Stadio è raggiungibile attraversando ad angolo retto e con le auto che alle spalle imboccano il senso unico l'incrocio su via Gramsci; se sommiamo l'infausta scelta di rovesciare il senso unico di via Bellini facendo finire lo sbocco su viale Trieste con una visibilità pari a zero e tenendo conto che non serviva perchè poche decine di metri più avanti si svolta a sinistra alla ifne di viale Zancanaro; se sommiamo i ciclisti che dovrebbero sentirsi sicuri in via Cartiera vecchia solo per una striscia gialla e che poco dopo devono scegliere se pedalare entro 40 centimetri di corsi a travolgere i pedoni sullo stretto marciapiede e farsi buttar giù dalle auto che escono dalle rampe dei garage; se sommiamo il fatto che al tempo era stato istituito il senso unico in viale Zancanaro "per renderlo più sicuro" e, a fronte del mancato avveramento di questa "profezia", oggi si insiste nel rendere senso unico anche viale Trieste; se da tempo sulle pagine di Pordenone si sente ormai parlare della pericolosità del ring (e del minestrone in tutte le salse di piste ciclabili) si insite nel voler creare un "ring" anche qui a Sacile; se ... ecc ecc ... e ne avremmo molti altri di esempi ... ecco dunque perchè i nostri dubbi sono, restano, aumenteranno e - temiamo tanto - continueranno a trovare tristi conferme.

In fatto di reale sicurezza stradale ci restano perciò tanti tanti dubbi e poca poca fiducia in questa amministrazione (come era, a onor del vero, anche in quelle passate).



Ultimo aggiornamento Domenica 16 Agosto 2015 18:03
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...