Sacile Partecipata e Sostenibile

i dubbi ... sulla futura efficacia PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Agosto 2015 09:25

Confermando la premessa del precedente articolo passiamo al secondo punto:
2) Gli interventi sulla viabilità ci fanno persistere nel forte dubbio sulla reale visione organica di questa amministrazione in fatto di sicurezza stradale e di qualità e vivibilità per tutti i cittadini non al volante.
Si può sicuramente promuovere la realizzazione del marciapiede che dall'incrocio con via Balliana porta al ponte Lacchin, così come il percorso che costeggia la rotonda (che resta pericolosa!) di S.Odorico a va verso via Bertolissi, nonchè gli attraversamenti pedonali rialzati, NON condividiamo certo - come ormai tante volte detto e motivato - la scelta dei sensi unici e ci dichiariamo fortemente preoccupati per quanto segue:

a) non è stata applicata al tempo stesso la moderazione della velocità su ampia scala
b) la realizzazione di quelli che chiamiamo da sempre "spizzichi" di pista ciclabile (di tutti i generi, da quelli sul marciapiede, a quelli delimitati solo da striscia gialla, a quelli delimitati da cordoli, altri da paletti, da occhi di gatto, e altro ancora) induce ad una fuorviante parvenza di sicurezza ed è in realtà pericolosa. In particolare, circolare per un tratto sul marciapiede induca a proseguire anche dove non esiste alcuna corsia di ciclabile: anche in questo caso le lamentele sui ciclisti che a PN corrono sui marciapiedi non destinati a ciclabile dovrebbero insegnare. Ma no.

Per chi non ricorda l'auto che ha saltato la siepe e ha abbattuto la panchina in viale Trieste all'incrocio con via Marconi, o non ricorda il camion che ha saltato il cordolo a si è infilato nella recinzione di un giardino di via Ronche, o non ricorda il camion che ha saltato il cordolo della ciclabile sulla Pontebbana e divelto la ringhiera all'angolo del ristorantino "Le Tentazioni", portiamo come nuovo esempio l'abbattimento della colonnina che era stata appena piazzata per sicurezza dell'attraversamento pedonale di fronte alla chiesa di San Liberale:


Ecco dunque provato in tutti questi casi (e purtroppo ce ne aspettiamo altri) che SENZA APPLICARE AL TEMPO STESSO LA MODERAZIONE DELLA VELOCITA' NON ESISTE SICUREZZA.

 

 

 

 

 

 

 

c) Il terzo aspetto per cui non condividiamo gran parte degli interventi effettuati è la loro "ipoteca sul futuro": si tratta infatti di un generosissimo investimento in ... vernice!
Dopo che da anni ci sentiamo dire da tutte le amministrazioni che "non ci son soldi per rifare la segnaletica orizzontale" con questo intervento ci mettiamo un cappio al collo perchè dopo pochi mesi la vernice sarà sbiadita e dovremmo regolarmente manutentare il tutto. Anche questo lo dimostra già uno dei passaggi pedonali realizzati per primi (comunque meno di un anno fa), come quello di fronte alla stazioncina di San Liberale:

 

Ecco dunque che, come abbiam sempre detto, partendo da un progetto organico e di lungo respiro per la città, unitamente al reperimento di fondi europei (e ci sono) o, meglio ancora, dei fondi messi a disposizione dal bando regionale per il 30km/h (che come al solito SPS ha segnalato in anteprima), si sarebbero realizzati interventi DURATURI anche in fatto di "colorazione" e di "arredamento stradale" di attraversamenti, corsie, incroci, parcheggi, ecc. (vedi i nostri articoli sui "benefici" del 30 all'ora).

 

 

 

Se a questo sommiamo l'inspiegabile intervento del senso unico e della ciclabile che porta sul retro del centro studi, una ciclabile che nasce a metà via Gramsci a muore dietro la curva in via Amalteo, che per chi esce da via della Stadio è raggiungibile attraversando ad angolo retto e con le auto che alle spalle imboccano il senso unico l'incrocio su via Gramsci; se sommiamo l'infausta scelta di rovesciare il senso unico di via Bellini facendo finire lo sbocco su viale Trieste con una visibilità pari a zero e tenendo conto che non serviva perchè poche decine di metri più avanti si svolta a sinistra alla ifne di viale Zancanaro; se sommiamo i ciclisti che dovrebbero sentirsi sicuri in via Cartiera vecchia solo per una striscia gialla e che poco dopo devono scegliere se pedalare entro 40 centimetri di corsi a travolgere i pedoni sullo stretto marciapiede e farsi buttar giù dalle auto che escono dalle rampe dei garage; se sommiamo il fatto che al tempo era stato istituito il senso unico in viale Zancanaro "per renderlo più sicuro" e, a fronte del mancato avveramento di questa "profezia", oggi si insiste nel rendere senso unico anche viale Trieste; se da tempo sulle pagine di Pordenone si sente ormai parlare della pericolosità del ring (e del minestrone in tutte le salse di piste ciclabili) si insite nel voler creare un "ring" anche qui a Sacile; se ... ecc ecc ... e ne avremmo molti altri di esempi ... ecco dunque perchè i nostri dubbi sono, restano, aumenteranno e - temiamo tanto - continueranno a trovare tristi conferme.

In fatto di reale sicurezza stradale ci restano perciò tanti tanti dubbi e poca poca fiducia in questa amministrazione (come era, a onor del vero, anche in quelle passate).



Ultimo aggiornamento Domenica 16 Agosto 2015 18:03
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» A scuola con pericolo

Tra TRE settimane tutto il personale scolastico del Marchesini e del Pujati, sede Linguistico, sarà in piena attività e tra CINQUE settimane gli studenti si affolleranno di nuovo nelle rispettive due sedi. Ma p, al rifacimento degli...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...