Sacile Partecipata e Sostenibile

i falsi guadagni PDF Stampa E-mail
Domenica 27 Novembre 2016 18:43

Ma davvero ci abbiamo guadagnato eliminando dalle scuole materne la cuoca e affidando l'alimentazione dei nostri bimbi alle ditte di ristorazione??? Quanto son serviti i soldi buttati nelle varie iniziative spot nelle scuole per l'infanzia ma non aver ancora un vero programma curriculare di educazione fisica e vere e serie palestre??? Non sarebbe fondamentale acquisire le giuste competenze motorie e gli stili di vita appropriati fin dalla scuola primaria attraverso un programma di educazione motoria??? Quanto lontani siamo ancora dagli standard europei??? Quanto ci abbiam guadagnato con quella gran brutta legge (solo in Italia) che vieta ai genitori, che vorrebbero e saprebbero dare educazione stradale e propri bimbi e fidarsi poi anche di loro, di lasciar andare a scuola da soli i figli???

Uhhh, ci abbiamo "guadagnato" sicuramente una bella sconfitta, se solo ci soffermassimo a leggere i dati allarmanti sull'obesità infantile (in FVG oltre il 20% tra i 6 e 10 anni sono in sovrappeso e oltre il 6% è obeso) e ad incrociarli con i dati allarmanti dell'aumento del diabete tra pochi anni.

Eppure non si tratta di interpretazioni chissà che difficili. Non si tratta di non aver modo di informarsi anche solo in termini generali ma poi esigere (come cittadini e elettori) che il sistema sanitario metta bene in chiaro i compiti che i vari soggetti deputati, Pediatri in primis, DEVONO assumersi. Come si sono tradotte nella pratica quotidiana nel nostro paese, ad es., le linee guida per mantenere in nostri bimbi in forma? (SPS vi ricorda che già brilliamo tristemente per assenza quando si parla di inquinamento negli ambienti chiusi.... tranne pochi coraggiosi professionisti...) Perchè non prendiamo atto del terribile aumento del fenomeno dei disturbi alimentari, tanto che l'eccellenza della struttura di San Vito pare non possa più nemmeno accogliere casi dal Veneto perchè ormai sovraccarica di casi della nostra regione?

Si aggiunge ora alla luce del sole anche il costo delle tonnellate di cibo buttate in scuole, ospedali, ecc. perchè i pasti non vengono più "scodellati", ma forniti in vaschette con quantità standard. Non è vero che non si può far nulla. Il Comune di Parma, ad es., è tornato allo scodellamento in TUTTE le scuole e senza problemi

per differenziare anche le "diete speciali" per particolari patologie o per motivi religiosi. Nessun problema. E i bimbi prendono sul loro piatto cosa e quanto davvero intendono mangiare.

Insomma, pare impossibile, ma nel nostro paese si prendono sempre decisioni che nel corso di pochi anni si rivelano non solo profondamente sbagliate e più costose, ma anche incoscientemente e irrimediabilmente dannose. In questo caso mettendo una gravissima ipoteca sul futuro dei nostri giovani.

Certo, i buoni propositi si lasciano scrivere nei vari "piani", ma poi negli anni? Come si è realizzato quanto diceva ad es. il Piano regionale della prevenzione 2010 - 2012? Come si sono concretizzati i "criteri di sicurezza nutrizionali ed elementi correlati alla sostenibilità sociale e ambientale, come ad esempio le produzioni agroalimentari di prossimità, la stagionalità, le filiere dedicate alla refezione scolastica, le micro economie, le produzioni eque e solidali"? Come si è sviluppata la "fase successiva" in cui era prevista "la condivisione degli obiettivi di salute con tutte le comunità locali. Con il coinvolgimento dei genitori, della scuola, delle organizzazioni di agricoltori, allevatori e trasformatori locali, delle ditte di refezione collettiva, ci si prefigge di potenziare ed arricchire il valore del programma attraverso la partecipazione attiva ed il contributo di tutti rivolto al benessere dei bambini e più in generale dell’intera comunità."? Si intende forse semplicemente la presenza di due genitori nelle commissioni mensa?
Beh, un pò pochino come "partecipazione attiva delle comunità locali" no?

Ad ogni modo una cosa è certa: alla luce della grave situazione e dell'ancor più grave scenario che si prospetta per il 2025 non si vedono all'orizzonte grandi e coraggiose prospettive.
Altro che guadagno...una vera bancarotta!

Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Novembre 2016 21:55
 
Articoli correlati :

» quando i Ministeri la dicono tutta

Già. Quando i Ministeri (ovviamente ricoperti da persone responsabili e competenti) la dicono tutta sul perchè la qualità di vita in una certa Nazione è quella che è.Andiamo : andiamo per questo articolo in ... SVEZIA.In Svezia dove dal 2015...

» Una mostra al 100% a misura di bimbi

Per celebrare il gemellaggio con Novigrad l'Amministrazione, tra le altre cose, ha previsto l'esposizione dei disegni delle bambine e dei bambini delle scuole dell'infanzia e delle primarie delle due città.Allora facciamo una volta per tutte le...

» Complimenti a ... al comune di Azzano Decimo

Avevamo colto giusto con il nostro articolo precedente: il è andato ben oltre le solite belle parole e si è rivelato molto concreto e può essere davvero considerato con il termine di "buona pratica".Complimenti, perchè Azzano Decimo ha...

» dedicato ai "grandi"...

Dedicato ai "grandi" ... che poi tanto "grandi" non sono, visto che durante la bella stagione i bimbi trasportati sul seggiolino delle bici dai "grandi" son purtroppo quasi tutti SENZA CASCHETTO. Ulteriore esempio della e della totale mancanza di...

» studio sull'inquinamento all'interno delle scuole

E' stato presentato a metà marzo 2014 a Tavagnacco il risultato dello studio di due anni di ricerca condotta dai dott. Marilena Mazzariol, Manuela Mazzariol, Alen Carli e del Servizio di Allergo-Pneumologia Clinica Pediatrica, Università di...

» una vera biblioteca per piccoli lettori

Cogliendo l'occasione per fare i complimenti a tutti quanti in questi anni hanno promosso e sviluppato il progetto Biscù, al quale auguriamo ancora tanto successo, cogliamo anche il modo – noi “grandi” - di fermarci a riflettere quanto...

» Complimenti a ...

Complimenti all'Amministrazione comunale di Azzano Decimo. Infatti la scuola materna di Tiezzo per i suoi 100 bimbi sarà fornita presto di una mensa a chilometri zero, cioè esclusivamente di prodotti di aziende del territorio. Oltre che per un...

» Risposta del Prefetto al nostro Esposto sull'attesa al PS Pediatrico

E' pervenuta a Sacile Partecipata e Sostenibile e all'Associazione per il Rinnovamento della Sinistra da parte della Prefettura di Pordenone la per la situazione verificatasi il giorno 30/11/12 al Pronto Soccorso Pediatrico di Pordenone. Alcune...

» Elogio della cuoca

Ciclicamente tornano alla ribalta le questioni legate alle mense scolastiche. Anche nel nostro Comune, da un lato si attende l'esito del ricorso seguito alla gara per l'affidamento dell'appalto mensa, dall'altro monta ancora una volta la rabbia dei...

» diamo la cittadinanza onoraria ai piccoli cittadini stranieri di Sacile

Il Presidente della Repubblica ha dichiarato: ''E' una follia non riconoscere la cittadinanza ai figli di immigrati che nascono in Italia” e molti Comuni si sono mossi per aderire alla proposta di dare un riconoscimento di cittadinanza...