Sacile Partecipata e Sostenibile

il grande valore di un piccolo tesoro PDF Stampa E-mail
Domenica 08 Dicembre 2013 15:20

Che grande perdita l'esilio del patrimonio archeologico raccolto nel corso degli anni da Mons. Antonio Moret e Sergio Camol ed esposto allora nei locali attigui alla Chiesa di San Giovanni del Tempio.
Dimostra di non aver capito quanto importante sia tener unito il patrimonio di alta visibilità, come un palazzo storico, con quello meno visibile ma altrettanto prezioso, come può esserlo un piccolo reperto archeologico, che testimonia con la sua presenza l'insediamento di quella comunità che in seguito ha poi eretto quel palazzo.
Dimostra di non aver capito come questo patrimonio possa rappresentare il più alto servizio nei confronti del bene pubblico della propria città: e cioè l'energia e la pazienza investite a non far cadere nell'oblio un pezzetto di storia, energia spesa a titolo totalmente e profondamente gratuito, il che significa nemmeno per fama personale.

Dimostra di non aver capito che vanno ricompensati con tanto rispetto quei cittadini che hanno dimostrato alto senso civico raccogliendo e consegnando a don Antonio quelle testimonianze che casualmente emergevano dalle zolle arate. Invece di tenersele per sè, han compiuto corretto atto civile considerando quanto trovato patrimonio della comunità.
Dimostra di non aver capito che l'attenzione dedicata al patrimonio culturale sta in diretta proporzione con l'attrattività turistica che dovrebbe collocare il nostro Paese al primo posto in Europa e che invece sta perdendo posti ad ogni nuova classifica.

Peccato, perchè, se i nostri amministratori non hanno colto tutto questo, i visitatori della nostra città, italiani ed esteri, lo sanno invece ben interpretare ed apprezzare esattamente in questo senso.

A parte che la nostra città ancora non possiede un luogo di mostra permanente (SPS ha fatto presente più volte la villetta ex-ENEL), ma si venga a dire che sarebbe stato impossibile adibire una sala, ad es. di Palazzo Ragazzoni, contenente una serie di bacheche fisse destinate al radici storiche del nostro territorio. Non erano locali immensi quelli in cui per anni son stati custoditi monete,  reperti di manufatti di vario genere e vario materiale, una deliziosa collanina. Non è assolutamente motivabile non aver trovato modo di mantenere a Sacile la loro conservazione, la loro esposizione e la loro dovuta valorizzazione.

"Per la sua appassionata opera di ricercatore di storia e archeologia locale, la Chiesa vittoriese gli esprime viva riconoscenza" scrivevano il Vescovo Pizziolo e Mons. Magarotto nell'annunciare la scomparsa di don Antonio Moret, mancato a 95 anni dopo aver guidato per 33 anni la parrocchia di San Giovanni del Tempio.

Una perdita non solo per San Giovanni del Tempio ma per Sacile tutta.

E la Lega non si pronuncia su questa imminente perdita di testimonianza delle nostre radici???

PS.: Il giorno dopo la consigliera di FI, Susanna Toffoli, ci dice che in quanto patrimonio dello Stato la raccolta  va al Museo archeologico di Torre, che un museo a Sacile non si può fare per i costi, anche di gestione, e che nemmeno la Giunta Cappuzzo aveva trovato un luogo adatto.
Rispondiamo, come si suol dire, senza indugio:

Perchè, il Comune di Sacile non è forse territorio italiano e l'Amministrazione Locale non rappresenta “lo Stato”? I reperti di Aquileia sono stati forse tutti trasportati a Roma? No di certo, perchè ciò che emerge dalla terra e testimonia la storia del luogo deve restare esattamente lì per il suo legame materiale e affettivo. Che la raccolta archeologica della terra dei Templari sia a Torre o a Sacile quindi nulla cambia per la tutela di un bene dello Stato.
E per quanto riguarda il luogo la previsione di uno spazio museale non dovrebbe stupire una rappresentante di una città di 20.000 abitanti. Vi sono realtà più piccole che possiedono il loro bel museo. Come ad es. quello nella Perchè, il Comune di Sacile non è forse territorio italiano e l'Amministrazione Locale non rappresenta “lo Stato”? I reperti di Aquileia sono stati forse tutti trasportati a Roma? No di certo, perchè ciò che emerge dalla terra e testimonia la storia del luogo deve restare esattamente lì per il suo legame materiale e affettivo. Che la raccolta archeologica della terra dei Templari sia a Torre o a Sacile quindi nulla cambia per la tutela di un bene dello Stato.
E per quanto riguarda il luogo la previsione di uno spazio museale non dovrebbe stupire una rappresentante di una città di 20.000 abitanti. Vi sono realtà più piccole che possiedono il loro bel museo, come quello ricavato nei locali della vecchia canonica di Gemona, allestito secondo la più moderna concezione della fruizione virtuale. Certo che l'Amministrazione Cappuzzo non aveva trovato una sede (nemmeno alla Caritas ricordiamo inoltre), ma la decisione di esiliare la raccolta dal territorio sacilese è ben più definitiva rispetto alla speranza di poter un giorno riesumare gli scatoloni ed esporre il piccolo tesoro.
E riguardo quest'ultimo punto è veramente ridicolo allargare le braccia con le insormontabili difficoltà elencate. Perchè dove c'è una volontà c'è sempre anche una via. Basterebbe sedersi ad un tavolo e nel giro di una sera la soluzione si troverebbe. Sarebbe sufficiente come inizio usare una sola delle ampie stanze della ex-Nievo e munirla di bacheche sia lungo tutte le pareti sia in mezzo. La saletta espositiva potrebbe essere aperta ogni qual volta un gruppo di turisti si trova in visita a Palazzo Ragazzoni o in occasione di determinati eventi, per le cui ore di apertura non sarebbe difficile trovare un volontario come testimonia la generosità dei cittadini che sempre si mettono a disposizione in occasione di varie mostre.

(Tra l'altro, ricordiamo che anche l'Università della Terza Età e degli Adulti aveva già ripetutamente proposto anche all'Amministrazione Cappuzzo, di volersi impegnare come associazione per l'allestimento di un museo. Sarebbe stata una garanzia per la nostra città, vista la quantità e qualità del lavoro dell'UTE.)

Insomma, nessuna, ma proprio nessuna scusa.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Gennaio 2014 18:18
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...