Sacile Partecipata e Sostenibile

imminente intasamento del PS di PN: allo studio modalità per ... girare la frittata PDF Stampa E-mail
Sabato 02 Dicembre 2017 16:46

Apprendiamo che un gruppo di 20 esperti si sta occupando di come prevenire l'imminente formarsi della solita calca al Pronto Soccorso di Pordenone secondo la procedura di analisi denominata "lean management", che segue un modello di pensiero giapponese introdotto un bel pò di anni fa dalla nota fabbrica di automobili Toyota.

Ah beh.

In pratica, siamo alle solite: esattamente come per la Legge Fornero, prima si fa la frittata in fretta e furia, e poi si spendono tempo e denaro per ANALIZZARE i perchè dei disastri. Disastri annunciati, prevedibili anche da un bambino, ma categoricamente negati dai responsabili. E immancabilmente dopo un pò di tempo, quando non è più possibile negare l'innegabile, ci si mette alla ricerca disperata (in FVG abbiamo anche le elezioni vicine!) di come girare le frittata.

Iniziamo dunque ricordando che già quando ancora funzionavano sulle 12 ore i PS di Sacile e Maniago (cioè accogliendo tutti i 4 codici con la presenza del rianimatore fino alle 16.00) nei mesi invernali il PS di PN era sotto pressione.
Nel novembre del 2014 l'ass. reg. alla Sanità, Maria S. Telesca, annuncia l'entrata in funzione della "App eliminacode", una "innovazione" che avrebbe consentito al cittadino di scegliere in quale PS andare secondo le sue esigenze.
Facile prevederne la scarsa efficacia: innanzitutto se uno è malconcio e spaventato non è che tranquillamente naviga in internet, a maggior ragione se è anziano; e poi, come si fa a sapere quale codice attribuirsi? Se così fosse, non si avrebbero al PS tanti codici bianchi, no?! Infine si sa benissimo che uno va al "suo" PS; quale cittadino

di PN andrebbe mai a Maniago (declassato a PPI sulle 12 ore il 1° maggio 2014) o a Sacile pur vedendo che avrebbe minor attesa? Quale cittadino sceglie di andarci, sapendo che Sacile e Maniago non sono più Pronto Soccorso ma Punti di Primo Intervento (no rianimazione, no osservazione, no ricoveri, no codici rossi e gialli)? Vogliamo verificare quanti pordenonesi sono andati a Sacile o a Maniago dopo l'introduzione della "App eliminacode"?!
Quindi, non occorrono analisti per constatare il prevedibile fallimento della App.

Ma andiamo a vedere questa ulteriore innovazione risolutiva per le code al PS di Pordenone (sperando che almeno non vedremo mai più l'intervento dei Carabinieri per placare familiari di pazienti inferociti): cosa significa "lean management", oltre a far colpo sul semplice cittadino che legge termine sulla stampa?
Prendiamo la definizione da chi proprio se ne occupa: "Cos’è lean management? È la gestione snella dell’azienda, ottenuta tramite l’applicazione dei principi del Lean Thinking e del Toyota Production System. Un miglioramento continuo per creare valore al cliente interno ed esterno aumentando la competitività, attraverso la gestione dei processi aziendali e la riduzione degli sprechi. Il Lean Management può essere adottato da aziende manifatturiere, aziende di servizi e pubbliche amministrazioni interessando sia processi fisici che processi transazionali o informativi."

Ah beh.

Ad ogni modo, come sempre, ci poniamo in attenta attesa per seguire l'evolversi di come "Fare di più con meno", (ma non ci avevano detto che con questa "riforma noi cittadini avremmo avuto "di più"?) la filosofia del giovane ingegnere giapponese Taiichi Ōno, preserverà nelle prossime settimane pazienti esausti e operatori sanitari eroici dai disagi del sovraffollamento al Pronto Soccorso e della mancanza di posti letto (visto che ci han sempre sgridato sul fatto di pensare troppo ai "numeri di posti letto") in Medicina.

A proposito dei letti di Medicna per inciso ricordiamo infatti che la dichiarazione fatta dal Direttore Generale Delli Quadri secondo cui, per risolvere il cronico problema dei pazienti fuori reparto dell’ospedale di Cattinara (mediamente più di 60), ha stipulato una convenzione con tre strutture private per un totale di 46 posti letto di medicina, conferma che anche in FVG la riduzione dei posti letto è stata eccessiva. Tra l’altro, sempre a Cattinara, è stato aperto un nuovo reparto medico – ACO, cioè accoglimento condiviso – di 21 letti, che dimostra come l’ipotesi di "gestire sul territorio la cronicità" sia già fallita sul nascere.

Infatti, non siamo solo noi cittadini "semplici" a dire che c'è stata una regressione nella gestione dell'emergenza e che non è possibile curarsi ... a casa. Ci sono, grazie al cielo, anche voci parecchio "esperte".

Conclusione: non ci sono rianimatori, non ci sono medici (eroici!!!) di Pronto Soccorso, due PS li abbiamo eliminati, i posti letto di Medicina si son dimostrati insufficienti già lo scorso inverno, difficile garantire già nei prossimi anni il ricambio generazionale dei medici di base (definiti "le colonne portanti" della riforma), la popolazione anziana è in costante aumento, ... "meno" di così per "fare di più" davvero non si può.

Ultimo aggiornamento Venerdì 08 Dicembre 2017 18:32
 
Articoli correlati :

» un centro del riuso in un centro commerciale???

perchè l'amministrazione sacilese non ha alcuna intenzione di in verità riciclabili e utilizzabili, lanciamo il nostro appello a uno dei centri commerciali in zona.Per rendere più chiaro e motivato il nostro appello, come sempre, citiamo e...

» Spunti per ... chi vuol sentire

Continuiamo a . Spunti che - ormai sappiamo - vengono tanto apprezzati dai nostri lettori quanto ignorati dai nostri amministratori. Ma sono i primi ad interessarci, la nostra speranza è sempre qualle di avere cittadini-elettori che badano ai fatti...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» Pronto Soccorso e mezze risposte

Davvero difficile credere che qualcuno ancora si stupisca della situazione che in queste settimane si è creata al Pronto Soccorso di Pordenone. Sovraffollamento seguito a ruota dal sovraccarico del reparto di Medicina.Partiamo dal secondo: cosa...

» Esami del sangue? Un pellegrinaggio in un labirinto

Aggiunta con dettagli :Abbiamo avuto modo di verificare di persona la situazione a Sacile e non possiamo purtroppo che aggiungere a quanto già esposto. Perchè l'incredibile non ha fine.Innanzitutto c'è una tal quantità di gente in attesa che non...

» Referendum costituzionale - I CONTENUTI DELLA RIFORMA

» 50 posti in casa di riposo sfumati? Ma va?!

Apprendiamo dalla stampa locale che per l'ennesima volta : ben 60 le domande in lista di attesa per un posto in casa di riposo a Sacile, ma ... il posto non c'è. I famosi 50 posti promessi addirittura con "i soldi ci sono" (come mi era stato detto...

» Dire che il piano aria dei 10 comuni è comico sarebbe un complimento

Definirlo "comico" si potrebbe se non si trattasse di una tale gravità. Gli amministratori dei 10 Comuni presenti del pordenonese hanno fatto una sola cosa nuova: mettersi insieme.Primo provvedimento che andava fatto già anni fa. Primo aspetto...

» quando i Ministeri la dicono tutta

Già. Quando i Ministeri (ovviamente ricoperti da persone responsabili e competenti) la dicono tutta sul perchè la qualità di vita in una certa Nazione è quella che è.Andiamo : andiamo per questo articolo in ... SVEZIA.In Svezia dove dal 2015...

» dove le residenze per anziani si costruiscono in pochi mesi

Per iniziare andiamo però al contrario: cioè a quanto riferito da articolo - guarda caso - del giorno dopo il nostro sulla stampa locale, . L'articolo riferisce dei famosi 15 alloggi per anziani (dei quali ). Progetto avviato 5 anni fa, costo...