Sacile Partecipata e Sostenibile

improvviso diffuso interesse per la "partecipazione" PDF Stampa E-mail
Venerdì 08 Marzo 2013 20:49

Come lista civica di cittadinanza attiva che da 5 anni ininterrottamente si impegna a Sacile non possiamo certo esimerci dal dare il nostro apporto ad una discussione che ad un tratto sembra sempre più animare la nostra città. A maggior ragione per il fatto che il tema che ultimamente pare essere richiesto a gran voce è presente come uno dei due fondamenti che ci ha portato alla costituzione di questa forza politica: la partecipazione.

Sarebbe troppo facile fermarsi alle due domande che per prime verrebbero in mente anche ad un bambino: chi hanno votato questi cittadini nel 2009 e dov'erano questi cittadini in questi 5 anni? Ma questo sarebbe il minimo della questione. Il problema è che la risonanza e la ridondanza della rivendicazione non necessariamente coincidono con la conoscenza dell'argomento (come si evince dagli interventi sulla stampa) e di conseguenza la tanto reclamata "partecipazione" potrebbe, come spesso accade, essere oggetto di facile consenso ma di mancata realizzazione...

Il programma di SPS è infatti saldamente ancorato ai principi e alle modalità del Bilancio Partecipativo che da oltre dieci anni vede la sua applicazione, partita negli anni '90 dall'esperienza di Porto Alegre, anche in Europa e nel nostro paese. Non a caso avevamo portato a Sacile ancora nel 2005 il prof. Giovanni Allegretti, cui va il merito di averne fatto una disciplina di studi universitari, e che aveva collaborato al progetto URBAL, destinato in partenariato con il distretto di Santa Maria do Sul a formare amministratori e cittadini del FVG nell'applicazione del Bilancio Partecipativo (ottimo corso - ma zero ricaduta sulle Amministrazioni, Sacile compresa).

Il Bilancio Partecipativo non è da confondersi con le procedure di Agenda 21 che non offrono certo al singolo cittadino possibilità di contribuire alle scelte, ma che possono addirittura finire per veicolare sotto la maschera della partecipazione i soliti interessi forti (i "portatori di interessi").

SPS crede fermamente in questo percorso che deve inequivocabilmente portare ad un momento deliberativo per ogni singolo cittadino e che è, secondo noi, garanzia di forti scelte improntate alla sostenibilità e ad un futuro migliore. Ecco perchè questo binomio, che evidentemente molti sacilesi ancora non hanno nè scoperto nè correttamente interpretato, è diventato 5 anni fa il nostro nome. Ed ecco perchè da oltre quattro mesi abbiamo aperto la raccolta di idee per un programma “partecipato” che precede, esattamente come abbiamo voluto nella scorsa tornata amministrativa, candidati di lista e candidato Sindaco.

Speriamo dunque che alla prossima tappa intermedia, un workshop sul Bilancio Partecipativo a fine marzo o inizio aprile, ci siano tutti coloro realmente interessati a capire come davvero funziona un governo della città dove i cittadini votano non ogni 5 anni ma durante tutti i 5 anni.

Ultimo aggiornamento Giovedì 14 Marzo 2013 14:41
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...