Sacile Partecipata e Sostenibile

intervento del GdP, dott. R. Vairo, sul rimborso depurazione PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Marzo 2014 17:34

SPS ringrazia il Giudice Emerito, dott. Raffaele Vairo, già coordinatore dell'Ufficio dei Giudici di Pace di Pordenone, per la sua presenza alla serata del 3 marzo 2014 dedicata alla questione dell'illegittimità del versamento del canone di depurazione in caso di servizio non reso.
Il dott. Vairo ha trattato il tema secondo tre aspetti: 1) l’obbligo del pagamento del canone fognario; 2) il contratto di fornitura di un servizio; 3) la ripetizione dell’indebito.

1. Canone fognario: Avverso la norma che prevedeva l’obbligatorietà del pagamento del canone fognario “anche nel caso in cui la fognatura sia sprovvista di impianti centralizzati di depurazione o questi siano temporaneamente inattivi” (art. 14 della legge 05.01.1994, n. 36) il Giudice di Pace di Gragnano, ritenendo la norma viziata per incostituzionalità, richiedeva la pronuncia della Corte Costituzionale. Le eccezioni di incostituzionalità, secondo il GdP di Gragnano, riguardavano:
a) l’art. 2 della Costituzione, in quanto la pretesa dell’ente locale importava l’aggressione del diritto inviolabile del cittadino quale soggetto di diritto. L’aggressione si realizzerebbe nel momento in cui l’Amministrazione pubblica impone una prestazione patrimoniale in assenza della relativa controprestazione (il servizio).
b) l’art. 3 della Costituzione, in quanto con la norma denunciata sarebbero trattati allo stesso modo sia coloro che usufruiscono del servizio di depurazione sia coloro che non ne usufruiscono per l’assenza di impianto centralizzato di depurazione.

c) l’art. 32 della Costituzione, perché incoraggerebbe il lassismo degli enti locali a spese della salute dei cittadini e delle future generazioni danneggiate dall’inquinamento che ne scaturisce.
d) l’art. 41 della Costituzione, perché il privato cui è affidata la gestione delle risorse idriche ne trarrebbe utili in contrasto con la dignità umana e l’utilità sociale.

La Corte Costituzionale accoglieva le tesi sopra esposte e, di conseguenza, cancellava l’obbligo del pagamento del canone nel caso di assenza del servizio per mancanza di impianti centralizzati di depurazione. La decisione veniva motivata come segue:
a) il canone non può essere considerato quale tassa e, anzi, si configura quale corrispettivo di una prestazione commerciale complessa che trova la sua fonte nel contratto di utenza;
b) dalla considerazione che trattasi di corrispettivo di una prestazione commerciale deriva l’altra considerazione della irragionevolezza della disposizione denunciata nella parte in cui prevede che la suddetta quota di tariffa è dovuta dagli utenti anche quando manchi il servizio di depurazione.

2. Contratto di fornitura del servizio: Dalle considerazioni sopra esposte si evince chiaramente che la fornitura del servizio da parte dell’ente locale si configura quale contratto soggetto alle norme di diritto privato. In particolare, trattasi di “contratto sinallagmatico”, cioè di contratto a prestazioni reciproche che, come tale, consente la tutela civilistica dell’utente da eventuali inadempimenti della controparte mediante gli ordinari strumenti apprestati dal codice civile (quali, ad esempio, l’azione di adempimento, l’exceptio inadempleti contractus, l’azione di risoluzione per inadempimento).
Per meglio comprendere la natura dei doveri nascenti dal contratto è utile sottolineare che il sinallagma sta a indicare il nesso di reciprocità tra le parti, in virtù del quale se è invalida la
prestazione di una delle parti ne risulta invalido l’intero contratto (sinallagma genetico), così come se non viene adempiuta o diventa impossibile una prestazione non è più dovuta neppure la controprestazione sinallagma funzionale. Difatti, una delle parti si obbliga ad effettuare una prestazione a favore della controparte a condizione che l’altra parte effettua a sua volta la
controprestazione. Sicchè, le due prestazioni sono soggette a una medesima sorte. Questo vuol dire che, se una parte non adempie per qualsiasi motivo, l’altra parte non è tenuta alla controprestazione. Nel contratto di compravendita, ad esempio, se il venditore non adempie all’obbligazione di
trasferire il bene venduto, il compratore non è obbligato a pagare il corrispettivo.

3. La ripetizione dell’indebito: Nell’esempio della compravendita, il compratore è obbligato a pagare il corrispettivo solo se il venditore consegna il bene compravenduto. Se il compratore ha effettuato il pagamento, intero o parziale, senza aver ricevuto il bene, ha diritto di ricevere in restituzione la somma eventualmente versata. In questo caso si parla di ripetizione dell’indebito che significa restituzione di ciò che non era dovuto (inademplenti non ademplendum est). La ratio della norma è quella di evitare un ingiustificato arricchimento da parte di colui che riceve il corrispettivo senza aver a sua volta adempiuto alla sua obbligazione.

PS.: Più volte durante l'intervento il dott. Vairo ha sottolineato il comportamento scorretto del Sindaco (avrebbe infatti dovuto essere LUI a prendersi a cuore la questione) e la totale assenza delle opposizioni.

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Marzo 2014 13:51
 
Articoli correlati :

» Approdo sicuro sotto piazzetta Manin?

Approdo sulla Livenza? Si staglia all'orizzonte un nuovo disastro annunciato?Su quel ramo d'acqua così stretto?Con la riva praticamente in verticale?Con il parcheggio sopra in piazzetta Manin che già cede? Prova ne sono le crepe nella...

» PNRR, missione 4, servizi per la prima infanzia

Una buona occasione per ripensare seriamente e con una seria visione e competente programmazione per i prossimi 50 anni può venire con l'aiuto dei fondi del PNRR, missione 4, componente 1.1, relativa agli “investimenti per piani degli asili nido...

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...