Sacile Partecipata e Sostenibile

la caserma che non sarà ... PDF Stampa E-mail
Sabato 18 Ottobre 2014 17:42

Ancora una volta SPS dimostra alla cittadinanza di Sacile di aver sempre detto il giusto: la Caserma dei Vigili del Fuoco è sempre più vicina ad un addio che all'apertura annunciata a suon di trombe, tamburi e cornamuse dall'Assessora leghista Gava che nel 2010 sembrava aver risolto in quattro e quattro nove (!) la questione con l'allora Ministro degli Interni Maroni.

Un Maroni che già il 16/10/09 dal palco dello Zancanaro aveva annunciato “Tra breve Sacile avrà la sua caserma dei Vigili del Fuoco”, aggiungendo che per lui “la parola impossibile non esiste”.

Un anno dopo “Presto aprirà la caserma dei Vigili del Fuoco” titolava la stampa locale al rientro trionfante dell'Assessora da Roma. L'Ass. Gava dichiarava infatti che in quella visita  del 2010 (che aveva fatto infuriare il nostro Sindaco perchè non ne era nemmeno stato messo al corrente) era finalmente stato posto “l'ultimo tassello”.

I loro “presto” li abbiamo aspettati per anni.

E anno dopo anno ai dubbi di SPS rispondevano con toni sempre trionfalisti: “La caserma dei Vigili del Fuoco è un fiore all'occhiello della nostra zona. Un progetto di cui andare fieri come la velocità con cui il Dipartimento si è messo in moto dopo l'input di Maroni.” faceva eco all'Assessora il Segretario e pure lui Assessore leghista, Marco Bottecchia (nuovamente in amministrazione come consigliere e Presidente del Consiglio) in data 8 febbraio 2011. E ancora: “il Ministro Maroni ha formalmente comunicato a Comune, Regione e Prefettura di aver disposto gli adempimenti per il distacco del personale necessario", diceva il Sindaco in persona il 10 novembre del 2011.

Poco regge oggi il motivo del blocco per il patto di stabilità. Un amministratore deve sapere quanti passaggi richiedono le varie opere e astenersi da promesse aspettando di comunicare fatti. L'edificazione e messa in funzione di una caserma di Vigili del Fuoco non è come costruire una casetta. Infatti, guarda caso, in seguito ai regolari articoli di SPS, l'amministrazione Ceraolo poi negli anni si scusava sempre citando i molteplici passaggi amministrativi oppure tentava l'attacco a SPS bollando come “polemiche oziose” le nostre segnalazioni, senza però mai confutare le nostre informazioni con dati certi che dimostrassero il contrario.

Quindi – niente scuse. La politica deve essere seria e cauta. Meglio una parola in meno e un fatto in più. A cosa fatta e funzionante si può gioire quanto e come si vuole. Le promesse sono lecite nelle settimane della campagna elettorale, ma nei 5 anni in cui si amministra devono contare solo i fatti. Fatti e ... sobrietà verbale.

SPS segue la questione da 10 anni, per il valore che attribuisce al corpo dei Vigili del Fuoco (di gran lunga più alto nella maggior parte degli Stati europei!) e ha sempre evidenziato i vari problemi, dati alla mano, dagli adempimenti burocratici non ancora superati ai problemi riguardanti gli organici e le dotazioni che già affliggevano la caserma di Pordenone. Non ci siamo accorti del problema in campagna elettorale. Se si digita “vigili del fuoco” come parole di ricerca nel sito di SPS appaiono ben 15 articoli correlati!

La politica seria però viene invocata per 5 anni, ma poi, al momento del voto, non è più richiesta......Quindi, continuiamo a bere gli annunci e le promesse di chi torna da Roma. Una città solitamente citata da precise forze politiche come covo di ladroni o di morti viventi, ma, guarda caso, e poi sempre il luogo in cui recarsi in pellegrinaggio dai propri vertici politici!

PS: vediamo se almeno si riuscirà ad imbucare un camion dei pompieri nella sede della Protezione Civile..... Han pensato che ci vuole comunque la strada per farlo uscire?!

Ultimo aggiornamento Lunedì 03 Novembre 2014 12:58
 
Articoli correlati :

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...