Sacile Partecipata e Sostenibile

La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è PDF Stampa E-mail
Giovedì 07 Gennaio 2021 16:25

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia".
Il primo pericolo di quella corsia è che vuole trasmettere un senso di sicurezza che poi di fatto non c'è.
I motivi sono tanti.
Sicuramente gli interventi fatti a spizzichi, senza una visione di insieme, sono fallimentari. Lo dimostrano i tanti tratti di ciclabili realizzati a Pordenone, spesso non collegati tra loro, eseguiti con tecniche diverse e così sparpagliati da rendere difficile poi l'accurata manutenzione. Ma non impariamo mai. Perseveriamo negli errori perchè facciamo nel chiuso di un ufficio e spesso anche di fretta.
Nei primi anni '80 ci avevano venduto il senso unico di viale Zancanaro con i parcheggi a lato come una nuova strada finalmente sicura. Ma il senso unico non lo è MAI e giustamente non fa parte di alcun elenco degli interventi a moderazione del traffico. La visuale dritta e senza ostacoli induce a pigiare sull'acceleratore. Si sa.

In relaizone alla mancanza di una visione globale (seppur con interventi che procedono in varie fasi) c'è da chiedersi come mai il limite di 30km/h finisca alla fine di viale Zancanaro qundo poche decine di metri più avanti si trova un importantissimo passaggio pedonale ad uso di decine e decine di studenti che si riversano nello spazio intorno per usare i mezzi pubblici. Uno spazio che ha le fermate su entrambi i lati della strada.
Perchè non far finire il 30km/h subito DOPO l'incrocio con via Gramsci???

E vado ora nello specifico alla corsia ciclabile in oggetto:
La corsia ciclabile a doppio senso è ora certamente prevista dal codice della strada, ma ciò non significa che va bene dappertutto. In viale Zancanaro, quando apriranno anche le superiori, ci saranno decine e decine di alunni che la percorreranno anche con pesanti zaini in spalla e questo porta facilmente a sbandare. Soprattutto parlando e scherzando con altri compagni ciclisti. Facile urtare anche solo contro lo specchietto di una macchina.

La delimitazione della corsia con occhi di gatto può addirittura essere pericolosa per un ciclista che ci finisce con le ruota sopra e, al contrario, non dà alcuna garanzia che l'automobilista non la scavalchi.

Fin tropo facile poi chiedersi cosa uno debba fare in due punti estremamente delicati: cioè quando si arriva al primo incrocio con via Gardini e quando poi si arriva alla fine della corsia poco prima dell'incrocio con via Cavour.
Un pò lo stesso problema di chi arriva da via dello Stadio e dovrebbe svoltare in via Gramsci: che fa? Taglia la strada agli automobilisti che stanno invece entrando in via dello Stadio?

Richiamarsi all'arroganza degli automobilisti è assolutamente fondato. Ma non si dimentichi che è stato anche totalmente tralasciato, come dico sempre, il momento importante a monte di queste opere viarie che è il coinvolgimento della popolazione. Il rispetto degli altri è innanzitutto un fatto culturale, nessun provvedimento tecnico può ovviare a questo, a meno che non si metta un guard rail alto due metri.
Pensate solo che in un documento "tecnico", cioè nel Rapporto Pubblico di Sicurezza stradale del lontano 2003 (!!!) si indica di "avviare un processo di partecipazione dei cittadini e degli operatori locali alle scelte infrastrutturali ed il senso di appartenenza e identità con il proprio territorio" al fine di "migliorare l’efficienza dell’intervento e della spesa pubblica con il contributo dei residenti e operatori locali, migliorare la consapevolezza dei fattori di sicurezza stradale in tutti i cittadini e ridurre la conflittualità sociiale".

Anche invocare la Polizia Municpale è giusto, ma non dimentichiamo che non possono essere dappertutto, visto che sono in perenne sofferenza di organico. E teniamo anche conto che troppi politici del partito degli automobilisti, li accusano poi di “fare cassa” (per me possono fare cassa quanto vogliono con chi mette in pericolo l'incolumità degli altri), ma resta il fatto che non possono rimanere in pianta stabile in viale Zancanaro.
E che il partito degli automobilisti anche a Sacile sia sempre il più forte lo sapete. Basta ricordare, visto che stavolta non è passato molto tempo, che nessuno della minoranza si è chiesto se una qualche caratteristica di questa corsia potesse essere pericolosa. No, la Lega ha subito fatto solo i conticini di quanti parcheggi sarebbero spariti.
Che tristezza

Qui sotto vedete v.le Zancanaro a doppia corsia:

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Gennaio 2021 15:32
 
Articoli correlati :

» Una QUINTA sede per il Pujati?

In caso la nostra città riesca a resistere a San Vito e preservare la sede per il Liceo Musicale le aule verrebbero attrezzate in una parte dell'edificio della Vittorino da Feltre in via Ettoreo, dice il Sindaco. La proposta potrebbe passare in...

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» pericolosa uscita su Pontebbana

L'incidente accaduto lunedì 13 a un ottantenne in bicicletta non è il primo in quel punto: l'uomo stava transitando con la bici sulla ciclabile quando un'auto, uscendo da via Granzotto, lo ha urtato di lato facendolo cadere. Per fortuna non ci son...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.Sottolineo ancora una volta che mettere...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, terza puntata

Eccoci finalmente alla terza puntata della risposta scritta del Sindaco di Sacile relativa al della stazione.Anche in questo caso il Coronavirus aveva bloccato la verifica di un  - chiamiamolo – dettaglio, che invece è di primaria importanza!...