Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

BUONE FERIE!

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 36 visitatori online

Notizie flash

Stop al Consumo di TerritorioSpS aderisce a "Stop al Consumo di Territorio", per un territorio non cementificato.

 

 

la proposta di SPS per il Pujati PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Maggio 2016 17:39

L'emergenza spazi per le aule dell'ISIS "G.A.Pujati" di Sacile dovrebbe trovare soluzione nel collocamento all'interno del Centro Commerciale Serenissima oppure nell'allestimento di un prefabbricato. Questo quanto proposto ad oggi, maggio 2016.
Sicuramente la prima osservazione da fare è quella che, nel caso di entrambe le soluzioni, sia confermato il carattere TEMPORANEO, cioè di uno o massimo due anni. Non deve assolutamente tradursi, come troppo spesso accade nel nostro Paese, che una soluzione temporanea diventa tacitamente PERMANENTE negli anni perchè nessuno se ne occupa più.
Esattamente il problema che oggi ha portato a questa emergenza. Sapevamo di essere "ospiti" al Marchesini, ma, una volta sistemati là, nessuno ha più pensato al momento in cui avremmo dovuto andarcene.
Per dare dunque  certezza che il provvedimento sarà davvero limitato nel tempo c'è un solo modo: delineare contemporaneamente quale potrà essere la soluzione definitiva.
Non ci pare finora di aver sentito nulla in merito. Quindi apriamo noi la discussione:
Potrebbe prestarsi l'edificio in cui ora si trova il corso linguistico.
L'edifico ha una pianta regolare su due livelli. Potrebbe essere rialzato di un piano, MA NON poggiando direttamente su quanto esistente.
Immaginate quattro o sei colonne portanti esterne che sorreggono un nuovo piano: come una scatola sopra l'altra, ma quella sopra non pesa su quella sotto. Una bazzecola per le nuove tecniche costruttive - magari anche con elementi prefabbricati - applicate ad un edificio di dimensioni contenute.

In secondo luogo si passerà al rifacimento esterno dei quattro lati, con efficace coibentazione, con nuovi serramenti ecc. Il muro lato ovest completamente rivestito con fotovoltaico (oltre che solare termico sul tetto). La facciata a est decorata dagli alunni.
Alla fine l'edifico sembrerà un blocco unico.
Inoltre si potrà pensare a migliorare la sicurezza posizionando l'ascensore all'esterno, ed ampliando così la larghezza della scala interna che ad oggi risulta decisamente stretta. Lo stesso dicasi per l'apposizione di scale di sicurezza esterne su entrambi i lati, mentre oggi un lato è occupato dalla centrale termica.
Non sarebbe nemmeno tanto male approfittare per rivedere l'intero impianto di riscaldamento, visto i problemi che ogni anno si ripresentano, cioè freddo quando fuori gela e caldo quando fuori son 25 gradi.
Tassativamente raccolta dell'acqua piovana per i bagni.
E poi, non un solo centimetro di suolo sprecato e docenti e personale ATA che smettono di fare i piccioni viaggiatori.

PS: A giugno è deciso ormai che le 4 o 5 aule saranno "temporaneamente" dislocate nella ex Nievo. Quello che preoccupa però è che CONTESTUALMENTE non si è sentita una parola su quali siano le proposte per una soluzione definitiva.

Vogliamo discuterne?!

Ultimo aggiornamento Domenica 05 Febbraio 2017 19:03
 
Articoli correlati :

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...