La riapertura della RSA? Un atto DOVUTO Stampa
Venerdì 30 Aprile 2021 13:51

La riapertura a pieno regime della RSA di Sacile con il recupero dei 18 posti letto temporaneamene destinati a reparto Covid non può cancellare quanto successo. Un disastro in gran parte legato ad anni e anni di sistematico smantellamento della Sanità Pubblica  a livello nazionale e, in particolare regionale, ad iniziare dalla Legge XIII. E il fatto che la pandemia ancora in atto porterà ad uno spaventoso aumento del debito pubblico induce purtroppo ad ipotizzare che i tagli verranno ancora una volta fatti proprio ai settori pubblici soliti, come Sanità e Scuola, sempre penalizzati per primi. Da essere sollevati che la nostra RSA torni ai suoi 28 letti, ricordiamo già in numero carente rispetto ai bisogni, a ringraziare l'Asfo ce ne vuole. Sicuramente vanno ringraziati tutti coloro che vi han prestato tutto l'impegno possibile, dal dott. Casarin in pensione a tutto il personale che si è trovato catapultato in una situazione così fisicamente e psicologicamente pesante. Una situazione che ha trovato totalmente impreparati coloro che fin poco prima ci vendevano le chiusure dei reparti e i tagli dei posti letto perpetrati negli anni come una visione innovativa del sistema. I ringraziamenti li faremmo casomai volentieri se ci avessero dato qualcosa in più, non certo per veder solo ripristinato ciò che in fretta e furia era stato tolto. Infine non dimentichiamo certo che chi ha dissentito è stato punito, come il giovane medico al quale non è stato rinnovato il contratto.

L'unica cosa positiva è che l'opinione pubblica e parte della classe politica hanno rivalutato l'importanza dei servizi pubblici e del loro autofinanziamento. Forse sarà possibile ricostruire lo Stato e trovare risorse umane e finanziarie necessarie. Da dove prendere le risorse? La questione è innanzituto politica: il nuovo Presidente USA non ha timore di intervenire sul reddito privato. Noi però siamo governati insieme da una destra ancorata al servilismo che ciò che fa bene ai ricchi fa bene a tutti e un PD caratterizzato da eterni tentennamenti o, peggio ancora, che soffoca sul nascere questioni di giustizia che non permettono di estirpare il male dell'evasione fiscale in Italia.
Tornando al nostro ex Ospedale bisogna quindi ritrovare coraggio almeno per onorare le vittime Covid di ripensare con onestà quali carenze non dovranno mai più manifestarsi così tragicamente. E' palese che son scoppiate le Medicine e i Pronto Soccorso che già prima della Pandemia avevano subito ciclicamente le crisi legate ai periodi di influenza. Il Governo regionale cambi rotta e allora ringrazieremo.

PS: E così, con un Sindaco che ringrazia per il DOVUTO e ringrazia anche solo in base ad UN ANNUNCIO ... ci ritroviamo al 22 maggio che ancora il reparto RSA invece non è tornato a pieno regime e il personale se ne sta in cassa integrazione. Eh già...

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Maggio 2021 12:55
 
Articoli correlati :

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» sulla Pontebbana come a Darmstadt?

E' lo scivolo di un luna park? No!E' una pista da bob estiva? No!Poco prima di Natale 2020 a Darmstadt è stato inaugurato l'avveneristico “ponte rosso” che permette a pedoni, ciclisti e persone in carrozzina di passare da una parte all'altra di...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Attraversamento, dosso o rallentatore???

Il nuovo manufatto stradale realizzato in via Cartiera vecchia subito dopo la rotonda e subito prima del ponte desta una domanda: si tratta di attraversamento pedonale, di dosso o di rallentatore della velocità o di tutte le tre cose...

» Il recupero del vecchio edificio militare

E così questa città si è liberata da una servitù militare, si appresta a vedere il recupero di un grande edificio storico, compreso il parco intorno, e a guadagnare 120 posti di RSA.      E' Sacile questa città?

» Zona 30: beneficio 4

Beneficio 1: minor spazio di frenata e di arrestoBeneficio 2: cono visivo allargatoBeneficio 3: senso alterno pur con restringimento carreggiata (non sensi unici!)e ora...Beneficio 4: con la riduzione della velocità è possibile GUARDARSI NEGLI...

» e perderemo anche la riabilitazione

SPS si associa alla preoccupazione, o forse meglio ormai dire chiaramente rabbia, dei sacilesi. Certo abbiam cercato invano, insieme all'ARS, di tenere alta l'attenzione in questi anni, seguendo sempre le segnalazioni dei cittadini su vari...
SEO by Artio